BASTA
Lv 7
BASTA ha chiesto in Musica e intrattenimentoCinema · 10 mesi fa

Se non avessimo avuto Kubrick, chi avrebbe potuto raggiungere una simile grandezza?

Non limitatevi a dare solo un nome perché, contrariamente a quanto si pensi, non è affatto una risposta semplice. Piuttosto divertitevi ad argomentare quanto e come volete, perché così potremmo imparare tutti qualcosa in più.

9 risposte

Classificazione
  • Vavax
    Lv 7
    10 mesi fa
    Risposta preferita

    Chiunque.

    La genialità è una questione anche tempistica.

    E di fortuna.

    E di normalità fatta di consensi: tutti dicono che è un genio e questi lo diventa.

    E ora mandatemi pure dove volete.

    Anche al cinema, ma resto una causa persa.

    :)

  • Jim
    Lv 6
    10 mesi fa

    Mi attirerò le ire di molti probabilmente, ma contrariamente a quanto solitamente affermato non credo che Kubrick sia stato il miglior regista di sempre. Non perché non fosse bravo, per carità, bensì perché a mio avviso di bravi ce ne sono stati a bizzeffe, e poi insomma, diciamocelo, è proprio tanto soggettiva come cosa...

    È un po' come eleggere il miglior scrittore di sempre, o il miglior musicista, o la miglior canzone... Come si fa? Tutti citano Elvis per esempio, ma io impazzisco per Carl Perkins, non per lui. Come la mettiamo? Tutti osannano i Beatles, ma per quanto mi riguarda una qualunque canzone di Luigi Tenco mi emoziona sedici miliardi di volte in più. Torno a ripetere, come la mettiamo? 

    D'accordo, possiamo buttarla sulla questione tecnica, ma anche lì, chi si assume la responsabilità di tali dichiarazioni? Un utente di Answer? Un critico? Un altro regista? Mah... Personalmente prendo assai più in considerazione chi prima di lanciarsi in simili affermazioni pone un semplice "secondo me"... 

    Per quanto riguarda i nomi io penso che Kubrick senza l'arte di Lang, Pabst, Ford, Kurosawa, Vigo, Visconti, Murnau, Von Sternberg, Browning, Hawks, Welles, Griffith, Hitchcock, Renoir, Carné, Lattuada, Bunuel e tanti, tantissimi altri magari meno noti ai più non sarebbe arrivato ai vertici che ha poi superbamente raggiunto... Ho sempre inteso il cinema come un enorme prodotto costituito da molte mani. In parole più semplici (e assai più comprensibili) penso che senza l'apporto dato dai vari singoli nel corso delle varie epoche molti maestri non avrebbero mai brillato. 

    Poi certo, ognuno ha il sacrosanto diritto di avere i suoi gusti. C'è chi ama la maniera, lo stile, la tecnica che Kubrick utilizzava, c'è chi impazzisce per l'idea, la concezione di cinema che Kubrick aveva... Così come c'è chi impazzisce per Hitchcock, Fellini, Godard, Almodovar e via dicendo. 

    Tutti d'accordo (credo) nell'affermare che è stato uno dei migliori. Per ciò che mi riguarda, un po' meno d'accordo con chi a colpo sicuro mi dichiara trionfante che è stato il migliore. Anche perché, detta tra noi, Kubrick - data la sua estrema popolarità - spesso viene citato da presunti appassionati di cinema, che con tanto orgoglio eleggono Kubrick re, ma sotto sotto non hanno mai visto un Welles e credono che l'unico Ford sia quello delle automobili :) 

  • 10 mesi fa

    Wow, 2 BASTA al giorno tolgono i bimbiminkia di torno (😎😎😎😎😎😎); strana domanda comunque, anche un po' """generalista""" se posso dirlo, cioè Kubrick era un grande artista (io stesso lo considero uno dei 5 registi più importanti della storia) ma non era il migliore, sono abbastanza d'accordo con Jim, per carità Kubrick è stato uno dei pochi che è riuscito a fondere arte e intrattenimento ed elevarli a dei livelli forse mai visti prima (forse solo Hitchcock) però... Se non fosse mai esistito sarebbero in ogni caso arrivati i vari Scott con Blade Runner, Tarkowskij con Solaris, andando un po' fuori dalla fantascienza per me Arca Russa di Sokurov è bello tanto quanto 2001 se non di più, Sokurov non aveva bisogno di Kubrick per fare Arca Russa, così come molti altri artisti, i vari Bela Tarr con Il Cavallo di Torino, Gaspar Noè con Enter The Void (ok Noè no visto che ha sempre detto che il suo film preferito è 2001 e ha sempre voluto fare un film alla 2001) però concordo con Jim quando dice che il cinema è un enorme prodotto costituito da molte mani, infatti anche, non so, il già citato Il Cavallo di Torino non ha niente di Kubrick ma sicuramente Bela Tarr ha assorbito l'arte di Kubrick e nei suoi film ne mette un pezzettino però invisibile, magari anche solo un frame.

    Ripeto, per me 2001 è l'apice massimo mai raggiunto dal cinema ma Kubrick non lo trovo più rivoluzionario di un Godard o un Pasolini sinceramente, non dimentichiamo Chaplin e Eisenstein. Comunque questa è la mia modesta opinione, concludo dicendo che se qualcuno mi chiedesse "scegli tra Kubrick e TUTTI gli altri film mai fatti" probabilmente sceglierei tutti gli altri

  • 10 mesi fa

    Il grandissimo pregio di Kubrick, cosa che secondo me lo rende un regista praticamente unico, è che era prima di tutto un fotografo. Ed è per questo che il suo cinema è così forte, conosce benissimo la potenza di una singola immagine e la sfrutta appieno nei suoi film, cosa che pochi altri registi fanno, nessuno con la sua qualità.

    In realtà però c'è un regista che ha pareggiato Kubrick almeno una volta in carriera e devo dire che non lo ha fatto da solo, sto parlando di Francis Ford Coppola in coppia con Vittorio Storaro in Apocalypse Now. Coppola ci ha visto lunghissimo nel scegliere l'Italiano come direttore della fotografia al posto Gordon Willis (che mica è un pirla eh), lo ha corteggiato (Storaro in prima battuta aveva rifiutato), gli ha concesso tutto ciò che voleva (la pellicola veniva mandata a Roma, non a LA) ed era arrivato a sostenere che nella troupe nessuno era indispensabile, tranne Storaro. 

    Detto questo, chi avrebbe potuto arrivare ad una simile grandezza? Guarda ti sparo un nome secco, anzi due nomi secchi, anzi ti paleso una scena. Prova ad immaginarti Dunkirk con la regia di Nolan e la fotografia di Lubezki o di Storaro (non che quella che ha faccia schifo, anzi è straordinaria, ma loro due avrebbero dato quel tocco che lo avrebbero potuto rendere un film all'altezza di Kubrick).

    P.S. A mio avviso non c'è dubbio alcuno che Kubrick sia il più grande regista, anzi il più grande cineasta di tutti i tempi, per vari motivi in primis perché ha fatto il più grande film di sempre, ma anche perché ha sempre mantenuto altissimo il livello, a differenza di Coppola per esempio. Ma non solo ha sempre mantenuto altissimo il livello per gran parte dei suoi film, lo ha fatto anche per gran parte dei fotogrammi. Per citare Nolan, c'è una tale intrinseca fiducia nella potenza di una singola immagine in Kubrick che gli fa provare imbarazzo per il suo lavoro e quello di tutti quelli come lui che devono riempire le scene di cose, di suoni, di azioni, ecc... (cioè tutti o quasi) per ottenere una reazione del pubblico, per dare qualcosa al pubblico. Alcuni dei più grandi registi sono riusciti, qualche volta, a trovare questo, Kubrick molto molto molto più spesso di chiunque altro. Il cinema è fatto di immagini e ciò che fa Kubrick ne è la quintessenza, poi si può parlare di gusti, ma i gusti sono gusti.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 10 mesi fa

    Uhm, forse (forse, eh) stai dando troppe cose per scontate.

    Non so quanti conoscano 'davvero' l'opera di Kubrick e quello che c'è dietro (e sotto, e soprattutto avanti), le sue strategie registiche, la sua ricerca, l'urgenza innovativa, l'autarchismo (l'autismo) e la maniacalità uniche, la sua capacità 'reinterpretativa' di storie altrui (così affamata, egoica, da renderle profondamente proprie), la sua capacità di sclerotizzare il (suo) tempo e farlo resistere al tempo, etc.

    Forse (forse, eh) si parla di Kubrick un po' tipo totem, a prescindere, esaltandone principalmente la grandezza del nome in quanto tale ("Eeeh...Kubrick!")

    Comunque, pìppe a parte, non so davvero chi avrebbe potuto raggiungere la sua stessa grandezza, la sua capacità di racchiudere così tanti elementi (tecnici, emotivi, psicologici, narrativi, fotografici, etc.) in ogni singolo film prodotto (Beh, quasi)

  • Anonimo
    10 mesi fa

    Anche Alvaro Vitali ha fatto la storia del cinema

  • Anonimo
    10 mesi fa

    Scorsese, W Allen, Hitchcock sono al suo stesso livello

  • 10 mesi fa

    David Linch...............

  • Anonimo
    10 mesi fa

    A me non piace, e non me ne vogliate, so che verrò linciato per questo.

    Prendiamo due dei suoi film più famosi, 2001: Odissea nello Spazio e Shining. Entrambi questi film non mi sono piaciuti, per vari motivi.

    Partendo da Shining.

    Questo film non rende minimamente giustizia al libro. Nel film dopo un minuto, lo spettatore già si immagina tutta la storia. E' ben chiaro dove andrà a parare. Viene classificato come un Horror, ma a me sembra più un Thriller. Comunque è scontato e lento, secondo me è un pessimo adattamento del libro. Non so come si faccia a dire che è un grande film (addirittura uno dei migliori di sempre).

    2001: Odissea nello spazio

    Questo film è aulico e raffinato, ci mostra dei concetti profondi, ma il suo problema è che a parte la trama centrale, quella con Hal 9000, il film non è per nulla chiaro. Ok, che se si forse perso in spiegazioni, il film non avrebbe avuto più quella maestosità, ma ciò non toglie che il film, secondo me è fatto male. Chi di voi ha capito davvero quello che il film ci mostrava? Beh, scommetto che nessuno ha capito la scena finale guardando il film. Infatti insieme al film è uscito un libro, che, questo si, consiglio, che spiega quello che succede davvero. Ora, ditemi voi, un film che non è chiaro sul messaggio che vuole mandare, la cui trama, per essere capita, ha bisogno della lettura del rispettivo libro, è un buon film? la risposta è semplicemente no. Se mi dite che voi avete capito il significato di tutto solamente guardando una volta il film, sinceramente, non ci credo.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.