Il lavoro mi toglie energia?

Lavoro 7 ore in un bar.

Con i titolari che stanno sempre al telefono e sempre seduti.

Se c e bisogno aiutano.

Ma ovviamente io faccio i lavori più pesanti. Come andare avanti e indietro e fare le pulizie.

Torno a casa con i piedi le gambe e la schiena a pezzi.

Non mi fermo un attimo.

Ma che vita è.

Non voglio vivere per lavorare

11 risposte

Classificazione
  • ReDa
    Lv 7
    2 mesi fa
    Migliore risposta

    Ciao, capisco il tuo sconforto ....ma non mi stupisce che i proprietari stiano seduti al telefono e ti aiutino solo quando c'é bisogno.... ti hanno assunta proprio perché loro non vogliono fare i lavori piú pesanti, vogliono occuparsi della gestione del bar e chiaramente danno una mano solo quando c'é tanto lavoro perché non voglio perdere clienti.

    Un fatto é certo: lavorare in un bar (come d'altro canto nella maggior parte dei lavori nel settore della ristorazione e in quello alberghiero) é pesante, sia fisicamente (perché sei sempre in piedi e corri di qui e di lá), sia a volte anche a livello emotivo (sei confrontata da gente molto maleducata).

    Ora sarebbe da capire se il lavoro che stai svolgendo al momento é un lavoro che é pesante "nella media" (per un lavoro in un bar), o se é molto piú pesante della media ... cioé se si tratta di un bar che dovrebbe avere 3 dipendenti al bancone ma ne hanno solo uno (cioé solo te).  

    Se si tratta del secondo caso (cioé il tuo lavoro é cosí pesante perché stai svolgendo un lavoro che dovrebbe essere svolto da piú persone, allora potresti cambiare bar.  Avendo esperienza lavorativa e con un po' di pazienza, non dovresti avere grandi problemi a trovare un lavoro nuovo, specialmente se ti candidi un paio di mesi prima della stagione estiva.

    Se invece si tratta del primo caso, cioé che tu trovi molto pesante un lavoro nel settore della ristorazione, allora devi cambiare settore, perché la situazione non migliorará con il tempo... ok, se sei alle prime armi, magari nel futuro ti abituerai a tali ritmi, ma il lavoro rimarrá pesante.

    In tal caso sarebbe da sapere quanti anni hai, che titolo di studio e altre esperienza lavorative hai per poterti dare dei buoni consigli.

    Riguardo il tuo commento "non voglio vivere per lavorare" posso solo darti una risposta: o vinci alla lotteria, o cerchi un lavoro che ti piaccia... nel primo caso non dovrai mai piú lavorare e potrai solo "vivere", nel secondo caso dovrai lavorare ma il lavoro non ti peserá tanto come ti pesa adesso

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 mese fa

    Ti consiglio di fare il lavoro part time, 3 ore al giorno. Certo prendi meno di stipendio ma almeno stai bene

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Posso capirti, ma in itaGLia ci sono solo lavori umili, soprattutto se non si è in possesso di qualifiche particolari. Puoi provare a cercare in qualche sito di offerte di lavoro, o provare presso agenzie interinali, oppure con qualche app per smartphone per tentare di trovare qualche offerta migliore, oppure fare due lavori part time diversi. Più di questo non saprei suggerirti.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 2 mesi fa

    Prova a guadagnare online per mettere da parte qualcosa. Io utilizzo questo: https://it.beruby.com/promocode/uXfNuO

    Le cifre che si guadagnano non sono altissime ed è principalmente un sito che permette di risparmiare. Altri siti affidabili sono questi:

    https://www.neobux.com/?r=Skanfalug

    https://www.ysense.com/?rb=60385892

    Non ti aspettare cifre enormi ma qualche euro a fine mese lo si guadagna

    • Immagino che Lucia cercasse proposte concrete, non i siti paid to click e per fare sondaggi...

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 2 mesi fa

    Trova di meglio 

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 2 mesi fa

    Cerca altro, il lavoro al bar è super energetico

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • ept
    Lv 7
    2 mesi fa

    la fatica è parte della vita, questo per tutti ma proprio tutti,

    La differenza si crea quando le persone trasformano la fatica in piacere.

    Ad esempio chi si sottopone ad allenamenti pesanti fa fatica ma lo interpreta come un piacere.

    Ad esempio chi deve necessariamente avre rapporti socaili intensi ed impegnativi, avere a cena 10-15 persone e trasforma la fatica in piacere.

    Un vecchieto magrissimo e famosissimo affermava:

    L'arte di vivere è trasformare in piacevole qualsiasi evento spiacevole.

    a dire il vero diceva: "l'arte di vivere è trasformare qualsiasi evento negativo in positivo"

    Questo non si può fare, affermano molti.

    Non puoi trasformare la morte di una persona cara!

    Invece si può dipende solo dalla tua interpretazione e da come riesci a trasformare il fatto cosi negativo in una splendida sorgente di pensieri positivi, costruttivi e piacevoli.

    La morte è parte della materia e non si cambia, ma il pensiero si.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    2 mesi fa

    Questi tipi di lavoro sono così, ci si fa un cùlo e non si è nemmeno apprezzati; se lo fai presente ti dicono : ti paghiamo per fare questo, se non ti sta bene te ne puoi anche andare, sai quanti vorrebbero essere al tuo posto ?! Poi non devi andare soltanto avanti indietro, all' occorrenza devi anche volare.

    Purtroppo chi non fa un lavoro che piace, deve abbozzare, mandare giù, avere pazienza, verranno giorni migliori, tutto arriva a chi sa aspettare.

    Spero che almeno le mance te le lascino ... se poi ti danno solo una percentuale allora sono proprio degli strònzi !

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    2 mesi fa

    lavora giovane choosy schiava lagnusa, o saranno frustate e nerbate

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 2 mesi fa

    Trova qualcuno che ti mantenga allora

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.