Come interpreti le parole del pontefice "Meglio atei che credenti ipocriti"?

20 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 mese fa

    Un ateo può essere fedele al suo sincero sentire,il credente non fedele a ciò che afferma di credere è beceramente ipocrita e in malafede.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • E' ovvio che è una frase ad effetto,una vera esortazione rivolta ai Cristiani praticanti con la quale si consiglia di essere meno ipocriti,ma anzi più solidali e comprensivi verso il mondo di oggi sempre più secolarizzato. Quindi è rivolto a tutti i battezzati, anche a coloro i quali dimenticano di esserlo stati e criticano i propri simili, come se loro venissero da Marte, seminando così rancore ed odio 

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 mese fa

    mi sembra che gli sia easy dare fiato alla bocca e menare le mani, ma forse parlava tra se e se. 

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 mese fa

    E come dire meglio ignoranti che solo con la terza media.

    E' un'incentivo a giustificare l'ateismo prima che incentivare l'ipocrita a cambiare facendolo sentire in colpa, cosa che non è nel modo di fare di Dio.

    Dio Padre ti invita, ti insegna ciò che è giusto e poi lascia che tu decida da solo esercitando il libero arbitrio.

    Hai controllo sulle tue decisioni, ma non puoi esimerti dalle conseguenze che siano le benedizioni dell'obbedienza o i problemi del contrario di cui solitamente avvisa.

    Il senso di colpa è uno dei metodi dell'avversario per farti sentire male, scoraggiarti, farti venire meno nella fede in Dio ed in te stesso, fino a rinunciare al sacrificio espiatorio di Cristo.

    Anche gli ipocriti possono cambiare, la Chiesa di Dio esiste per aiutarci a migliorare non per puntare il dito.

     

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 mese fa

    Direi che su questo ha ragione

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 4 sett fa

    Non le interpreto, le ha dette punto. Pace e amen.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    4 sett fa

    Perché è giusto così.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Karmen
    Lv 7
    1 mese fa

    Meglio ateo ma buono che credente ma cattivo.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 mese fa

    Giuste, se Credi, se ami Cristo, devi seguire i suoi insegnamenti. Purtroppo a molti cattolici basta andare a messa, parlare tra loro e distrarsi quando Cristo entra Nell ostia, ciarlare quando la messa è finita invece di ringraziare Dio, e magari schifare il paraplegico che chiede la carità fuori dalla chiesa

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 mese fa

    Non sono d'accordo. Gesù non credo abbia mai detto che è meglio essere atei piuttosto che credenti ipocriti. A Tommaso alla sua risurrezione disse "non essere incredulo ma credente", San Pietro (o chi per lui) alla seconda lettera scrisse che il Signore "vuole che tutti [atei e credenti ipocriti] giungano al ravvedimento" . 

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.