Abracadabra ha chiesto in Scienze socialiSociologia · 1 mese fa

Vedere l'opportunità di farsi belli nel difendere un valore - mettendo alla gogna chi lo ha leso - rende l'uomo uno sciacallo?

La mia domanda è ad ampio raggio, ma nasce da una polemica che ha avuto gran risonanza in questi giorni. Mi ha infastidita la gogna a cui l' élite degli intellettuali-salumari sta sottoponendo un conduttore televisivo per aver detto una frase magari infelice e sciocca, ma da loro interpretata in maniera pretestuosa.

Parlando della compagna di un famoso campione sportivo, il conduttore la elogia dicendo: "Sa stare un passo indietro rispetto a un grande uomo". 

Io sono donna, riconosco che il conduttore in questione sia stato superficiale, ma non accetto che ogni frase debba essere soppesata per estorcerle il marcio e portarlo alla luce dei presunti dormienti: noi. 

 E' per darsi una ripulita, per salire sul carro dei vincitori in veste di paladini dei buoni valori, che molti personaggi pubblici non hanno perso l'occasione di sentenziare?

Io l'esternazione del conduttore televisivo l'ho letta come un "avrebbe potuto trarre profitto dalla fame del suo compagno per emergere nel mondo dello spettacolo, e invece ha scelto di fare la sua vita senza sfruttare questa opportunità". 

Perché tutti questi scrittori, giornalisti, fumettisti, gente comune, han sentito il bisogno di fiondarsi sulla preda già mortificata per banchettarci? Io li vedo come avvoltoi, perché dietro c'è l'opportunità mal sfruttata di farsi belli, buoni e bravi, puntando il dito su chi è inciampato e ha ammesso la sua leggerezza. 

 

(Queste sarebbero le derive indirette del "me too"? Annamo bene!)

Cià! :)

Aggiornamento:

La prossima volta per pareggiare i conti, cari sciacalli delle cause fin troppo facili, diremo l'ovvio: congratulazioni a Fedez, che stai dieci passi dietro la Ferragni. Di lui oltretutto non possiamo nemmeno dire sia bello. 

Quanto odio il double standard, quanto. 

17 risposte

Classificazione
  • 1 mese fa
    Migliore risposta

    Tu pensa Abra che io sono venuta a conoscenza di questa faccenda leggendo il seguente titoletto nelle news che automaticamente mi compaiono sullo smartphone: "Commenti sessisti di Amadeus alla conferenza stampa di Sanremo". Apro la notizia, si trattava di una mera cronaca senza alcun commento da parte del giornalista, quindi era solo un trafiletto con riportate le dichiarazioni di Amadeus. Le ho rilette più volte e non ho capito dove era il sessismo. Le ho lette al mio compagno e gli ho chiesto se lui avesse capito. Risposta: no. In due non avevamo capito. Vabbè, ci sta anche che siamo due polli ritardati, però due su due che non colgono il sessismo è un segnale, penso...

    Fatto sta che ho poi appreso solo nel seguente pomeriggio, dai commenti imbelviti su Facebook alla notizia, che il sessismo era in quel "restare un passo indietro", che io pure avevo interpretato come te e non ci avevo visto niente di male.

    Pur nella mia discreta antipatia nei confronti di Amadeus, pur considerandolo - non me ne vogliano i suoi fans - sostanzialmente un pirla senza arte né parte, pur rendendomi conto che con il suo ruolo dovrebbe soppesare bene le parole che sceglie di usare, specie in una conferenza stampa così esposta, pur in tutto questo - dicevo - l'accanimento mediatico contro di lui mi è sembrato veramente eccessivo, pesante, a tratti anche un po' in malafede, cioè di voler per forza vedere il marcio, senza nemmeno l'ombra di un ragionevole dubbio.

    E ci ripensavo proprio stamattina, quando persino Mentana ha pubblicato sulla sua pagina Facebook un articolo sulla negativa accoglienza ricevuta da queste frasi di Amadeus. E, anche lì, giù gente che discettava sul sessismo del concetto di bella presenza e di passo indietro. Ma quanto tempo da buttare c'avete?!? Bah.

    Quindi sì, in alcuni casi si può parlare di sciacallaggio, nella migliore delle ipotesi di presunzione o eccesso di intolleranza.

    In ogni caso, una gran rottura di pelotas!

  • È il politically correct di cui la nostra bella tele va tanto fiera. Certo l' espressione ha una doppia interpretazione e non è delle più felici ma se proprio si volesse fare un po' di coerenza allora si potrebbe ' banchettare' meglio  su altre questioni, tipo lo schif0 della gente del grande fratello o sul neomelidico e compagna camorrista che vanno in TV da Giletti.

    Cioè quello che io mi chiedo è perché facciamo diventare famose certe persone, perché diamo visibilità alla feccia? Ecco, di questo si potrebbe parlare ampiamente e nemmeno tanto. 

    Credo che la tv in fondo sia scarsa di contenuti e ogni pretesto sia buono. 

  • 1 mese fa

    Mi credi se ti dico che non ho la più pallida idea di quale sia l'episodio di cui stai parlando?

    E per fortuna! Considerato lo 'spessore' del tema :')

    Guarda, sto con te a prescindere, per principio.

    Vai, ti sottoscrivo, tu parla e io faccio "M-mh' co' la crapa.

  • 1 mese fa

    La frase che riporti a me sembra molto bella: saper stare un po' in ombra rispetto al compagno (o alla compagna) di successo, non avere smanie di protagonismo, mi sembra una dote rara, ammirevole; tanto più considerando che in molte coppie esiste un'invidia sotterranea e inconfessabile verso i successi dell'altro, e addirittura competizione.

    A me dispiace molto, sinceramente, per le donne che si sentono in dovere di levare gli scudi e di partire lancia in resta.

    Quando capiranno, nelle loro smanie di parità, che la Libertà della donna sta anche, ad esempio, nello scegliere di stare un passo indietro, nello scegliere di dedicare la vita all'altro e ai figli, che anche in questo si può trovare un appagamento pieno?

    Quando impareranno a rispettare le scelte delle altre donne e a non giudicarle?

    Quanta fatica, in una vita passata a combattere e a dover dimostrare qualcosa.

    (P.s.: mi è venuto in mente un filmetto di qualche anno fa, "Mona Lisa smile", in cui la protagonista, insegnante, non può rassegnarsi all'idea che la sua migliore allieva scelga di sposarsi e avere figli e di non continuare a studiare e che così rinunci alla possibilità di una carriera luminosa. La considera una decisione sciocca, avventata, non ne capisce la profonda riflessione e la complessità. 

    E' nello scegliere la vera libertà, questo solo bisognerebbe capire e accettare).

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 mese fa

    Abracadabra, hai ragione su tutta la linea. Si sta facendo di Amadeus - che ha avuto un uscita infelice, tutto qui - un comodo capro espiatorio.

  • 1 mese fa

    La penso ESATTAMENTE come te.

    Questa cosa mi INDIGNA. E sai perché Abra? 

    Perché la vera dittatura oggi è in mano al web, capace di trasformare una piccola fiammella in un incendio spaventoso, e gli di da troppa visibilità. 

    A me non ha dato fastidio la sua frase, onestamente, anzi trovo che dia stato ingaggiato un vero e proprio vilipendio al conduttore. 

    Ormai non si può più dire nulla :tutto viene messo alla gogna ed io a prescindere, odio la GOGNA mediatica. 

  • 1 mese fa

    Abra, ora non venirmi a dire che io pesto sempre sullo stesso tasto, ma si è tanto ricamato su quella frase (che io personalmente giudico del tutto innocua ed innocente) semplicemente perchè è riferita ad una donna, ovvero ad una INTOCCABILE.

    Se la stessa frase fosse stata detta nei confronti di un uomo, nessuno ci avrebbe speso sopra neanche mezza parola. Ma siccome è stata detta verso una donna, allora apriti cielo !!!!

    Hai presente la pubblicità di Intimissimi Uomo ???

    Quella dove quel grandissimo pezzo di.😜😜😜😜😜😜 di Diletta Leotta scherza con un uomo, ci gioca, ci flirta, poi prende e se ne va lasciandolo lì come un cretino.

    Bene, quella pubblicità è assolutamente sessista, perchè fa passare il messaggio che le donne possono giocare come vogliono con gli uomini.

    Bene, eppure NESSUNO ha mai parlato di sessismo o ha trovato da ridire su quella pubblicità.

    Ora immagina la medesima pubblicità a ruoli inverititi, ovvero con un uomo che scherza, flirta, gioca con una donna e poi la prende e la molla lì con un palmo di naso.

    E immaginati solamente il CASINO MEDIATICO che si sarebbe scatenato in questo caso, accusando la pubblicità di sessismo e l'uomo di essere una bestia insensibile nei confronti della donna !!!!

    Vedi, il problema è un problema di fondo: la donna è iperprotetta ed ipertutelata in ogni forma ed in ogni modo, e perfino una frase del tutto innocente è sufficiente per scatenare dibattiti e polemiche a tutela delle donne........

    • ...Mostra tutti i contatti
    • icemanpilota
      Lv 7
      1 mese faSegnala

      Purtroppo per voi, sembra che non vi siate resi conto che siamo nel 2020, e nel 2020 la situazione che voi descrivete non esiste più DA ANNI. Anzi, se non ci avete ancora fatto caso, la situazione si è completamente rovesciata ed al giorno d'oggi è l'uomo ad essere discriminato !!!!

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Serena
    Lv 7
    1 mese fa

    Ovvero sarebbe a dire: chi è senza colpa scagli la prima pietra 😺

    • ...Mostra tutti i contatti
    • Serena
      Lv 7
      1 mese faSegnala

      E già, però riflettere un po' sui propri sbagli prima di lanciare la prima pietra non sarebbe poi tanto male.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Blu.
    Lv 7
    1 mese fa

    Hai presente Andy Warhol e i suoi 15 minuti di celebrità per tutti?

    Ecco,le persone intervengono ,a proposito o sproposito non ha importanza, pur di apparire

  • 1 mese fa

    Sono gli sport più diffusi: il salto sul carro, il lancio del discorso, la corsa a ostacolare. Questa cancerogena tendenza all'indignazione ce l'ha fatta alla pizzaiola. Il "me too" (che io avrei ribattezzato "ah già") ne è un esempio allucinante. Tutti coloro che si prodigano per difendere un valore, un ideale, come in questi casi, sono sostanzialmente degli involucri vuoti che cercano di riempirsi con un po' di fuffa per sentirsi meno idioti, perché gettare fango sugli altri è uno dei modi preferiti dagli umani per sentirsi meno soli, facenti parte di un gruppo, anche solo per un attimo, il tempo di un "mi piace". Allora siamo ambientalisti, animalisti, femministi, chitammuortisti, uominitristi, indignatori di professione, con il solo scopo di dire agli altri e al mondo "ehi, esisto, guardami, la penso come tutti, sto dalla parte giusta, sono intelligente e so un sacco di cose ma proprio assai, perché non dovresti voler scòpare con me?".

    Fonte/i: Dietro ogni grande uomo c'è sempre un grande zaino.
    • ...Mostra tutti i contatti
    • Specchio800
      Lv 7
      1 mese faSegnala

      No, Asso... Sai che non intervengo mai in scambi tra altre persone, ma stavolta non posso proprio evitarlo. Avvoltoio ad abra no. è profondamente ingiusto.
      Non scriverò altro.

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.