Anonimo
Anonimo ha chiesto in Matematica e scienzeMedicina · 2 mesi fa

È davvero tanto difficile inventare il vaccino anti cancro?

Esisterà mai un vaccino anti cancro?

Oppure è talmente difficile e complicato che la scienza esclude che possa essere inventato in un futuro prossimo?

9 risposte

Classificazione
  • Rowan
    Lv 4
    2 mesi fa

    Ciao! Come ti hanno già detto non può esistere un vaccino contro il cancro in generale perché esso non è un agente infettivo. Va però anche sottolineato come alcuni virus possano favorire lo sviluppo di certi tipi di cancro (virus dell'epatite B, papillomavirus etc.), quindi vaccinandosi contro di essi si riduce anceh drasticamente il rischio di sviluppare quel tipo di tumore (questo vale soprattutto per HPV).

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Mars79
    Lv 7
    2 mesi fa

    Il cancro non è una malattia virale, dunque non si può trovare un vaccino, ma solo farmaci mirati. E poi esistono diversi tipi di cancro.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    2 mesi fa

    I vaccini sono per i virus, la malattia di cui parli ha diverse cause, per alcune è stata trovata una cura efficace, per molti ancora no, ebbene stiano studiando molto. Molte cure dicono di siano già in realtà, però non le diffondono x interessi delle case farmaceutiche. Una percentuale di cause sono cattivi stili di vita, stress, conflitti emotivi traumi psicologici, fumo, alcol, veleni ambientali....

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 2 mesi fa

    Un vaccino è un farmaco costituito da parti di un virus o un batterio, che una volta iniettati nell'ospite attivano una risposta immunitaria, simile a quella che si avrebbe se ci fosse l'infezione da parte del virus o batterio vivo e intero. Questo permette di produrre cellule della memoria che, in caso di una vera infezione, sono subito pronte a produrre anticorpi efficaci, senza dover passare per gli stadi iniziali della risposta infiammatoria, in cui questi anticorpi devono essere lentamente selezionati. Questo permette di fermare la riproduzione del microrganismo quando la quantità di microrganismi nel nostro corpo è ancora piccola e quindi l'infezione è non grave (così i sintomi o non si instaurano proprio o, se si instaurano, sono comunque ridotti rispetto alla malattia senza vaccino).

    Una volta compreso cos'è un vaccino, non è difficile capire che è un concetto non applicabile al cancro.Le cellule tumorali sono cellule del nostro stesso organismo. Non puoi prendere un loro pezzetto e iniettarlo per stimolare una risposta immunitaria, perché le cellule del nostro sistema immunitario riescono a riconoscere cosa fa parte del nostro corpo, in modo da non attaccarlo. Pensa che le cosiddette malattie autoimmuni sono proprio dovute all'errato funzionamento di questo meccanismo di riconoscimento del sistema immunitario di cosa è appartenente al nostro corpo.

    Il vaccino è un sistema non applicabile, quindi.

    L'obiettivo della ricerca scientifica è quello di trovare farmaci sempre più mirati, che uccidono solo le cellule tumorali e non quelle sane. Ad esempio, la classica chemioterapia ha tantissimi effetti collaterali proprio perché è poco selettiva e, quindi, insieme alle cellule del tumore uccide anche tantissime cellule buone del nostro corpo.Però, con il tempo, stanno uscendo sul mercato tantissimi nuovi farmaci sempre più mirati e specifici, che in unione alla chemioterapia, migliorano la sopravvivenza dei pazienti.

    Trovare una sola cura, ovviamente, non è possibile. Esistono tanti tipi di cancro e quindi di cellule diverse. Un farmaco attivo su una cellula non è detto che lo sia anche su un'altra cellula. E non parliamo solo di organi diversi, tipo il tumore al polmone e quello allo stomaco. Anche all'interno dello stesso organo esistono tanti sottotipi diversi di tumore che rispondono in modo molto diverso ai farmaci (ad es. adenocarcinoma del polmone e microcitoma del polmone).

    E, ovviamente, anche se trovi un farmaco mirato che funziona su un determinato sottotipo di tumore non è detto che funzioni nel 100% dei pazienti, perché poi ogni malattia ha le sue caratteristiche biologiche e le cellule tumorali evolvono e imparano a difendersi, quindi possono diventare resistenti a un farmaco a cui inizialmente rispondevano. Questo, poi, è il motivo per cui non solo abbiamo bisogno di tanti farmaci per i tanti tipi di tumore, ma anche di tanti farmaci per lo stesso tipo di tumore, in modo che quando non ne funziona uno possiamo passare a un secondo, invece di abbandonare ogni speranza di trattamento.

    E questo, ad esempio, accade già per molti tipi di tumore dove abbiamo oltre la prima linea di trattamento anche una seconda linea, una terza, una quarta. Ma comunque ciò non toglie che alcuni pazienti possano non rispondere a nessuna delle multiple linee di terapia. 

    Tutto dipende dalla complessità biologica dei tumori, che non sempre comprendiamo fino in fondo. Alla fine anche se come esseri umani abbiamo moltissime somiglianze gli uni con gli altri, ogni paziente ha cellule diverse dagli altri e, talvolta, possono avere caratteristiche rare o addirittura uniche che non ci permettono di capirne la biologia. 

    Comunque la risposta breve alla tua domanda è NO, non esisterà mai un vaccino, ma soprattutto non esisterà MAI un UNICO FARMACO per il cancro. Il cancro non è una sola cosa.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 2 mesi fa

    Il cancro non è una malattia sola. Con questo nome si intendono tante malattie diverse. Alcuni approcci di ricerca puntano a trovare una cura specifica per ogni tipo di tumore, altre cercano un altro terapia che vada bene per tutte. Proprio ieri hanno parlato di una nuova strada di ricerca possibile, quella legata alle cellule T. In ogni caso, tante forma di cancro ormai sono curabili (anche se purtroppo non sempre guaribili).

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    2 mesi fa

    Un vaccino non credo perché il cancro non è dato da un virus o batterio, tranne alcuni tipi, al massimo un medicinale da assumere in via precauzionale che impedisce alle cellule del DNA di impazzire e riprodursi a sproposito. Ma sembra un'ipotesi lontana, comunque rispetto al passato abbiamo fatto enormi passi avanti. 

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 2 mesi fa

    Nel 2099.      

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 2 mesi fa

    moltissimi carcinomi sono prodotti da agenti infiammanti, moltissimi virus, batteri ma anche proteine contenute negli alimenti di ogni giorno, oltreche' da comportamenti abituali, poi da caratteristiche genetiche.

    non esiste un vaccino generalmente valido.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anita
    Lv 7
    2 mesi fa

    Io credo che anche nel caso in cui dovessero inventarlo, non lo renderebbero accessibile. I guadagni che lo stato riceve mediante le cure prolungate sono molti molti di più. 

    Se parli solo dal punto di vista scientifico, non ritengo così difficile trovarne una cura. Non proprio un vaccino, che generalmente serve a prevenire e le forme di cancro sono davvero tante, ma sicuramente, in futuro credo una cura non sia proprio fantascienza. 

    A meno che non diventi davvero un mondo migliore, in caso, ribadisco, difficilmente ne verremmo a conoscenza. 

    • bion I♥N
      Lv 7
      2 mesi faSegnala

      Lo Stato spende miliardi per curare il cancro, altro che ricevere guadagni. 

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.