'La verità svelata dal tempo'.... 🙂?

Prendo spunto da questa scultura (un 'allegoria) del Bernini, non portata mai a termine, per postare una domanda. 

In realtà, Bernini fece solo in tempo a scolpire la figura della Verità, richiamando alla mente, una citazione dei salmi :<La verità sorgerà per te dalla terra >. 

La donna, rivolge lo sguardo verso il cielo, ma i suoi occhi, sono sconvolgenti, non hanno le pupille, e lo sguardo è vuoto, nessuna scintilla, come se la Verità fosse cieca. 

Per contrasto, la figura del Padre Tempo rimase intrappolata nel marmo, come se stesse a simboleggiare che 'la virtù più bella è la verità, perché alla fine è sempre svelata nel tempo'. 

Dunque, la domanda è questa:

'La verità oggettiva, è sempre svelata nel tempo? Oppure è totalmente cieca? 🙂

Attachment image

12 risposte

Classificazione
  • 1 mese fa
    Migliore risposta

    La 'verità oggettiva', in quanto tale, semplicemente 'è', non si svela perché non è nascosta.

    (Già m'aspetto le puntualizzazioni tipo "Ma 'verità' per chi? Secondo chi? Perché? La verità non è una sola e blablabla. La verità oggettiva è che 'Yahoo Answers' si scrive 'Yahoo Answers', è indiscutibile, punto)

  • wanial
    Lv 7
    1 mese fa

    se tocchiamo questo tasto dal punto di vista filosofico dovremmo scrivere mezzo libro, a partire dal vero svelare quale significato davano i filosofi,tutti compreso Nietzsche che arriva fino alle religioni sia cattolica che islamica...quindi lasciamo il verbo svelare... se guardiamo un pezzo di legno , diceva Seneca,perfettamente diritto immerso nell''acqua, ci sembra curvo e spezzato...non ha importanza cosa guardi, ma come guardi..la nostra mente si ottenebra nello scrutare la verita'' e mentre la neghiamo la stiamo affermando...ciascuno di noi cerca la verita'' e spesso trova cio' che desidera e vuole, perche' se e' vero che e' non abbiamo tutti la stessa percezione, lo stesso modo di vedere le cose...la verita' quale sia e come trovarla nessuno puó'né potrebbe insegnarla non bastano i tanti libri, si puó trovare e capire solo vivendola nella concreta applicazione....che basterebbe solo a chi la vive perche' gli altri ne vedrebbero sempre un'altra.....il tempo non basta, creato dall'uomo, gestito dall'uomo, dara' il suo significato  e sara' mai quello vero........

  • Paolo
    Lv 7
    1 mese fa

    Non mi intendo di sculture......a me pare bella cosi' com'è' anche se incompiuta................

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • RdFkz7
    Lv 7
    1 mese fa

    Personalmente mi trovo più vicino alle posizioni di quei filosofi che, a partire dall'800, hanno iniziato a sostenere che la verità è soggettiva negando con ciò  l’ipotesi dell'esistenza di una qualche verità al di sopra o al di fuori della ragione umana. Tutta la conoscenza è conoscenza umana e il suo fondamento muta di generazione in generazione e per questo non esistono verità eterne e atemporali. Detto ciò (ovvero … detto niente) l'opera è molto bella e forse è meglio che sia rimasta incompiuta, d'altronde non saprei neanche immaginare come avrebbe potuto essere rappresentato, scolpito nel marmo - materia che è icona dell'immutabile per l'eternità - il tempo che invece scorre e tutto modifica, un vecchio con la barba e con una clessidra nelle mani? Oppure un giovinetto che si specchia e vede riflessa l'immagine di un vecchio? Mah ! Peccato che il Bernini non ci abbia lasciato un bozzetto, uno schizzo, un disegno di come intendeva terminare la scultura! O forse non ha inteso terminarla di proposito abbracciando così la tesi a me cara, che non esiste una verità oggettiva che il tempo nel suo lento trascorrere da ultimo disvela agli uomini? 

    • ...Mostra tutti i contatti
    • wanial
      Lv 7
      1 mese faSegnala

      scusate errori ortografici, ma faccio a pugni con un pc con tastiera angloamericana, che e'' carente di molte cose...apposta non ho voluto studiare l''inglese  preferondo altre lingue, sembra una lingua a target dimezzato

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 mese fa

    La verità non è sempre svelata, e se non si rivela subito, viene insabbiata o depistata, poi resta  oscurata da mille dubbi che non permettono più di vederla con chiarezza. Se viene taciuta, non verrà mai svelata.

    Anche il tempo oscurerà la verità, perché la farà dimenticare.

    Invece succede che in prospettiva le cose che non comprendiamo si capiscano meglio. Quindi non so cosa intendesse il Bernini, per come andassero le cose nella Roma del seicento; il soggetto evocativo gli consente di rappresentare una donna nuda senza essere giudicato, ispirato forse più dalla fiducia nella giustizia divina che in quella degli uomini, un messaggio tutto sommato barocco e controriformista. Forse lo scultore la fece senza una commissione precisa, e cercò poi di piazzarla agli uomini di Chiesa, che all'epoca erano i suoi committenti maggiori, o ancora la cominciò quando Urbano VIII era ancora vivo, visto che il sole in mano è un simbolo dei Barberini. Non lo so, e su wikipedia non c'è scritto! :D

  • Luigi
    Lv 7
    1 mese fa

    Credo proprio che prima o dopo la verità venga a galla! Mi hai ricordato un film del 2011 la verità nascosta.. cito un proverbio "la terra non tiene sporco" però qualche volta lo minimizza!

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 mese fa

    Se è vero, così come sembra abbia determinato la scienza, ovvero che l'osservatore determina la realtà, allora la verità è solo un assioma senza alcuna possibilità che possa essere dimostrata. Ma la scienza ci parla anche di realismo, ovvero che tutti gli oggetti devono oggettivamente possedere dei valori preesistenti, e che quindi esiste una verità oggettiva.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 mese fa

    La Verità ( ἀλήθεια in greco) indica qualcosa che è rivelato...perchè quindi velarne gli occhi? Forse perchè la Verità oggettiva non si scorge coi sensi... 

    La Verità osserva il Cielo, perchè unisce la terra ( che tocca con la sinistra, l’emisfero sinistro controlla la parte destra del nostro corpo e rappresenta la parte logica, razionale e controlla il tempo) al cielo verso cui solleva la destra con in mano il sole- conoscenza ( l’emisfero destro responsabile della parte sinistra del corpo: l' occhio della mente...il terzo occhio che non ha bisogno di pupille per " vedere"). 

    L' opera incarna un forte simbolismo e l' unione tra il velato e l' occultato, la verità svelata e quella nascosta...e forse vuole indicare che nell' unione dei due mondi-emisferi si possa veramente guardare ed osservare, non solo vedere.

  • 1 mese fa

    A saperlo quando andavo al liceo ti avrei contattato per qualche ripetizione di filosofia mich 😂

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 mese fa

    La verità è una condanna

    • 1 mese faSegnala

      ???

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.