Bisogna per forza credere in Gesù Cristo e nel 'parto santo' di Maria per essere credenti?

Sono piuttosto 'libera' con la religione. Non sono, e non voglio essere, cattolica né TdG né qualunque altra cosa vi venga in mente. Credo in dio ma un po' meno credo in Gesù. E ancora meno che Gesù sia stato partorito 'senza peccato' da una vergine. Vivo la mia fede in maniera solitaria e non aderisco a nessuna dottrina specifica. 

Per inciso, credo che la Bibbia sia stata un immenso peccato. Se dio (quello che io intendo per dio, che rasenta molto il concetto di 'anima mundi' delle religioni arcaiche) non fosse Amore puro, gli inventori e scrittori della stessa (chiunque siano) brucerebbero da 2 millenni nel cosiddetto inferno.

14 risposte

Classificazione
  • 1 mese fa

    Ciao,

    Ti chiedo cortesemente di riflettere sulle parole che ti dirò! E questo perché vorrei farti cogliere la enorme differenza che passa tra CONVINZIONE (il mio ateismo) è FANATISMO (certi teismi e certi ateismi).

    Ti dico subito che: i convinti offendono un SOFTWARE odiano le idee che reputano sbagliate; i fanatici invece offendono gli HARDWARE, odiano i corpi umani che avrebbero le idee sbagliate!

    Ah, dimenticavo, per comodità ho diviso la tua domanda in sotto-domande.

    ════════════════════════ - ════════════════════════

    Bisogna per forza credere in Gesù Cristo e nel 'parto santo' di Maria per essere credenti?

    ════════════════════════ - ════════════════════════

    La risposta apparentemente è ovvia … << Ovvio che no!>> … in realtà la risposta è più cervellotica.

    Supponiamo che tu conviva fianco-a-fianco all'unico vero dio dell'universo, cioè supponiamo che tu sapresti per certo che si tratta proprio di quella roba là. In questo caso - i credenti in altri DEI - crederebbero in arie fritte: sarebbero degli atei inconsapevoli; crederebbero nel nulla e non nel dio che dovrebbero credere!

    Un po’ come lo studente che dichiara: << La somma dei cerchi costruiti sui cateti di un triangolo rettangolo è uguale al cerchio costruito sull'ipotenusa di quello stesso triangolo.>>

    D’accordo questo studente dice delle cose, ma mica può essere promosso solo perché crederebbe in un qualcosa che ... vagamente assomiglia al teorema di Pitagora!

    Tu dirai << Antonio, quello che dici è vero … ma solo in linea teorica! Nella pratica nessun uomo vive fianco-a-fianco di un qualche dio e dunque nessun uomo può avere la certezza accennata da te! >>

    Cara @Monster, tu però ti sei dimenticata di aggiungere: << Il credente che non conosce dio e che si inventa un dio alternativo … è come lo studente che non conosce il teorema di Pitagora e s’inventa un teorema alternativo: il primo è ATEO (oltre che ignorante) perché è un falso sostenitore di dio, il secondo è IPOCRITA (oltre che ignorante) perché è un falso sostenitore del teorema di Pitagora! >>

    ════════════════════════ - ════════════════════════

    Se il concetto di 'anima mundi' non fosse Amore puro, gli inventori e scrittori della stessa brucerebbero da 2 millenni nel cosiddetto inferno ???

    ════════════════════════ - ════════════════════════

    Il bambino che ascolta ingenuamente le parole del suo affidatario, tende ad odiare << spasmodicamente >> la persona assente e denigrata. E tale bambino - sulla base dell’unico sentito dire che conosce - potrebbe arrivare a scrivere una marea di insulti gratuiti (di libri denigratori) nei riguardi del genitore assente, ma la sua unica colpa sarebbe … solo e soltanto … l'inconsapevolezza di ignorare i veri fatti!

    E aggiungo, è grazie all'inconsapevolezza dei TANTI … se esiste il pantano del potere dove sguazzano i POCHI tiranni.

    Cioè se tu provi a documentarti su come si svolgevano i roghi medievali, scoprirai che c’era un tifo da stadio attorno al condannato. Un tifo - inculcato ed unanime - contrario all'uomo che (nel 99% dei casi) aveva la sola colpa di essere un povero cristo.

    Insomma un’ipotetica 'anima mundi' che permetterebbe questo genere di inganni e di ingiustizie … più che di AMORE PURO … a me sembrerebbe fatta di MENEFREGHISMO allo stato PURO.

    ════════════════════════ - ════════════════════════

    Okay (domanda sorta dentro di te dopo aver letto le cose che ho scritto) posso accettare l’ateismo inteso come onesta ammissione di ignoranza nei riguardi del vero dio, ma l’ateismo inteso come convinzione della inesistenza di dio … è solo un credere al contrario, o sbaglio???

    ════════════════════════ - ════════════════════════

    Ritornando all'esempio del bambino che sparla del genitore assente, in quel suo inconsapevole ODIO c’è qualcosa di strano … non è SOFT (non è rivolto a delle idee o ad un modo di fare) ma è HARD … sembra quasi che qualcuno gli avesse detto: << Tu devi cancellare l’immagine fisica di tuo padre e al suo posto deve metterci l’immagine fisica del mio nuovo partner! >>

    Cioè l’odio naturale è quella cosa che può essere così sintetizzata: << Io ti vorrei ancora tanto bene, se tu però cambiassi modo di ragionare! >>. L’odio artificiale viceversa è un qualcosa del tipo: << Io ti vorrei ancora tanto bene, se tu però diventassi quell'altra persona che adesso … ama la mamma! >>.

    Quello che voglio dire è che le idee vere sono come l’odio vero, ossia sono spiritiche (vedere il software di un computer). Ad esempio Galileo odiava il pensiero dei geo-centristi e difatti lui combatteva quell'altrui pensiero … ma nel campo delle idee.

    I geo-centristi viceversa combattevano i loro nemici sul piano fisico: gli elio-centristi venivano bruciati nel vero senso del termine.

    Insomma - per farla breve - la domanda delle domande sarebbe … il presunto vero dio (quello che nessuno conoscerebbe) è un qualcosa di software (di spiritico) o è un qualcosa di hardware (di concreto)?

    Se noi ascoltiamo attentamente gli inculcati cattolici scopriamo che dio è un essere concreto. E se noi atei (i musulmani, i confuciani, i TdG, etc.) non ci dovessimo conformare alla teoria cattolica - dopo la nostra morte – bruceremo all'inferno.

    Se viceversa ascoltiamo (con attenzione) gli inculcatori, scopriamo che dio è il loro ego: il loro pensiero, il software che essi hanno in testa … ossia quella cosa che li autorizza a condannarci nell'inferno di una galera e senza aspettare la nostra morte.

    ════════════════════════ - ════════════════════════

    Osservazione finale ─ Esistono almeno tre diverse forme di ateismo: l'agnosticismo, la miscredenza e il criticismo!

    ════════════════════════ - ════════════════════════

    (1) Gli agnostici (quelli che dicono «Nì!» riguardo l'esistenza di dio) sono atei - e superficiali nello stesso tempo - perché se è vero che non escludono (al 100%) l'esistenza di dio, di fatto non credono in quell'essere. Un po' come chi non esclude (al 100%) che la propria ragazza possa essere "seria", ma se non esclude neppure che potrebbe essere una "poco di buono" … significa che «non crede» … che non ha fiducia nella propria ragazza. Il problema è che molta gente è stata ubriacata da una marea di complimenti e dunque non si rende conto di aver "comprato" una filosofia (un sofisma, un'idea) platealmente falsa!

    (2) I miscredenti (quelli che dicono «No!» riguardo l'esistenza di dio) sono atei per ovvi motivi, tuttavia ripetono una solfa che non sta in piedi! E cioè: «Io non credo in dio perché non ci sono prove della sua esistenza!». Nessuno "crede" all'esistenza del panda cinese e sarebbe sciocco farlo … visto che il termine "credere" vale esclusivamente nel campo delle «ipotesi»! E per non credere in queste ultime - fino a quando non verranno accertate - bisogna non ragionare con la propria testa!

    (3) I critici (quelli che dicono «Sì!» riguardo l'esistenza di dio) sono atei perché per loro la questione non è «Dio esiste?» ma «È giusto "venerare" alcune cose?» … ed è a quest'ultima domanda che rispondono «No!». Cioè dio è un titolo onorifico che può essere dato ad un qualunque oggetto: ad un fiume, ad una stella, ad un capo di stato, etc. E nel caso specifico, Jahvè è la nostra umana ragione innalzata a divinità! In altre parole il religioso è un uomo non educato a criticare il proprio pensiero.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Qualsiasi Bibbia, scritta in Aramaico antico o greco antico tu legga, non contiene il concetto di Dio misericordioso. Considera la Bibbia più antica trovata, senza tutte le manipolazioni degli esegeti, che negli anni hanno cercato di adattarla alla religione, scopriresti che Yhwh è un personaggio intrattabile, signore della guerra, quindi contro il concetto di anima-mundi, inteso come, il principio unificante da cui prendono forma i singoli organismi, i quali, pur articolandosi e differenziandosi ognuno secondo le proprie specificità individuali, risultano tuttavia legati tra loro da una tale comune Anima universale.

    Yhwh, in quanto ad elohim, non deve unificare, deve distruggere i popoli per accaparrarsi i territori che gli elyon non hanno assegnato lui, perché a quanto pare non è lui ad aver trovato il suo popolo, è il suo popolo ad aver trovato lui disperso, triste e sconfortato nel deserto. Altri popoli avevano già l'elohim ed il territorio assegnato dagli elyon. (libro del Septuaginta- Antico testamento) 

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 mese fa

    ognuno ha la libertà di credere in quello che vuole, la religione è spazzatura poiché tramite i dogmi instilla paure e dubbi, per questo deve essere estirpata e cancellata per sempre dall'esistenza

    yahweh, allah, geova e via dicendo non sono altro che feccia allo stato puro

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 mese fa

    Non occorre credere nelle frottole della chiesa cattolica.  Sono frotttole inventate molti secoli dopo la venuta di Cristo.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • giokko
    Lv 6
    1 mese fa

    Io conosco diverse persone che affermano di creare in Dio ma criticano le religioni.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Karmen
    Lv 7
    1 mese fa

    No, si può essere credente anche come lo sei tu.

    • Giampiero M
      Lv 7
      1 mese faSegnala

      Chiedo ospitalità. Grazie. La religione cristiana è la religione dell'Uomo/Dio Gesù di Nazaret.
      Per Lui e in Lui ci sono Fede, Speranza e Carità.
      Libera di credere in una anima mundi, se soddisfa la tua intelligenza e riempie il tuo cuore.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 mese fa

    Credente è colui che crede quindi ti collochi nella categoria dei credenti anche se credi ad apelle figlio da pollo che fece una palla di pelle di pollo e tutti i pesci vennero a galla per vedere la palla di pelle di pollo fatta da apelle figlio di apollo

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 mese fa

    Tutto sta nella comunità in cui tu credi di fare parte. La fede purtroppo è sia personale ma anche comunitaria. Poi ci sono i dubbi e così via. Ma guarda la cosa importante è amare e non lasciarsi ingannare dal primo avvenimento strano che si sente dire

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 mese fa

    Puoi dare il significato che vuoi a quello di credente, ad esempio per la chiesa significa credere nel potere e nella ricchezza, per chi la segue significa credere di non avere un cervello.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 mese fa

    Puoi creed quello  he vuoi.

    Semplicemente non puoi dirti cattolica o ortodossa o chissache se non segui la loro dottrina 

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.