Anonimo
Anonimo ha chiesto in Società e cultureReligione e spiritualità · 1 mese fa

Cosa ne pensate dei genitori che impongono la religione ai figli? (LEGGETE TUTTO)?

Io la vedo così: un figlio, secondo me, dovrebbe sapere fin da piccolo sia l'esistenza della scienza e di ciò che Darwin ha detto riguardo all'evoluzione, e sia l'esistenza della religione, ma se i genitori sono credenti non bisognerebbe mostrargli Darwin come un "bugiardo", e nel caso non lo fossero bisognerebbe far vedere entrambe le facce della medaglia in modo oggettivo al figlio.

In questo modo con la crescita potrà poi scegliare a cosa credere. Secondo me non ha senso far battezzare un bambino appena nasce, e poi gesù non si era battezzato a 30 anni?

Così facendo un figlio arriverà a 20 anni che andrà in chiesa ogni domenica, ma non perché crede in dio ma perché crede cecamente a ciò che i genitori gli dicono, dal momento in cui per tutta la sua vita gli è stato "imposto" di andare in chiesa.

Voi che ne pensate?

Aggiornamento:

Io sono ateo.

Quando avrò dei figli sicuramente non andrò a battezzarli e quando mi chiederanno "come siamo nati tutti?" gli spiegherò, come secondo me andrebbe fatto, che a riguardo ci sono due correnti di pensiero: la religione VS la scienza, ma scenza dare un peso maggiore ad una o all'altra, glieli esperrò in modo oggettivo.

Magari gli consiglerò di leggere sia la Bibbia che Le origini dell'Uomo di Darwin tanto per farsi un'idea.

Aggiornamento 2:

Anche perché se un figlio viene obbligato ad andare in chiesa, se poi ci andrà da piccolo lo farà perché crede nei suoi genitori e non perché crede in dio.

Aggiornamento 3:

*CIECAMENTE* scusa coso ed è triste che ti sia soffermato su UN ERRORE GRAMMATICALE e non sul contenuto

14 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    4 sett fa
    Migliore risposta

    Infatti la religione viene imposta un po' ovunque in modi diversi. Bisognerebbe dare i bambini una formazione a 360° in modo che abbia una visione completa della realtà e fare le sue scelte, ma purtroppo i religiosi sono così. 

    I cattolici subito infilano i figli nella chiesa: battesimo, poi la prima comunione ecc ecc e alla fine il bambino cresce pensando che la bibbia sia il suo libro di scienze

    I testimoni di geova criticano i cattolici ma fanno la stessa cosa, forniscono il bambino ancora piccolo con il "kit del piccolo tdg" e viene indottrinato sin da piccolo

    Ti ho citato queste due perché sono le uniche che conosco. Ho un cugino tdg e il resto sono tutti cattolici. Hai ragione, la religione viene imposta

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 4 sett fa

    Ritengo che sia dovere dei Genitori avviare i figli, fin da molto piccoli e nelle forme adatte, alla comprensione dell'universo sul quale si affacceranno, universo che, ovviamente, include la Spiritualità oltre alla materialità delle cose. Spiritualità in senso ampio ed obiettivo, niente affatto opposta alla scienza, in generale.

    Un Genitore, sposato come Cattolico, conosce bene tutti gli enormi vantaggi spirituali che derivano al Figlio dall'essere battezzato e lo farà appena possibile. E appena possibile gli farà conoscere pienamente la sua religione, dandogli l'esempio e suggerendogli di approfondirne la grandezza e farla sua, rispettando la sua libertà di aderirvi o no.

    Gesù fu portato al Tempio e offerto al Signore all'età di otto giorni!

    Cecamente si scrive ciecamente.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    4 sett fa

    Accade di frequente arrivando anche a notizia di cronaca nei casi peggiori che genitori islamici impongano con la forza la loro religione ai figli e soprattutto alle figlie.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 4 sett fa

    le domande sulla vita, sulla morte, su chi ha creato il mondo , sulla spiritualità, sono domande che vengono spontanee nei bambini, e che necessitano di una risposta.Quindi è necessario che queste risposte vengano date in maniera onesta. Se un genitore è credente darà delle risposte in linea con la propria fede, se non è credente le darà in linea con il proprio pensiero, in entrambi i casi dare queste risposte è una responsabilità, non vanno prese alla leggera, nè evitate perchè il bambino cercherà comunque di dare una risposta a quegli interrogativi. Questa è una delle responsabilità di essere genitori.

    Negare l'esigenza di spiritualità del bambino è pari al negargli l'esigenza di razionalità. Sono entrambe componenti umane che meritano attenzione. Il problema è che sovente vengono date risposte " convenzionali, sbrigative poco in linea con la sensibilità dei genitori, perchè spesso anch'essi non hanno approfondito in entrambe le direzioni. Così ci ritroviamo degli adulti che in tema religioso hanno la maturità e la conoscenza di un bambino di 6 anni, e in ambito scientifico va un po' meglio ma di poco, quante volte anche qui su answer  leggiamo " l'uomo discende dalle scimmie" o "Dio è un vecchio con la barba" banalizzazioni sbagliatissime di pensieri e teorie che hanno una ben differente profondità.

    Dire che i credenti hanno figli credenti e gli atei hanno figli atei è negare all'individuo la possibilità di maturare un proprio pensiero autonomo. In italia migliaia sono stati cresciuti al catechismo e da adulti si dichiarano atei, oggi come 1000 anni fa, solo che un tempo le convenzioni sociali non permettevano l'ateismo pubblico, ma quello privato era ampiamente praticato.

    I genitori possono imporre ben poco, e per poco tempo, ai figli ( ogni genitore lo sa).

    I genitori fanno del loro meglio , i figli idem.

    E' la vita.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 4 sett fa

    Non ha alcun senso che poni la scienza sullo stesso piano della religione.

    L'evoluzione è una teoria scientifica al pari della gravitazione universale.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • La religione è un virus che viene inculcato durante l'infanzia. Questo succede da sempre e da millenni.

    E' assolutamente sbagliato sostituire la fede con la teoria evolutiva o qualunque altra teoria scientifica.

    La scienza è un obiettivo culturale fondamentale che deve provenire dall'istruzione, dalla scuola e dall'università. Le famiglie che possono dare un'educazione scientifica ai propri figli sono veramente poche.

    Ma la scienza non deve riempire lo spazio vuoto lasciato dalla fede, altrimenti i fanatici religiosi inizieranno le loro crociate contro la scienza tacciando gli altri di essere "scientisti, immorali e inumani", come già fa qualche idiota qua dentro.

    Ci mancherebbe soltanto che i politici come salvini o meloni iniziassero a proporre il creazionismo nelle scuole come già avviene con i politici repubblicani negli stati uniti.

    Quindi è meglio evitare certe contrapposizioni scienza/religione, perchè sappiamo già da che parte starebbe la politica.

    Le religioni pian piano spariranno man mano che il livello di istruzione salirà nella popolazione. Il cristianesimo è in profonda crisi, arriverà anche il tempo in cui il mondo islamico si renderà conto della stupidità della loro fede e verranno tempi di crisi anche per loro.

    Ai miei tempi nelle scuole chi si asteneva dall'ora di religione cattolica erano 3-4 ragazzi in tutta la scuola, oggi sono la metà degli studenti in ogni classe e non perchè sono solo musulmani, molte famiglie rifiutano l'ora di religione come scelta civica. E' un grande segno di civiltà che avanza.

    Bisogna solo aver pazienza.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • cosa pensi dei genitori che impongono l'ateismo ai loro figli?...

    da quanto hai scritto e commentato, appare che tu abbia previsto 2 pesi e 2 misure per supportare la tua affermazione...non bene...

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Per come la vedo io, certi discorsi non andrebbero affrontati con i bambini perché per affrontarli con loro dovresti semplificarli e portarli al loro livello. Il problema è che poi credono che quei discorsi siano veramente come li hanno affrontati da bambini e il peggio è quando non rigettano quelle concezioni infantilizzate della religione ma anzi le accettano. Farei sto discorso anche sulle scienze/sulla storia se non fosse che poi il successivo studio pian piano affina l'idea che il bambino/adolescente/adulto si fa di quanto studiato... misteriosamente però sembra raro in campo religioso. Forse perché mancano gli input ad approfondire, o forse perché viene appunto fatto tutto troppo, troppo presto e in maniera troppo pedante.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 mese fa

    Quasi tutti i cattolici accettano la teoria dell'evoluzione, in realtà. Solo pochi fanatici pensano che la Bibbia vada presa alla lettera.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 4 sett fa

    Ciao io ho letto di Paramahansa Yogananda verso la realizzazione del Se, il Divino Romanzo, l eterna ricerca dell uomo Yogananda ha cambiato il mio modo di vedere Dio ha detto che Dio è  sempre cosciente sempre esistente sempre nuova gioia 

    Mi ha spiegato tanto su Gesù Cristo l ho letto nei tre vangeli spiegati da Yogananda per esempio potresti leggere i tre vangeli cosi diventa piu bello capire che stato di coscienza viveva gesu io credo che con piu informazione su questo lato diventa migliore anche andare in chiesa

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.