promotion image of download ymail app
Promoted
∞ V ∞ ha chiesto in Scienze socialiSociologia · 2 mesi fa

Cosa? Perché? Quanto l'adozione di un vocabolario subculturale contribuisce all'isolamento sociale di alcuni gruppi umani ai margini?

Avete visto che bella domanda? Mi sento un po' Dahrendorf con un pizzico di Amartya Sen spruzzato qua e là, a mo' di coriandoli o prezzemolo.

Comunque, la mia domanda deriva dal fatto che ho letto piuttosto assiduamente, in questi ultimi giorni, 'Il forum dei brutti'. Mi ha colpito particolarmente il fatto che questa subcultura ha creato un linguaggio completamente separato e distaccato da quello del resto del mondo. Senti qui per esempio cosa scrivono e come lo scrivono: 'Molti di loro oltretutto sono inconsciamente volcel perché larpano da edgelord misantropi fino alla morte'.

Non ho sbagliato a scrivere e ho ricontrollato prima di pubblicare questa domanda. Quel forum, in cui le persone si lamentano del proprio isolamento sociale e specialmente della loro assenza di relazioni con le donne - che loro chiamano esclusivamente 'NP', 'non-persone' - è scritto usando un linguaggio simile: inventato in certi casi, italianizzato a partire dall'inglese in altri, in ogni caso il risultato è una sorta di Esperanto virtuale, incomprensibile.

Così mi chiedevo quanto l'adozione stessa di un linguaggio subculturale contribuisce all'isolamento sociale di una subcultura. Non trovi che quanto più il linguaggio di un gruppo umano si fa subculturale e tanto più esso stesso alimenterà l'isolamento sociale del gruppo che lo adotta, il ché a sua volta porterà il vocabolario subculturale ad esclusivizzarsi e il gruppo a isolarsi in un circolo 'rafforzativo' possibilmente infinito?

Grazie

1 risposta

Classificazione
  • Anonimo
    2 mesi fa

    Ti sei già fatto valutare? ora sai di essere un cessò ambulante? 

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.