promotion image of download ymail app
Promoted
Anonimo
Anonimo ha chiesto in Società e cultureReligione e spiritualità · 1 mese fa

Perché non è esistita nessuna fazione conservatrice di popoli quali latini ed etruschi, mentre ancora oggi esistono popoli precedenti a essi?

Ok, i popoli si mescolano, cambiano, ma perché esistono ancora gli ebrei che mantengono la stessa lingua e la stessa religione da millenni (seppur con cambiamenti), mentre non è rimasto assolutamente niente della lingua e della religione di latini ed etruschi? 

Gli islandesi da isolatissimi per secoli hanno mantenuto la lingua pressoché intatta a quella che i loro antenati usavano quando abitavano ancora in Danimarca (poi sono passati in Norvegia e infine in Islanda). I cambiamenti ci sono stati ma l'identità linguistica è quella, è rimasta. La religione invece è stata stravolta. Oggi gli islandesi credono ancora a fate, gnomi, spiritelli, ecc, ma credono anche e soprattutto a ciò che la chiesa ha voluto che la popolazione credesse. La religione cristiana ha fatto perdere una parte dell'identità etnica delle origini agli islandesi. Gli ebrei si raccontano le leggende come se fossero storia reale degli avi, gli islandesi se le raccontano come se fossero storielle inventate. 

In Italia non è rimasto nemmeno questo. Neppure in un piccolo raggruppamento di persone vicino Roma. La lingua nella bocca del popolo è totalmente stata sostituita da un volgare. L'identità di un latino è totalmente stata cancellata. C'è veramente poco o nulla che possa accomunare un moderno laziale con un antico latino (escuso i pochissimi neopagani, che non sono una continuità ma dei ricostruttori; o almeno ci provano). 

Come mai un'identità così forte che ha influenzato molti popoli si è perduta così? 

4 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 mese fa

    Sulla lingua degli ebrei bisogna dire che è una rivitalizzazione, con opportune modifiche costruite a tavolino. Gli ebrei fino gli inizi del XX secolo non parlavano nel quotidiano l'ebraico. Più o meno per loro era come il latino in Vaticano. Pregavano in ebraico ma non lo sapevano usare come lingua quotidiana. Il governo sionista, essenzialmente di destra, ha promosso un programma di omologazione perché gli ebrei provenivano da varie parti del mondo e parlavano lingue diverse. Alcune regole grammaticali non potevano essere desunte dai testi sacri (come la coniugazione dei verbi al presente, dato che nei testi di parla sempre e solo al passato), così i grammatici hanno inventato qualche regola e introdotto qualche neologismi arbitrariamente che la gente doveva assimilare. Con l'istruzione in ebraico e i media in ebraico, nel giro di qualche decennio l'ebraico è diventato lingua del quotidiano. Più o meno è successo lo steso con gli italiani che hanno appreso l'italiano dopo essere diventato italiani. 

    Sulla religione sono stati abbastanza conservativi ma hanno anche assorbito la filosofia greca, cioè quella che fonda la teologia cristiana. Però è vero che sono riusciti a preservarsi nonostante tutto. Essenzialmente grazie al sionismo. Senza sionismo ebreo significherebbe qualcosa di più indefinito. 

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 mese fa

    lo sai che i caratteri che usi per scrivere sono latini e ancora quasi identici a quelli usati più di duemila anni fa dai romani? tu puoi leggere una lapide antica senza alcuna difficoltà (leggere, capirla è altra cosa) e che la varietà di madonne cristi ecc che trovi in giro per litalia in realtà nasconde tante antiche dinività mascherate da cristiane per non essere bruciate o distrutte? e che i dialietti italiani non derivano dall itlaiano, ma si sono coevoluti dallle antiche lingue?

    quanto ad ebrei e simili, hanno mantenuto una forte identità culturale ma sono molto cambiati pure loro...

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • giokko
    Lv 6
    1 mese fa

    Ogni popolo ha avuto nella sua storia situazioni fortuite o sfortunate con le dovute conseguenze.

    Alcuni popoli continuando a confrontarsi con altri si sono fusi in altre culture, altri per isolamento sono rimasti.

    Alcuni popoli sono stati sterminati.

    Per gli ebrei è storia il Patriarca Abramo, passare il mar Rosso ecc, ebbero falsi profeti che fondarono delle sette, uno dei quali Gesù il Nazareno che fu condannato a morte con gravi accuse, lo stesso Gesù in circa mezzo mondo è Dio.

    Sarebbe lunghissimo il discorso e i fatti da commentare.

    Ci sono dei fenomeni tipo il paese in Calabria che parla ancora la lingua albanese e quello o quelli che parlano il greco.

    • ...Mostra tutti i contatti
    • giokko
      Lv 6
      1 mese faSegnala

      Bova in Calabria e Martano in Puglia sono esempi di antichissime comunità greche e hanno mantenuto un dialetto simile al greco antico. Ci sono anche paesi nel sud che hanno un dialetto simile all'albanese perchè discendono da insediamenti albanesi come Spezzano Albanese in prov. di Cosenza

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Sei sicuro di ciò che dici?

    Passi per la lingua: gli Ebrei non hanno avuto commistioni con altri popoli tanto quanto i Romani (o i loro discendenti) con i popoli "barbari". Ma per la credenza, nonostante tutto siamo rimasti. In pochi ma ci siamo... addirittura alcuni stanno aprendo templi qui in italia, dove formare sacerdoti e officiare i riti pubblici.

    Ps anche in islanda esistono fratelli che adorano i propri Dèi... ma convengono con noi e con gli antichi che i miti non sono cronache storiche o favole, bensì miti.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.