Anonimo
Anonimo ha chiesto in Relazioni e famigliaRelazioni e Famiglia- Altro · 1 mese fa

Domanda sulla famiglia? RAPPORTI SOCIALI?

Scusate, vorrei un vostro parere..

Vi spiego, ho 32 anni, sto cercando un lavoro fisso, nel mentre sono che studio..

Ho una famiglia un pò particolare, una madre che classificherei ansiogena ed oppressiva, da quando sono piccolo, è maleducata (interrompe sempre le persone quando parlano e si offende se viene interrotta), sempre esaurita (ha sempre trovato 3000 scuse per il suo esaurimento, come se i problemi che lei ha affrontato in vita non li avessero affrontati tutti), ha cercato di metterci in una campana di vetro (alle superiori ci proibiva di PRANZARE, manco cenare, con gli amici, e si doveva essere sempre a casa entro le 18 30, perchè cenare assieme è sacro e dopo non è bene uscire, anche se i ragazzi solitamente uscivano alle 19 00, per rientrare la sera tardi almeno il sabato), fallendo con me, ma ci è riuscita con mio fratello (il quale sono 7 anni che praticamente non esce dalla propria stanza), nonostante io avessi lottato per fare in modo che almeno lui potesse essere libero di uscire e farsi amicizie (io all epoca ero solo), solo che lui, non avendo un carattere forte come il mio, ha ceduto..

Certo, mamma aveva pure valide ragioni, ma anche se un 16 enne torna alle 3 della notte il sabato sera, non casca il mondo, non siamo una provincia con tanta delinquenza, e comunque non sarebbe stato solo (lo riportavo a casa io in macchina andandolo a prendere, al max)..

Scusate lo sfogo, ma vorrei consigli, io non so più che fare per:

1 Aiutare mio fratello ad uscire dal l isolamento in cui si ritrova

2 Far sì che mia madre si dia una calmata

3 Esser più calmo io per poter calare di peso e riprendere ad allenarmi (come dico in casa che voglio far dieta ed allenarmi mi dicono che basta una passeggiata e già perdi peso)

4 Far capire a mia madre le dinamiche sociali

5 Varie

P.S. Lei ci ha sempre detto che la cittadina in cui viviamo è becera, proibendoci di parlare il dialetto locale in sua presenza, anche se ci troviamo con amici, facendo di tutto affinché non frequentassimo altra gente (per farvi capire meglio, quando io dovevo far gruppo con altri bambini lei mi diceva sempre "quando sei con altri bimbi, prenditi i tuoi meriti e staccati dai meriti degli altri dicendo loro questo l ho fatto io, e questo l hai fatto tu", vi renderete conto che per socializzare questo atteggiamento non va bene, visto che in gruppo meriti e colpe si dividono equamente)..

Aggiornamento:

* dall'isolamento       - errore cellulare -

Ancora nessuna risposta.
Rispondi prima di tutti a questa domanda.