Giacomo ha chiesto in Scienze socialiPsicologia · 1 mese fa

Non saprei ?

La mia vita è una commedia? Ultimamente sto pensando seriamente che sia uno spettacolo teatrale drammatico guidato da un regista sadico. 

Ho 22 anni. 

Amici? Non ho amici, semplici conoscenti con i quali uscire per non passare come asociale, passando le serate a guardare gli altri divertirsi e io li costretto a sventolare sorrisi falsi. 

Ragazza? Mi vien da ridere pensandoci, non ho mai baciato nessuna. Già...

Sono stato bocciato 3 volte a scuola. La prime 2 volte semplicemente perché non avevo la volontà, la terza per via di una discussione che ebbi con il preside.

A novembre scorso mi hanno diagnosticato il Crohn. 

Lavoro? Per ora nulla, operaio, falegname, cameriere, commesso. Tutte cose normali. 

Forse è questo che frega le persone, arrivare al punto in cui ci si rende conto che la propria vita non ha nulla di speciale. 

Nessuno mai mi ha chiesto se sono felice, tutti ti salutano e ti chiedono "la ragazza? Il lavoro? La macchina? La casa? I figli?".

Nessuno che ti guarda e ti chiede "sei felice?". 

Siamo cosi presi e occupati in questo mondo fittizio, in questo mondo di finto lusso. Credo che la popolazione occidentale abbia sbagliato obiettivo, crediamo che il possedere oggetti ci renda felici, invece siamo tutti altamente infelici. 

Sinceramente ora sono in uno stato di apatia totale, avete presente il vetro che si appanna dopo aver fatto la doccia? Ecco...credo che la mia mente sia appannata. O forse sono solo melanconico. 

Con tutti i casini di ora, ridiamoci su haha

3 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 mese fa

    io son sempre più convinto che ognuno di noi viva in una specie di matrix proprio, o simulazione se preferisci chiamarla così 

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 mese fa

    Di

    Dai troppa importanza al giudizio delle persone, questo è il tuo problema

    E' la tua vita, fanne ciò che vuoi; vivila serena e felice

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Ogni sentimento che si prova ha il suo perchè. Non esistono sentimenti sbagliati.

    Il fatto che molte persone non abbiano voglia di far niente non è un problema.

    E' il giusto effetto che è conseguito a determinate cause.

    E' ciò che la civiltà, sulla base di ciò che ha fatto si è coltivata e si è meritato.

    Non esistono problemi o una situazione di cui preoccuparsi o voler scongiurare.  Solo cause ed effetti.

    Tutto ciò che accade compresa la distruzione, accade perchè è giusto che accada.

    Il fallimento di una civiltà  è il miglior (nonchè unico) modo per ricostruire qualcosa ex novo imparando dagli errori precedenti.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.