promotion image of download ymail app
Promoted

Ci siete anche voi nel vortice di panico del Coronavirus?

La mia famiglia è nel panico, leggono notizie come se fosse il bollettino di guerra, le mie sorelle in lacrime, e io che non ho ben capito se devo preoccuparmi o meno

Intanto tra qualche giorno parto per Madrid e sticaz francamente 

Voi cosa ne pensate? Avete paura o no? O avete paura poco? 

Non ci sto capendo nulla... 

Aggiornamento:

@ Blu@ non ti leggo nella domanda ma solo nelle notifiche, puoi aggiornare la risposta? Grazie! :)) 

29 risposte

Classificazione
  • asso
    Lv 7
    1 mese fa
    Risposta preferita

    io ho paurissima di una signora che abita nel mio palazzo, che da qualche giorno è impazzita col fatto del virus. In realtà già aveva serie complicanze precedenti. Innanzitutto lei parla vicinissimo, ad un palmo di naso e strettamente in italiano, si da arie un po' altolocate nel linguaggio (e non so perché), quindi cambia gli accenti a seconda di come le suonino meglio: dice Còronavirus. Còrona, capito?

    Già questo fa paura più del vero coronavirus.

    Poi azzarda profezie, cose, ti segue per le scale per dirti che il virus è lì, nell'aria che ti osserva, tu non lo vedi ma lui sa chi sei.

    E come lei, tanti tanti tantissimi altri fèssi mi fanno paura. Il virus no, perché io ho massimo rispetto della morte.  

  • 1 mese fa

    Panico no. O non ancora comunque. Preoccupazione si. È un virus diverso e nuovo. Non abbiamo anticorpi, salvo quelli che hanno la fortuna di guarire, ma sono ancora troppo pochi per creare un argine. Inoltre ci sono stati periodi di incubazione fino a 27 giorni, il che fa dubitare che la quarantena di 14 giorni sia sempre sufficiente, ammesso di poterla fare in modo serio. Inoltre, altro elemento preoccupante è che sembra (fonti cinesi quindi da prendere con le molle) ci siano infettati guariti che successivamente abbiano riportato nuovamente una recrudescenza degli stessi sintomi, ipotizzando una comparsa/scomparsa/ricomparsa del virus in taluni casi. Però, visto il continuo fluire ovunque di notizie spesso prive di qualunque fondamento, stiamo attenti a non cadere nella trappola dell'isteria collettiva,  quella sì che non ci porta buone cose. In bocca al lupo, a tutti!

    • Ma che fortuna!! La maggior parte guarisce da soli! Sveglia! Gran parte degli infetti sono a casa con un raffreddore o comunque con sintomi simil influenzali.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 mese fa

    Io abito in Lombardia, in una città con vari infetti e già un morto. 

    La vita qui sta proseguendo regolarmente, la gente va al lavoro, va al ristorante, va nei negozi, prende il bus e il treno. L’unica differenza è che i bar chiudono alle 18:00 in ottemperanza all’ordinanza della Regione, quindi addio aperitivi :-) Inoltre ci sono un sacco di bambini e ragazzini in giro la mattina perché le scuole sono chiuse, sempre per decisione della Regione. Scoccia abbastanza anche la chiusura dei cinema; credo che potrebbe saltare il festival annuale del cinema della mia città a cui partecipo volentieri ogni anno (che sarebbe in programma dal 7 al 15 marzo).

    Io non sono particolarmente preoccupata, prendo le precauzioni indicate dall’OMS e via. Però mi hanno cancellato tutti i corsi che avrei dovuto tenere questa settimana, quindi sono in ferie forzate (per me, ma non per chi lavora in azienda o altri settori).

    Invece ciò che mi preoccupa è il possibile isolamento che potrebbe essere applicato nei nostri confronti da altre Regioni e da altri Paesi. Ho un viaggio in aereo programmato (e tutto già pagato) per il 20 marzo da Orio al Serio a Barcellona e non vorrei che ci impedissero di andare o ci imponessero una quarantena di 14 giorni (che quindi comporterebbe l’impossibilità di andare, perché è solo per un weekend). Ma ovviamente, al di là delle mie vicenduole personali, la preoccupazione c’è a livello generale, perché tali limitazioni comporterebbero un blocco dell’economia, dei servizi, di tutto. 

    Intravedo però delinearsi scenari di delirio collettivo, apocalittici, di caccia all’untore. È l’umanità a farmi paura, non il Coronavirus 

  • Serena
    Lv 7
    1 mese fa

    Non sono nel panico ma sono preoccupata. 😸

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 mese fa

    Il panico, oltretutto non giustificato, è sempre deleterio. Quello che mi preoccupa veramente, devo dire, è vedere i comportamenti ossessivo-paranoici-accaparratori-individualisti e chi ne a più ne metta delle persone...temo che se si scatenasse un vero panico ( motivato) non esiterebbero a fare qualsiasi cosa terribile a loro personale favore...mi sembra proprio che il senso dell' umanità si stia decomponendo...

    Qui mi taccio, visto che poco se ne sa e che non mi piace inserirmi nel gruppo dei tuttologi...credo che sia corretto seguire l' andamento ed evitare le zone pericolose, e cercare di seguire le linee guida per tutelare noi stessi, gli altri ed in particolare il personale sanitario che è quello che rischia ogni giorno di più.

  • 1 mese fa

    L’equilibrio non guasta mai. Evitiamo di allarmarci troppo ma non dobbiamo nemmeno sottovalutare il rischio. È bene adottare le misure preventive che ci sono state suggerite. Nel link indicato in fonte troverai 5 fattori che espongono al rischio di contagio per tutte le malattie in generale e i modi per difendersi al meglio.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 mese fa

    Se con “panico” intendi anche dover correre al supermercato per fare le provviste e darsi al letargo, be’ no!😂😂😂

    Io vivo al nord dove ancora non c’è stato alcun caso di contagio dunque sono tranquilla. Ovvio se capiterà attuerò i dovuti comportamenti  semplicemente perché ho un sistema immunitario debole, non per altro, e vorrei evitare di finire all’ospedale😅

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 mese fa

    No,per nulla direi. Io e la mia famiglia non siamo a serio rischio,non soffriamo di malattie ad esempio diabete per ritenere il nostro organismo debole e quindi questo potrebbe reagire tranquillamente al virus come una semplice influenza. Nessuno della mia famiglia è vecchio o appena nato e se anche qualcuno di noi si dovesse ammalare...beh nella vita succedono anche queste cose,basta incrociare le dita con la speranza di non essere nel 2% che ci rimane secco

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Io non ho per niente paura

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 mese fa

    No, sono un persona razionale.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.