Anonimo
Anonimo ha chiesto in SaluteSalute mentale · 4 mesi fa

Salute mentale se ne occupano i centri di igiene mentale?

2 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    4 mesi fa
    Risposta preferita

    Il concetto di salute mentale si riferisce ad una condizione di normalità, benessere e/o equilibrio di tipo psicologico ed emotivo. Una condizione che permette all'individuo «di sfruttare le sue capacità cognitive o emozionali, esercitare la propria funzione all'interno della società, rispondere alle esigenze quotidiane della vita di ogni giorno, stabilire relazioni soddisfacenti e mature con gli altri, partecipare costruttivamente ai mutamenti dell'ambiente, adattarsi alle condizioni esterne e ai conflitti interni» L'ambito di riferimento è la psichiatria e la psicologia.

    Ogni definizione di salute mentale dipende dalle differenze culturali, da valutazioni soggettive e dalle diverse teorie di riferimento relative al funzionamento psichico. La maggior parte degli esperti conviene comunque sul fatto che "salute mentale" da un lato sia "assenza di malattia mentale", "normalità", "adattamento sociale", "felicità" dall'altro non siano necessariamente sinonimi o concetti direttamente correlati: in altri termini, la mera assenza di malattie mentali non implica necessariamente la condizione di salute mentale. A tal proposito può essere utile ricordare la definizione che la stessa Organizzazione mondiale della sanità dà di "salute" in genere: "uno stato di completo benessere fisico, psichico e sociale, e non semplicemente assenza di malattia o infermità".  

    Secondo la definizione del dizionario Merriam-Webster, la salute mentale è "uno stato di benessere emotivo e psicologico nel quale l'individuo è in grado di sfruttare le sue capacità cognitive o emozionali, esercitare la propria funzione all'interno della società e rispondere alle esigenze quotidiane della vita di ogni giorno".  

    Alcune delle competenze caratteristiche della condizione di salute mentale sono:  

    stabilire relazioni sociali e soddisfacenti e mature con gli altri

    partecipare costruttivamente ai mutamenti dell'ambiente sociale

    sviluppare la propria personalità investendo le proprie pulsioni istintuali nelle relazione sociale

    risolvere i propri conflitti in modo equilibrato

    adattarsi alle condizioni esterne e ai conflitti interni

    avere una buona immagine di sé

    essere consapevoli delle proprie emozioni, affetti e modalità relazionali.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    4 mesi fa

    Magari fosse così, purtroppo questa sezione è solo una valvola di sfogo per ipocondriaci e persone che hanno fatto degli psicofarmaci la loro ragione di vita.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.