promotion image of download ymail app
Promoted
Anonimo
Anonimo ha chiesto in Politica e governoLegge ed etica · 1 mese fa

Una volta usciti di galera...?

Una volta usciti di galera per omicidio volontario quella persona sarà destinata a non lavorare più nella sua vita con il precedente che ha?

Anche se ha un'età giovane come 37 anni?

Se nessuno gli darà il lavoro sarà destinato ad essere un delinquente o un parassita dello stato?

Anche se è un ragazzo laureato e lavoratore?

Aggiornamento:

@hairball: questa è una persona laureata in ingegneria nucleare e non è uno stupido, purtroppo per un attimo di rabbia è successo.

Ti auguro di rimanere sempre lucido nella vita e di non arrabbiarti mai e di non trovare mai nessuno che dia fastidio o peggio ancora violenti tua moglie o la tua ragazza.

10 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 mese fa
    Risposta preferita

    Esistono delle comunità o delle associazioni che si occupano di persone di questo problema di come inserire nel mondo del lavoro,altrimenti come farebbe vivere?Certo,e un reato gravissimo che nessuno perdonerebbe ma purtroppo nella vita si fanno anche degli sbagli.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 mese fa

    La vedo un pò dura.   

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 mese fa

    Esistono delle cooperative che assumono ex galeotti

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 mese fa

    Io non assumerei mai un assassino. Esistono numerose associazioni e iniziative onlus che si occupano di dare lavoro agli ex detenuti. Però non credo che potrebbe mai diventare dirigente della Deutsche Bank.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 mese fa

    La vedo dura per lui

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 mese fa

    lavori come muratore e spazzino si trovano sempre

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 mese fa

    Solo dei delinquenti, dei santi o degli stupidi possono fidarsi di uno che ha volontariamente ammazzato qualcun altro. Certo, potrebbe avere delle attenuanti, ma l'omicidio volontario non è mai il metodo giusto per farsi dare ragione. Per il lavoro minimamente decente, deve sperare di trovare un santo o uno stupido, altrimenti non potrà che lavorare per un suo pari, e facilmente tornerà dentro. Doveva pensarci prima.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 mese fa

    Al contrario, in Italia se hai dei reati sulla fedina penale è un punto a tuo favore, come una sorta di raccomandazione statale,  e avrai maggiori possibilità di trovare un lavoro, a differenza di chi è incensurato, laureato,magari anche specializzato in qualcosa ma che non ha alcuna raccomandazione, quello sì che fara la fame

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 mese fa

    Sarebbe meglio non ammazzare nessuno, in effetti. Meglio per la vittima e per l'assassino.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 mese fa

    Ho fatto volontariato in un carcere di massima sicurezza e posso confermare che l'incertezza del futuro, dopo l'uscita dal carcere, è una preoccupazione costante dei ristretti.

    In molte strutture penitenziarie è possibile avviarsi a mestieri, artigianati e

    attività indipendenti.

    Esistono programmi d riavvicinamento graduale alle attività produttive esterne, che includono anche una ri-programmazione psicologica dell'individuo.

    • ...Mostra tutti i contatti
    • considerando che il carcere di massima sicurezza in certe città fornisce anche le crostatine di marmellata a iose, e soprattutto che gli ammortizzatori sociali in caso di febbre dragona saltino.. la forca e la gogna restano una buona alternativa alla fame

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.