Anonimo
Anonimo ha chiesto in ViaggiStati UnitiNew York City · 5 mesi fa

New York, che cosa ne pensate? ?

La grande mela, secondo voi è una buona città nella quale vivere? Come sono i newyorkesi? É realmente così cara come dicono? È meglio trasferirsi in cerca di un lavoro o con un’attività già avviata? Come funziona la patente Italiana lì? Ho sentito dire da molti che è una città “tosta”, ma che cosa significa? Fare amicizia è realmente così difficile? Il cibo com’è? Cosa vi ha sorpreso e cosa vi ha deluso di più di questa città? (A patto che l’abbiate visitata). Grazie a tutti. 

10 risposte

Classificazione
  • Che è ora come ora diventato così rapidamente una delle peggiori aree del mondo colpite da COVID-19, con un rapporto di casi pro capite ancora superiore a quello dell'Italia.

  • 5 mesi fa

    O.T. : La roba sociologicamente più interessante di Answers sono gli Alessandro che ciclicamente compaiono. Sparano cazzàte, sparano sentenze, e puntualmente vengono ridicolizzati. La reazione? Sempre la stessa: "sfigati", "fatevi una vita", "tutto il giorno davanti al pc", "trombate di più", "solo dietro la tastiere, davanti tutti conigli". A persone che non conoscono. Senza notare che anche loro sono su answers, non stanno trombando se non dietro youporn, e berciano nascosti da un monitor. Ovvero stanno facendo le stesse cose che rinfacciano a chi li ha sputtanati, in un evidente riflesso della propria condizione. Insomma si guardano allo specchio, e vedono la loro parte peggiore, insultandola. Grandiosi.

  • 5 mesi fa

    New York è una città capace di "esplodere" o "annichilire" chi va a viverci senza una base economica molto valida. Io ci ho vissuto, studiato, lavorato per tre mesi, ma nel lontano 1962, disponendo di solo 400 dollari al mese per pagare tutto dall'abitazione, all'alimentazione, ai servizi e ti garantisco che non è stato facile.

  • 5 mesi fa

    Purtroppo negli USA le regole per l'immigrazione sono molto rigide, non puoi entrare con un visto turistico e poi cercare lavoro..Se ti scopre il servizio immigrazione ti rimanda subito in Italia e per alcuni anni non ti fanno più entrare. Ti consiglio di leggere qui

    https://www.portaledeigiovani.it/scheda/lavorare-n...

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 5 mesi fa

    Città fantastica ma piena di gentaccia che non ti lascia in pace. Mi spiego: ci sono stato la scorsa estate e mentre tu passeggi per strada un sacco di gente ti ferma, ti chiede una foto oppure cerca di venderti droga  o ti insulta mentre le ragazze ***** ti importunano. A New York data la gente che c'è, non c'è molta sicurezza

  • 5 mesi fa

    Complimenti, sei il milionesimo sognatore quindicenne (spero per te che tu non abbia più di 15 anni)  che posta una domanda del genere su yahoo. A dire il vero era un pezzetto che non si vedeva una domanda così completa di sciocchezze, e ovviamente in anonimo! 

    "E' meglio trasferirsi in cerca di lavoro o con una attività già avviata"? Ma tu hai mai sentito parlare di green card? Hai mai sentito parlare di un muro che vogliono costruire al confine del Messico per arginare l'invasione di Messicani clandestini? Pensi davvero che lo statunitense medio veda l'italiano sotto una luce molto diversa dal messicano? Quando uscirai dal mondo fatato dei telefilm, ti renderai conto che noi non siamo considerati molto meglio dei "latinos" da tenere alla larga dal loro Paese. Proprio per questo hanno fatto da tempo -ma da tanto tempo, te lo assicuro!-  delle leggi per tenere alla larga Italiani o altri che si svegliano una mattina e dicono "adesso voglio andare a lavorare a New York!", pensando che sia come andare al supermercato, che dipenda tutto dalla loro decisione di cittadini del mondo che sono autorizzati ad andare dove gli pare, solo perché abituati da papà e mamma ad avere sempre ciò che desiderano...  

    Quindi in Usa ci puoi andare o perché ti sposi una americana (e visto che sei ad un buon livello di sognatore questo puoi continuare a sognarlo) o perché sei ricco sfondato e puoi aprire una attività che ti permetta di dare pure lavoro ad americani (ma se tu lo fossi non saresti qui a fare domande così infantili ed ingenue) oppure perché hai una laurea di quelle coi controfiocchi accompagnate da capacità altrettanto al di sopra della media, per cui un eventuale sponsor americano è pronto ad investire (ripeto, investire, e quindi spendere dei soldi) su di te. 

    Ma anche qui, se tu rispondessi a questi requisiti, non saresti qui a chiedere che cosa significa "tosta" e come è il cibo!

    Di tosto qui nel mondo reale c'è la vita quotidiana, quella di tutti i giorni dove devi sudarti la pagnotta, e ti assicuro che è tosta qui quanto a New York. Appena uscirai dal mondo incantato dei telefilm di Hollywood, probabilmente te ne renderai conto. Ti auguro per il tuo bene di farlo molto presto. 

    Come vedi io non rispondo in anonimo, perché la verità, per quanto dura, non merita di essere detta in anonimato.  

  • 5 mesi fa

    È la migliore soprattutto se sei italiano

  • Anonimo
    5 mesi fa

    carissima, senza il welfare e la sanità gratuiti in italia di sicuro, e appena finisci i soldi vai sotto un ponte se ci trovi ancora posto... a parte questo, è città molto vivace dove trovi di tutto e di più. basta che stai sano e con soldi; per lavorare - dimenticavo - trovi lavoro facilmente ma devi essere molto professionale e in modo verticale - specializzato, anche se lavi i piatti - una cosa che in italia non va tanto; la concorrenza è feroce.

    ti consiglio di più il west, più tranquillo e con gente più socievole

  • 5 mesi fa

    Dipende, non è certamente una città dove puoi stabilirti se hai una famiglia (salvo eccezioni). New York è in continuo cambiamento ed è d’estremante costosa. Se hai un’attività è un buon posto dove far fruttare gli affari, anche se non la migliore... Fare amicizia non è come in Italia, negli USA, soprattutto a New York le persone sono più lente e diffidenti. L’ho visitata due volte ma personalmente non ci vivrei, magari cambierai idea appena l’avrai visitata. La cosa che mi ha sorpreso/deluso  di più è quanto sia frenetica, non riesco neanche ad immaginare come le persone possano viverci. Lascia stare gli sfigati che rompono le balle qui sotto, stare tutto il giorno dietro ad uno schermo non gli fa affatto bene :p

  • 5 mesi fa

    Ciao 😌 conosco discretamente bene gli USA, quindi cercherò di essere esaustiva:

    PATENTE: per quanto riguarda la patente dovremmo aprire un discorso differente per ogni stato degli USA, dato che ognuno ha le sue regole. Per esempio: in California e in Nevada la patente italiana è valida per 30 giorni, mentre in Montana per 90. Se pensi di recarti negli USA per un soggiorno più lungo ti consiglio la patente internazionale (negli usa dura un anno) in caso di un vero e proprio trasferimento ovviamente la miglior cosa è prendere la patente americana.

    NEW YORKESI: non credo si possano giudicare 8 milioni di abitanti in quanto new yorkesi. Ogni persona è differente! 

    COSTO DELLA VITA: per essere chiari: NY è costosa. Per quanto riguarda beni e servizi vengono applicate delle tasse ( è una tassa comunale applicata dai singoli stati e dalle autorità locali  e simile alla nostra IVA per capirsi pari attualmente all’8,875%) per esempio nei ristoranti le tasse vengono applicate al momento dello scontrino: quindi al prezzo sul menù dovreste aggiungergi il 9%. Un’altra cosa importante da sapere per quanto riguarda i ristoranti è che le mance sono un obbligo (morale) .

    Nell’abbigliamento invece le tasse sono applicate se un capo supera i 110 dollari. Nemmeno i medicinali sono tassati. Un turista deve sapere che anche gli HOTEL sono tassati. 

    È MEGLIO TRASFERIRSI IN CERCA DI UN LAVORO O AVERE UN’ATTIVITÀ AVVIATA? —> beh, dipende. Per esempio se la tua attività andasse male sarebbe sicuramente migliore mettersi in cerca di un nuovo lavoro, mentre se la tua attività andasse bene sarebbe meglio sicuramente quest’ultima. A meno che tu non abbia conoscenze/parenti/amici a New York dubito che tu possa avere un’attività avviata. Invece se economicamente puoi farcela anche da solo ad aprire un’attività nessuno ti vieta di farlo, se non hai niente da perdere prova. Anche se io consiglio sempre inizialmente di ambientarsi nella vita new yorkese con qualsiasi lavoro, dopodiché cominciare a fare dei piani effettivi. 

    IL CIBO: beh, è cibo americano.. non puoi aspettarti grandi cose. La maggior parte è cibo spazzatura, diciamo che riescono a trasformare un alimento sano in un alimento super calorico 😂 non è facile mangiare italiano negli usa, dato che molti spacciano per cibo italiano dei piatti che in realtà in Italia non esistono nemmeno.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.