promotion image of download ymail app
Promoted
Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scuola ed educazioneInsegnamento · 3 mesi fa

Ma i professori non si rompono di insegnare sempre la stessa pappardella ogni anno? ?

11 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 mese fa

    Assolutamente no.Sei tu che gestisci l' argomento e l'argomento puoi vederlo da diversi punti di vista.Quindi se ti piace approfondire e spiegare,hai buoni motivi per suscitare interessi e interessi sempre nuovi nei ragazzi e con i ragazzi.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    3 mesi fa

    Al liceo si, infatti sono esauriti.

    All'università no, mi sembra che stiano benissimo. Molti sono appassionati al loro lavoro.

    Al corso di filosofia teoretica ho conosciuto un docente giovanissimo (29 anni) che era molto bravo, sveglio e preparato.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 3 mesi fa

    Hahah in effetti non è una domanda banale, io penso che non ce la farei onestamente

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 3 mesi fa

    Non è sempre la stessa pappardella, come dici tu.

    Io insegno inglese e, secondo il tipo di scuola in cui mi sono entrata ad insegnare, ho dovuto fare, almeno al triennio, letteratura o parte commerciale o altro ancora.

    Al biennio è più ripetitiva la cosa ma non poi tanto. Può essere ripetitiva la grammatica, il lessico ma poi ci sono letture diverse, materiale da scaricare da internet etc. Si insegnano anche abilità varie che possono cambiare nel tempo, contenuti nuovi. So che anche per le altre materie è così. Più si è entusiasti di insegnare - spesso non lo è con i ragazzi che ci si ritrova in classe - più vengono idee nuove e diverse.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 3 mesi fa

    E' il pensiero di tutti. Però, nessuno li ha obbligati a scegliere questo mestiere. Il programma è unico e non può variare. Certo, potrebbero variare i metodi di insegnamento. Però, lo Stato li paga, per insegnare. E poi, non tutti gli studenti sono i primi della classe, che di solito, facilitano il lavoro dei docenti.

    Ricordo una battuta dell'attore Fabrizio Bentivoglio (tra l'altro, prima di fare cinema, mi pare che veramente sia stato docente) nel film "La Scuola".

    <<I veri ripetenti, siamo noi professori. Da anni, svolgiamo lo stesso mestiere e insegnamo lo stesso programma. Siamo noi a non evolverci mai. Non i nostri studenti. Finiti i 5 anni, ne avremo degli altri. Ma sempre le stesse cose gli insegneremo>>.

    Fonte/i: Citazione dal film "La Scuola".
    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 3 mesi fa

    infatti me lo sono chiesta anche io

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 3 mesi fa

    Credo proprio di sì ma è il loro lavoro dopotutto

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 2 mesi fa

    Forse è per questo che dicono sempre " è semplicissimo ragazzi" e poi nessuno ha capito niente ahahaha

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Hanno un programma da seguire più o meno definito stabilito dai vertici politici, poi se stai ripetendo è un altro discorso, studia capra.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 3 mesi fa

    Tecnicamente, quasi per tutti, sono stati egli stessi a scegliere questo lavoro. Inoltre vengono pagati, quindi non credo che gli dispiaccia fino in fondo

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.