In un libro conta di più la trama o lo stile narrativo?

Domanda che mi pongo da tempi immemori, e con la quale vi saluto prima di ritirarmi nei miei appartamenti 🧚‍♀️

10 risposte

Classificazione
  • 8 mesi fa
    Risposta preferita

    Se potessi scegliere, sceglierei per un sobrio bilanciamento delle due cose.

    In effetti direi che, in ogni caso, è lo stile che fa il libro.

    Ci sono scrittori (che amo!) che riescono a raccontare il nulla e lo raccontano benissimo, tipo un Thomas Bernhard, un Carver, un McCarthy, una Strout a caso (l'evidenza e la banalità del male, dell'amore, della malattia, dell'esistenza, e blablabla...)

    Poi ci sono i casi in cui non ti chiedi nemmeno di chi o di cosa stai leggendo, tanto è assoluto e mesmerizzante lo stile (Bufalino, Mari, Gamberini, Vasta, Argentina...tutti italiani, perché la lingua e le traduzioni contano)

    Insomma, dipende da una serie di cose.

    Nel dubbio (che non ho) prendo Bolaño ad esempio di trama e stile che contano come un tutt'uno.

  • 8 mesi fa

    Sottoscrivo e controfirmo le risposte di Allegrondo e Dottor K, autori citati compresi. Beh, non tutti in realtà, la Strout per esempio manca.

    La trama è importante, sì, ma a onor del vero ci sono autori che amo moltissimo e che sanno farsi amare raccontando il Nulla, dando in pasto al lettore poco più di un osso scarnificato.

    Metti un Perec. “Un uomo che dorme”, o “Tentativo di esaurimento di un luogo parigino”. Sento la mancanza di una trama ordita e complessa? No! 

    Non posso avere una preferenza tra stile e trama, perché pretendo che qualsiasi cosa l’autore mi offra sia maestosa, eccellente. Potrei citare esempi di assoluti maestri nell’ordire trame, penso a King, e tanti altri dallo stile impeccabile, estetico, i già citati Bufalino e D’Annunzio.

    Puoi offrirmi quel che vuoi, purché grandioso. 

    Aggiungo: non posso giudicare buono un libro il cui stile sia superbo e la trama una schifezza, o anche soltanto mediocre. La trama può essere risicata e quasi assente, ma tutt’altro che mediocre. Condizione necessaria perché un libro possa essere quantomeno buono.

  • 8 mesi fa

    Ci sono autori che apprezzi per lo stile ed altri per la trama.  Di D'Annunzio sto leggendo ora le sue lettere, Le migliori sono  quelle alle sue amanti che come contenuto potrebbero riassumersi in una sola parola :" trombiamo" Da notare che la sua non è mai una richiesta ma solo un affermazione.

    Lo stile però è talmente superbo che quando finisci di leggerle ti viene voglia di rispondere solo quando e dove anche se sei un maschio maturo, eterosessuale e lui è decisamente morto.

    Un altro autore che amo Cormack Mc Charty ha il potere di lavorare su  trame quasi inesistenti ma di creare personaggi talmente potenti da renderli  epici a livello di un Ulisse, spesso in negativo.

  • Anna
    Lv 7
    8 mesi fa

    È come chiedere se in un piatto di pastasciutta conta di più la pasta oppure il sugo. 

    Un buon sugo non riesce a correggere una pasta collosa e scotta, e una buona pasta cotta al punto giusto viene rovinata da un sugo fatto male. Allo stesso modo un bello stile non riesce a migliorare una trama incoerente e non plausibile, e un cattivo stile riesce a rovinare una trama basata su un'ottima idea e dei buoni personaggi.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    8 mesi fa

     conta il feeling 

    e più si legge, più si escludono "trame"

    inevitabilmente conta lo stile

  • Blu.
    Lv 7
    8 mesi fa

    Per forza un mix di entrambi

  • 8 mesi fa

    deve essere scorrevole

  • Ya
    Lv 7
    8 mesi fa

    lo stile narrativo. il significato è una funzione del linguaggio, e non viceversa.

  • 8 mesi fa

    A mio parere lo stile della narrazione sovrasta la trama che qualche volta può non essere all'altezza. Ma la storia, se narrata superbamente fa passare in secondo piano il deficit. Ovvio che se stile narrativo e trama vanno di pari passo...ecco il capolavoro.

  • 8 mesi fa

    La trama.

    Lo stile narrativo è, certo, importante; ma se non c'è la trama, cos'hai da raccontare?

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.