promotion image of download ymail app
Promoted
clara
Lv 6
clara ha chiesto in Scienze socialiStudi di genere · 2 mesi fa

Ma nessuno parla della guerra dei poveri che sta scatenando il coronavirus al sud?

L’80% delle persone al sud lavora a nero (e sottopagato).

Nel momento in cui siamo tutti chiusi in casa in quarantena, chiaramente non si può utilizzare l’autocertificazione per dichiarare di andare a lavorare illegalmente. 

Questo sta accendendo parecchio gli animi delle persone. Sopratutto nelle città, la gente sta dando di matto.

Purtroppo di questo non ne parla nessuno in televisione.

9 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    2 mesi fa

    È  stato il mio primo pensiero fin dal sorgere dello stato di emergenza e la chiusura in casa: il sud è pieno zeppo di persone che lavorano alla giornata senza contratto, penso ai camerieri padri di famiglia, le donne delle pulizie, imbianchini, commessi, parrucchieri nelle case, migliaia di persone che non hanno come fare la spesa, altroché carrelli pieni per fare la scorta. Ora potremmo star qui a discutere sullo stato di cattività di un Paese che fonda gran parte della sua attività in nero, ma non ci serve ora, semmai è una riflessione post-crisi.

    Spero vivamente che non si chiudano gli occhi su una realtà che esiste ed è fatta di persone e famiglie che vivono doppio dramma, quello del lavoro a nero, della precarietà e della povertà oltre che il dramma neonato di tutti gli altri, ovvero il virus.

    Che dire, voglio avere fiducia in questo governo dell’emergenza, e anche nelle iniziative solidali dei vicoli (questa foto, reale, mi è stata inoltrata stamattina. È una goccia nell’oceano ma ben venga) 

    Attachment image
    • Abracadabra
      Lv 6
      2 mesi faSegnala

      Riconosco la via accanto al Monastero di S. Chiara, a Napoli.
      Napoli è una città dal cuore grande. 

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 2 mesi fa

    Hai detto bene, si sta innescando una guerra tra poveri e tremo all'idea delle sue possibili conseguenze, aggravate dalla pandemia che è scoppiata

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 2 mesi fa

    non solo al sud 

  • Quasar
    Lv 6
    2 mesi fa

    Certo che lo so saccheggi (alimentato dalla mafia) rapine di spesa risse il popolo è allo stremo I nervi stanno saltando si rischia un polverone sociale

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • ma secondo me intorno al 20 aprile tolgono già parecchie restrizioni

    si tratta di pochi giorni

    ora siamo all'inizio della fase discendente (ma stiamo facendo più tamponi e perciò non sembra, se ci facessimo 60milioni di tamponi uscirebbero 3-4 milioni di casi nuovi), tra poco la discesa andrà a picco perchè deve seguire una curva a campana (se così non accadrà ci sarà da preoccuparsi molto seriamente, tipo che il virus è mutato ed è diventato ancora più aggressivo) assestandosi alla fine su pochi casi nuovi

    e allora dovremo fare una scelta: rimanere così altri due anni, cioè fino a quando ci sarà il vaccino, testato e in quantità disponibile per tutti, o riaprire (senza esagerare con i contatti sociali più del dovuto)..........e si farà la seconda cosa, perchè se no l'economia crolla completamente

    • ...Mostra tutti i contatti
    • ci sono fino a 9 settimane di cassa integrazione guadagni ordinaria, che lo stato ha stanziato per tutti quanti
      ne usufruirò anche io da lunedì, fino al 31 maggio (a meno che non potremo riprendere prima)
      si perde però il 20% dello stipendio

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    2 mesi fa

    Io sì: infatti avevo chiesto perché l'esercito non uccide con proiettili nel cranio tutti i mafiosi e criminali che la stanno fomentando e che ci speculano sopra. Un regime nazista con forni crematori sarebbe il top, per eliminare la feccia criminale, ma bastano anche le esecuzioni e irruzioni in casa dei criminali da parte dell'esercito.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    2 mesi fa

    Ma al sud non è la mafia a controllare tutto 

    • ...Mostra tutti i contatti
    • clara
      Lv 6
      2 mesi faSegnala

      É una domanda o un affermazione? Non capisco. La mafia controlla solo le attività che possono procurar loro guadagno (col pizzo). Ironia della sorte, non possono ritirarlo il pizzo in questo periodo.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • per risolvere il problema al sud implementeranno un altro reddito di cittadinanza (che verrà percepito in buona parte da mafiosi, finti poveri e varie altre sottospecie di furfanti che in realtà i soldi per fare la spesa ce li hanno). 

    Come al solito ogni genere di emergenza rappresenta un'opportunità per affari criminali al sud. come è già successo e continua a succedere per i rifiuti.

    forse se i meridionali cominciassero ad avere un atteggiamento diverso nei confronti dello stato e lo considerassero come una comunità di cui fanno parte piuttosto che come un regnante cui rubare i soldi quando è distratto smetteremmo di avere una questione meridionale. 

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • sandro
    Lv 7
    2 mesi fa

    Il furbetto lavora in nero, non paga tasse, ma prenderà ugualmente la pensione? : ha dimenticato il proverbio "tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino"

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.