promotion image of download ymail app
Promoted
Crispo
Lv 6
Crispo ha chiesto in Scienze socialiPsicologia · 2 mesi fa

Cosa trasmetti dipende da chi sono io o da chi sei tu?

13 risposte

Classificazione
  • 2 mesi fa
    Risposta preferita

    “Non vediamo le cose come sono, ma come siamo” ( Jiddu Krishnamurti )

    Credo che  se non si comprende se stessi sarà difficile comunicare chi e come siamo ( non sapendolo noi stessi...addirittura ignorando di ignorarlo) quindi si avrebbe una trasmissione errata o tronca o bloccata e così recepita. Credo quindi che parta dalla nostra mente e dalla nostra volontà il tipo di comunicazione...ma certo nell' interazione l' altro soggetto ha la sua parte attiva e si debba in qualche modo " agganciare" a chi ha di fronte...in un rapporto empatico ed interagente in proporzioni se pur differenti di interesse reciproco. 

    E a volte può capitare di incontrare persone che in noi sanno penetrare più profondamente di noi stessi, per una serie di motivi e/o esperienze personali pregresse.

    • ...Mostra tutti i contatti
    • Crispo
      Lv 6
      2 mesi faSegnala

      Principio di responsabilità sociale, e non individualistico, è quello in cui credo io. Detto questo chiudo anche la domanda. 

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 2 mesi fa

    Cosa trasmetto dipende da chi sono io.

    Cosa recepisci dipende da chi sei tu.

  • 2 mesi fa

    Si parla di messaggi, segnali e frequenze.

    È un argomento quantomeno affascinante. 

    Dipende da chi sono io, da chi è l'altra persona e dal rapporto che ci lega. 

    Dando per scontata, da ambo le parti, una buona padronanza della madrelingua e delle emozioni, la discrimine è l'interesse - temo. 

    Se una persona mi sta a cuore percepisco ciò che mi dice nella sua interezza: il testo, il significato, la punteggiatura, il tono, lo stato d'animo e a volte leggo anche tra le righe. 

    • Abracadabra
      Lv 6
      2 mesi faSegnala

      E' vero. Anche il legame fa la sua parte. Con chi voglio bene le incomprensioni quasi non esistono, o si risolvono senza nemmeno doverne parlare. Perché già so quel che c'è da sapere, e già so che l'interesse - nel farsi capire, nel non prevaricare, nel non usare giochetti infantili - è comune.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 2 mesi fa

    Dalla distanza delle trasmissioni.

    Ora, ragioniamo per frequenze radio. Se ti sintonizzi sulla mia frequenza o lunghezza d’onda, cavalchiamo ed andiamo lontano; se le frequenze sono diverse, ci accavalliamo e nessuno viene a capo, e se siamo distanti non ci sentiamo, non ci raggiungiamo.

    Ora, ci sono anche i sotto casi: quello che non vuole sentire cosa trasmetti perché  non gli piace,  oppure lo dici male, e c’è chi è sordo, chi ama fare guerre e non darla vinta. Senza contare che anche lo stato d’animo c’entri in qualche modo.

    Le teste sono tante almeno quanti i testìcoli. 

    Cosa ti ho trasmesso, a parte potenziali virus?

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • asso
    Lv 7
    2 mesi fa

    Ero in seconda elementare (forse terza) quando conobbi un picco di popolarità attraverso un furbo giochino che consisteva nel rispondere al quesito:

    ‘ io sono io, tu sei tu. Chi è scemo io o tu?’

    Ovviamente se il malcapitato rispondeva ‘io’ era un’ammissione di colpa, e lo scemo era lui. Se rispondeva ‘tu’ era riferito ai dati della domanda, e lo scemo era lui. 

    Bene. Detto questo, la mia risposta è:

    Dipende da chi sei tu.

    Ad esempio, io sono una ragazza perfetta, senza dubbio, non esiste crepa, ombra, tentennamento su questa Verità, ma ‘tu’ non puoi vedere tutta questa mia perfezione se sei miope. 

    • Crispo
      Lv 6
      2 mesi faSegnala

      Con la differenza che io non pongo domande trabocchetto

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 2 mesi fa

    Specchio te la messa (uhm) in modo tale che non devi nemmeno faticare a interpretare (pur essendo 'tu', pensa) :')

  • Io sono responsabile di ciò che sono, quindi di ciò che dico e soprattutto faccio, non sono responsabile di come mi percepisci o comprendi chi io sia. 

    • ...Mostra tutti i contatti
    • Cioè rettifico che la stima e l' affetto che si nutrono nei nostri confronti dipendono da noi, ma non sempre. A volte chi fa del bene non viene comunque compreso, ma è più complesso di quanto sembri. 

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Un po' tutte e due ottima domanda a cui quasi nessuno sa dare una risposta

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • sandro
    Lv 7
    2 mesi fa

    ovviamente, da chi sono io

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 2 mesi fa

    Quoto @Specchio.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.