promotion image of download ymail app
Promoted
DoppiaT ha chiesto in Arte e culturaStoria · 2 mesi fa

quali sono le conseguenze del principio di legittimità? E quelle del principio di Equilibrio?

1 risposta

Classificazione
  • Risposta preferita

    Il termine legittimismo, che richiama quello di legittimo dal significato generico di ciò che è conforme alla legge, storicamente si riferisce al principio di legittimità, concezione politica affermata nel Congresso di Vienna (1814-1816) dal rappresentante della monarchia francese Talleyrand (1754–1838) il quale teorizzava un ritorno all'assolutismo e, riaffermando che il potere dinastico è assegnato "per grazia di Dio", pretendeva la restaurazione sui loro "legittimi" troni dei sovrani arbitrariamente detronizzati dagli atti illegittimi di Napoleone.

    La legge stabiliva come legittima la successione al trono per ordine di primogenitura maschile e di conseguenza stabiliva che il re di Francia fosse riconosciuto come legittimo dalla volontà di Dio che, attraverso la nascita del primogenito maschio, assegnava a lui il diritto di regnare.

    Con questa concezione si vuole affermare una legittimazione dell’autorità politica attraverso lo strumento del "diritto divino", base teorica dell'assolutismo monarchico, dell'onnipotenza legislativa del sovrano assoluto.

    Nessun parlamento, nobile, tanto meno il popolo, aveva il diritto di partecipare a questa autorità legittimata da Dio, poiché era stata conferita dalla provvidenza divina attraverso il diritto di primogenitura. La monarchia si fonda sulla tradizione della religione cattolica e sul potere assoluto del re che rispettando il diritto di proprietà e le libertà dei sudditi esprime un governo legittimo, cioè conforme alla legge di Dio e degli uomini, e perciò non arbitrario.

    Il legittimismo dunque esprimeva la stretta unione che, fino alla Rivoluzione francese, metteva in scambievoli rapporti le due autorità stabilite da Dio: la Chiesa e lo Stato, che collaboravano a tutelare la vita morale e cristiana dei sudditi.

    Con Napoleone e con la Rivoluzione Francese l' antico principio di legittimità fu abolito e la forza delle armi si sostituiti alla legge e alla nozione stessa di legittimità. Infatti la Rivoluzione francese nella sua Dichiarazione dei diritti dell'uomo e del cittadino stabilisce il principio di sovranità democratica, che prevede che «il principio di ogni sovranità risiede essenzialmente nella Nazione. Nessun corpo o individuo può esercitare un' autorità che non emani espressamente da essa». Legittimo, secondo la legge fondamentale dello stato, la Costituzione, sarà quindi quel governo basato sulla volontà dei cittadini.

    Fonte/i: vari siti
    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.