promotion image of download ymail app
Promoted

secondo voi  l'anima esiste?

visto che in questo periodo id quarantena non so che fare voglio un po' vedere cosa rispondete hahaha

do via ufficialmente ai dibattiti

19 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    2 mesi fa

    Circa 2500 anni fa nell'antica Grecia un filosofo assieme ai suoi seguaci ipotizzò che il mondo attorno a noi non fosse tutta la realtà ma che esistesse un'altra realtà oltre questa e più importante di questa. Il filosofo si chiamava Platone e la realtà oltre la realtà la chiamò mondo iperuranio (in greco significa oltre il cielo). Platone continuò a ipotizzare che anche noi stessi abbiamo una corrispondenza dentro quel mondo iperuranio. La vera parte di noi non è qui nel mondo materiale ma è là nel mondo iperuranio. Finché siamo vivi noi ci troviamo immersi in questa realtà materiale e caduca, mentre in noi vive il riflesso dell'altro mondo, quello iperuranio e spirituale, che è la vera realtà assoluta ed eterna . La nostra vera natura è di appartenere a quella realtà. La nostra anima è una particella eterna dell'altro mondo.

    Ecco che questa filosofia platonica ha confezionato un prezioso dono ideale che verrà ripreso nei secoli successivi da tutte le religioni vicine e lontane al Mediterraneo. Tra gli altri, gli ebrei che traducono in greco la loro Bibbia (la Bibbia dei Settanta o Septuaginta) la traducono imbevuti di platonismo (Yahweh diviene Theòs=Dio e nephesh diviene psyché=l'anima); pochi secoli dopo arrivano i cristiani a far proprio il platonismo (molto evidente soprattutto nel vangelo di Giovanni); dopo alcuni altri secoli è la volta dei musulmani ad assorbire inconsapevolmente la filosofia greca e i grecismi. La svolta teologica delle religioni abramitiche è tributaria sommamente dei filosofi platonici e neoplatonici, però non amano che glielo si ricordi. Però va ricordato che senza Platone che ha inventato il fondamentale concetto di anima non sarebbero esistiti né l'ebraismo teista come lo conosciamo oggi, né il cristianesimo, né l'islam.

    In conclusione, l'anima è un concetto inventato dalla filosofia, non è un concetto di cui si possa occupare la scienza. La scienza è monista, ossia riconosce un'unica realtà, mentre Platone e i suoi seguaci e le religioni derivate sono tutti dualisti, affermano esistere oltre la materia lo spirito. Le neuroscienze si occupano di psiche, che intendono in senso materiale, ritenendo vero soltanto il mondo reale fatto di materia ed energia (e forse anche di informazione, ma questa è solo un'ipotesi ancora da verificare).

    • Platone è il mio filosofo greco preferito.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 2 mesi fa

    I termini nelle lingue originali (ebr. nèfesh [נֶפֶשׁ]; gr. psychè [ψυχή]) usati nelle Scritture indicano che “anima” è una persona, un animale o la vita della persona o dell’animale.

    Sia nèfesh che psychè sono usati nel senso di vita — non semplicemente come principio o forza astratta — ma vita come creatura, umana o animale.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 2 mesi fa
    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    2 mesi fa

    Guarda chi si rivede? Riccardo, che gioca sempre al bigliardo?

    L'anima esiste, se credi o non credi, non puoi cambiare ciò che è reale!

    Lo vedrai con i tuoi occhi, dopo questa vita terrena!

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 2 mesi fa

    Per iniziare la risposta vorrei chiarire quello che Dio intende per Anima e come invece nel contesto religioso italiano cattolico viene intesa l'anima.

    Per la maggior parte delle persone, proprio per l'influenza del cattolicesimo, 

    l'anima è quella parte spirituale all'interno del corpo fisico.

    Per Dio Padre invece l'anima è l'unione di Spiritio dell'uomo e il suo corpo fisico.

    Dottrinalmente lo ha spiegato bene il TdG @Angelo che conosce le Sacre Scritture.

    Infatti nella Sacra Bibbia, nei primi due capitioli della Genesi, viene descritta la creazione dell'uomo da un punto di vista "materiale" e il momento in cui L'Eterno immette nel corpo creato l'alito di vita che è lo Spirito di quell'uomo.

    Comprendiamo da questi capitoli che l'essere umano è stato creato a immagine e somiglianza di Dio ed è formato da corpo fisico e corpo spirituale, il che è definito dal versetto 7 del secondo capitolo un'Anima Vivente.

    Genesi 2:7 "E l'Eterno Iddio formò l'uomo dalla polvere della terra, gli soffiò nelle narici un alito vitale, e l'uomo divenne un'anima vivente.

    Lo Spirito è quello che da vita, intelligenza, personalità, carattere all'uomo, è la sua essenza.

    Chi ha più figli può verificare che anche se il patrimonio genetico della parte corporea degli stressi viene dai genitori, la personalità e il carattere sono differenti, perchè appartengono a Spiriti diversi.

    Per mè l'esistenza dello Spirito dell'uomo è altettanto indiscutibile come la sua presenza fisica in vita.

    Ma l'Anima Vivente ad un certo punto cessa di vivere, il corpo fisico muore e si decompone, mentre lo Spirito che è eterno raggiunge un diverso luogo di residenza in attesa della resurrezione.

    Sono numerose le testimonianze di persone che hanno vissuto una temporanea separazione dello Spirito dal corpo, vengono chiamate di "pre-morte" e le hanno studiate diversi uomini di scienza.

    Uno di questi ha pubblicato più di un libro al riguardo, si chiama Raymond A. Moody ed è un filosofo, psicologo e medico che ha riscontrato che, indipendentemente da luogo di nascita, cultura, religione le persone che vivono quella esperienza ne fanno lo stesso pressochè identico racconto. 

     

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Paolo
    Lv 7
    2 mesi fa

    SI'...............!!!!!!!!!!!!!

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 2 mesi fa

    Sostanzialmente la risposta è SI'. Ma bisogna capire cosa si intende per anima nel contesto Biblico. La parola Anima nella Bibbia deriva dal termine ebraico "nèfesh" e da quello greco "psychè". Analizzando l’uso di questi termini  emerge che si riferiscono sostanzialmente a: (1) persone, (2) animali o (3) la vita di una persona o di un animale. A differenza del modo in cui il termine “anima” è utilizzato in molti contesti religiosi, la Bibbia mostra che sia nèfesh sia psychè, quando si riferiscono a creature terrene, significano qualcosa di materiale, tangibile, visibile e mortale. Per una trattazione più dettagliata ti rimando a questo collegamento:

    https://wol.jw.org/it/wol/d/r6/lp-i/1101989270

    https://www.jw.org/it/biblioteca-digitale/libri/di...

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 2 mesi fa

    Certo che c è .....

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 2 mesi fa

    Qualcosa di sicuro dopo la morte esiste, però non si può sapere cosa. Ci sono migliaia di storie di persone che raccontano la loro esperienza (prova a farti un giro su Reddit) che secondo me le persone che si definiscono atei e non credono che dopo la morte ci sia qualcosa o che dicono che i fenomeni paranormali sono tutte càzzate sono le persone più ignoranti che esistano.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 2 mesi fa

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.