promotion image of download ymail app
Promoted
Anonimo
Anonimo ha chiesto in Società e cultureReligione e spiritualità · 2 mesi fa

Secondo voi S. Paolo ha interpretato bene la volontà di Cristo con questo suo comportamento (Vedi sotto)?

1Corinzi 9:20-23

20 mi sono fatto Giudeo con i Giudei, per guadagnare i Giudei; con coloro che sono sotto la legge sono diventato come uno che è sotto la legge, pur non essendo sotto la legge, allo scopo di guadagnare coloro che sono sotto la legge. 21 Con coloro che non hanno legge sono diventato come uno che è senza legge, pur non essendo senza la legge di Dio, anzi essendo nella legge di Cristo, per guadagnare coloro che sono senza legge. 22 Mi sono fatto debole con i deboli, per guadagnare i deboli; mi sono fatto tutto a tutti, per salvare ad ogni costo qualcuno. 23 Tutto io faccio per il vangelo, per diventarne partecipe con loro.

Aggiornamento:

Ai nostri giorni si sarebbe fatto anche musulmano con i musulmani?

9 risposte

Classificazione
  • 2 mesi fa
    Risposta preferita

    Probabilmente, ai nostri giorni, non si sarebbe fatto cattolico.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • TdC
    Lv 6
    2 mesi fa

    Giusto, ottimo attegiamento, anche perche dimostra una cosa importante, ovvero chi non comprende gli altri non può farsi comprendere dagli altri.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 2 mesi fa

    Predicando la buona notizia del Regno l'apostolo Paolo "non divenne come" le persone alle quali predicava, e non divenne "senza legge" come quelli senza legge, ma si immedesimava in queste persone come fosse una di loro. Mostrò empatia verso le persone alle quali predicava "per guadagnare a tutti i costi alcuni". (1 Corinti 9:22)

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 2 mesi fa

    Si è "fatto giudeo" perché all'inizio il cristianesimo era una setta giudaica 

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 2 mesi fa

    Se può interessarti, questo articolo è uno studio diretto a quei versetti: https://wol.jw.org/it/wol/d/r6/lp-i/2005886#h=1:0-...

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 2 mesi fa

    L'apostolo Paolo era divenuto Cristiano per aver ricevuto segni e visioni,ma queste cose non si potevano spiegare a persone che non avevano avuto la sua stessa esperienza,perciò Paolo doveva dire loro che lui non era diverso da tutti gli altri uomini ma aveva le loro stesse problematiche e fragilità.Anche Gesù era Santo ma si umiliò piuttosto che esaltarsi.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 2 mesi fa

    Gesù, per quello che ne sappiamo, non ha lasciata "scritta" nemmeno una parola della sua dottrina. Ha vissuto e operato "dimostrando" la legge dell'amore e del perdono, che era venuto a portare agli uomini.

    Ai suoi discepoli ha "comandato" di annunciare la Buona Novella a tutti gli uomini, in tutto il mondo.

    Gesù e Paolo non si sono mai incontrati "storicamente", ma Paolo ha fatto più volte ricorso alla memoria vissuta e all'autorità di Pietro e degli altri apostoli per "verificare e regolare" la sostanza del suo annuncio evangelico.

    Quanto alla "tecnica" del suo stare in mezzo ad ogni gente per essere accettato e creduto nel suo annuncio, io gli faccio tanto di cappello, anche se non condivido alcuni suoi atteggiamenti nei confronti della donna, peraltro giustificati, ma solo in parte, dalla condizione sociale nel suo tempo.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 2 mesi fa

    Probabilmente anche oggi avrebbe "recitato" la parte del musulmano per poi uscire allo scoperto....

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 2 mesi fa

    falso, impostore, truffatore. Tipico santo cattolico.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.