promotion image of download ymail app
Promoted

Condominio?

C'è un condominio non amministro più perché non faccio più l'amministratore di condominio e i condomini non vogliono nominare un nuovo amministratore, come faccio a chiudere il conto corrente del condominio?

1 risposta

Classificazione
  • 2 mesi fa

    È raro, sebbene non usuale, che gli amministratori revocati dall'incarico provvedano alla chiusura del conto corrente condominiale ed alla consegna al loro successore di un assegno circolare, ovvero del contante prelevato.

    Si tratta di un modus operandi che, ad avviso dello scrivente non dovrebbe essere tollerato dagli istituti di credito (il titolare del conto corrente condominiale è il condominio in persona dell'amministratore, non l'amministratore) e che può essere contestato dalla compagine, specie se sono stati applicati dei costi che, in mancanza di chiusura non sarebbero stati applicati.

    Ad ogni buon conto, qualora ci si trovasse in questa situazione, l'amministratore subentrante avrebbe, ai sensi del citato art. 1129 c.c., l'obbligo di aprire senza indugio un nuovo conto corrente condominiale, comunicando ai condòmini la variazione, le sue ragioni e le nuove coordinate bancarie per la effettuazione dei versamenti diretti.

    Chiusura del conto corrente condominiale per apertura nuovo conto, tra competenza dell'amministratore e dell'assemblea

    Nulla quaestio, invece, se la chiusura del conto corrente condominiale sia decisa per l'accensione di un nuovo rapporto presso differente istituto di credito.

    Nessun problema, è vero, ma ciò riguarda la possibilità di farlo: qualche dubbio, invece, ce lo si pone sulla legittimazione ad operare in tal senso.

    La chiusura del conto corrente e la sua contestuale o successiva apertura di altro rapporto di conto è operazione che può essere eseguita dall'amministratore di propria iniziativa, ovvero questi necessita del preventivo assenso assembleare.

    Come sempre in termini strettamente pratici grosso rilievo è assunto dalla procedura richiesta dagli istituti di credito.

    Al di là di ciò, un'interpretazione prudente delle norme imporrebbe una deliberazione assembleare di autorizzazione alla chiusura del conto corrente condominiale esistente e contestuale apertura del nuovo rapporto di conto, con chiara indicazione dell'istituto scelto.

    Ciò perché essendo i rapporti di conto corrente condominiale dei rapporti contrattuali pluriennali a tempo indeterminato, è bene che sia l'assemblea a decidere se e dove accenderli.

    Spese per la chiusura del conto corrente condominiale e loro ripartizione

    Ai sensi dell'art. 120-bis del Testo Unico Bancario (d.lgs n. 385/1993), «il cliente ha diritto di recedere in ogni momento da un contratto a tempo indeterminato senza penalità e senza spese. Il CICR individua i casi in cui la banca o l'intermediario finanziario possono chiedere al cliente un rimborso delle spese sostenute in relazione a servizi aggiuntivi da questo richiesti in occasione del recesso».

    CICR è l'acronimo Comitato interministeriale per il credito e il risparmio.

    Si badi: l'operazione di chiusura conto non è soggetta a spese, ma la banca ha diritto di trattenere dalle somme tenute presso di essa, quanto le spetta in relazione a competenze già maturate, nonché quanto dovuto in ragione di tasse (es. bolli) per la tenuta del conto fino a quel momento.

    Queste spese, salvo diversa convenzione, attenendo ad un servizio comune (quale va considerato quello di tenuta del conto corrente condominiale), devono essere suddivise tra tutti i condòmini secondo i millesimi di proprietà (art. 1123, primo comma, c.c.).

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.