Sareste in grado di descrivermi cosa rappresenta per voi la figura del cristo?

Chi è, o cos'è per voi questa persona? la vivete come metafora o pensate sia esistita davvero? Se sì, era quello che diceva di essere, non ne avete dubbi? 

Ecco, raccontatemi cosa significa per voi credenti la figura di Gesù, perché i suoi insegnamenti sono così importanti rispetto ad altri, cosa vi ha dato la certezza che si tratti dell'unica via possibile. 

Ovviamente la domanda è aperta anche agli atei, che possono dare la considerazione in merito. Grazie! 

17 risposte

Classificazione
  • 3 mesi fa
    Risposta preferita

    Spero di non dilungarmi. Nel qual caso chiedo scusa.

    Nei miei - ormai - oltre 10 anni di ricerca spirituale lo scopo che sin dall'inizio mi ero posta di raggiungere ero quello di depurare, per quanto possibile, la figura di Gesù Cristo da tutte quelle "impalcature" e "montature" teologiche, dottrinali e dogmatiche che la religione ha stabilito nei secoli, principalmente perché insoddisfatta dalle religioni e anche delusa dal messaggio che offrivano. 

    E sono arrivata a delle conclusioni. La maggior parte delle quali con lo studio e l'approfondimento prima, e con la meditazione e la preghiera poi.

    Descriverti chi sia e cosa rappresenti per me la figura del Cristo è impossibile. Sono talmente incapace di darne delle definizioni.

    Mi rendo conto anche che tali parole possono risultarti estranee ed è del tutto normale. La spiritualità affonda le sue radici nell'interiorità dell'individuo ed è un percorso in solitudine. Benché altri la pensino in diverso modo. E solo così non sarà mai un percorso ipocrita. 

    Gesù Cristo è il mio Maestro spirituale. È la Via, la Verità e la Vita per salvarmi dal vincolo della materia e liberarmi dalle catene del mondo. È il tramite per raggiungere l'Illuminazione spirituale e apprendere la Gnosi. È colui che mi guida nel mio percorso spirituale e mi dona la conoscenza e le risposte ad ogni mia domanda. È colui che mi accompagna quando pratico la meditazione spirituale. È il mio Dio.

  • Per come la vedo io non è altro che un uomo che con il suo esempio diede un modello di vita ad alcuni ebrei. Noi abbiamo avuto altri eroi (in riferimento alla dottrina degli eroi: uomini di superiore levatura morale mandati tra gli altri uomini per ispirarli con la loro virtù).

  • 3 mesi fa

    devi meditare sulla Parola se non vuoi farti prendere in giro  dalle religioni .

  • 3 mesi fa

    E' il mio fratello maggiore, un mio amico, Il Salvatore ed il Redentore di tutti i figli di Dio Padre.

    Egli ha deciso di vivere la nostra stessa esperienza mortale per capire le nostre afflizioni e aiutarci a superare la morte fisica, grazie alla resurrezione e la morte spirituale grazie all'Espiazione infinita ed eterna compiuta nel giardino del Getsemani.E' stato presentato a tutti noi in un concilio nei cieli e lo abbiamo accettato con gioia, abbiamo lottato in una battaglia contro un terzo degli Spiriti presenti che invece hanno deciso di seguire lucifero.Abbiamo vinto allora e vinceremo ancora se seguiremo gli insegnamenti per amore della verità della giustizia e per la Gloria di Dio Padre.La certezza me l'ha data la Rivelazione personale da Dio Padre tramite lo Spirito Santo, come accadde a Pietro: Matteo 16:15-17 

    "Simon Pietro, rispondendo, disse: Tu sei il Cristo, il Figliuol dell'Iddio vivente. E Gesù, replicando, gli disse: Tu sei beato, o Simone, figliuol di Giona, perché non la carne e il sangue t'hanno rivelato questo, ma il Padre mio che è ne' cieli."

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 3 mesi fa

    SECONDO fonti storiche attendibili, più di 2.000 anni fa un uomo di nome Gesù nacque a Betleem, piccola città della Giudea. All’epoca a Gerusalemme regnava Erode il Grande, e Cesare Augusto era imperatore di Roma. In genere gli storici latini dei primi due secoli evitarono di menzionare Gesù, dato che le autorità romane dell’epoca cercavano di reprimere il cristianesimo.

    D’altra parte, un’opera di consultazione osserva: L’effetto storico delle attività di Gesù è stato più rilevante, anche da un punto di vista rigorosamente secolare, delle gesta di qualsiasi altro personaggio della storia. La sua nascita segna l’inizio di una nuova era, riconosciuta dalle principali civiltà del mondo.

    • ...Mostra tutti i contatti
    • Naná3 mesi faSegnala

      Lasciando la gloria celeste e venendo sulla terra come uomo affinché ognuno di noi poteste ottenere la vita, lasciò molte istruzioni perché noi imparassimo da Lui.. Quindi PER ME è un perfetto esempio da imitare.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 3 mesi fa

    Esistenza preumana. 

     GESù CRISTO E' STATO IL PIù GRANDE UOMO CHE SIA MAI ESISTITO, la sua storia  la conoscono pure i sassi  ma molti non sanno che La Bibbia riferisce che il Figlio fu trasferito dal reame spirituale “divenendo simile agli uomini”. (Filippesi 2:5-8) Un simile avvenimento non è certo normale, ma è possibile? Gli scienziati attestano che un elemento chimico, come l’uranio, si può trasformare in un altro; sanno persino calcolare il risultato della trasformazione della massa in energia (E=mc2). Perché dunque dovremmo dubitare quando la Bibbia afferma che una creatura spirituale fu trasformata in modo da vivere come essere umano?

    Per fare un altro esempio, pensate a ciò che riescono a fare certi medici con la fecondazione in vitro. Una vita concepita in provetta viene trasferita in una donna e in seguito nasce come bambino. Nel caso di Gesù, la Bibbia ci assicura che mediante la “potenza dell’Altissimo” la sua vita fu trasferita in una vergine di nome Maria. Questa era della discendenza di Davide, per cui Gesù poté essere l’erede permanente del Regno messianico promesso a Davide. 

     In origine non era intenzione di Dio che gli esseri umani invecchiassero e morissero. Come facciamo a saperlo? Dio disse al primo uomo Adamo che se avesse disubbidito, commettendo ciò che la Bibbia chiama “peccato”, sarebbe morto. Perciò, se non avesse peccato, Adamo non sarebbe mai morto (Genesi 2:16, 17; 5:5). Secondo la Bibbia, la morte entrò nel mondo per mezzo di Adamo. Così Adamo trasmise a tutti i suoi discendenti il peccato e la pena che esso comporta, la morte. Abbiamo quindi bisogno di un riscatto per essere salvati dalla condanna a morte che abbiamo ereditato da Adamo. (Leggi Romani 5:12; 6:23.)

    Chi poteva pagare il riscatto per liberarci dalla morte? Quando moriamo, scontiamo la pena solo per i nostri peccati. Nessun uomo imperfetto può pagare per i peccati altrui. (Leggi Salmo 49:7-9.)

    4. Perché Gesù morì?

    Gesù morente su un palo di tortura; poi Gesù che regna in cielo

    Diversamente da noi, Gesù era perfetto. Quindi non doveva morire per i suoi peccati perché non ne aveva mai commessi. Gesù morì piuttosto per i peccati degli altri. Mandando suo Figlio a morire per noi, Dio espresse un amore straordinario per l’umanità. Anche Gesù mostrò amore per noi ubbidendo a suo Padre e dando la sua vita per i nostri peccati. (Leggi Giovanni 3:16; Romani 5:18, 19.) questo significa che grazie a Gesu' possiamo ottenere  nuovamente la possibilita' di vivere per sempre sula terra senza piu malattie morte, inquinamento ecc ecc, quando Dio portera' il Suo regno ( Matteo 6.9-10 ) qui sulla terra ed eliminera' tutto il marciume che l'uomo ha provocato ripristinando il paradiso perduto, mi dirai ma cosa c'eNtra Gesu' in tutto questo?, c'entra e come perche' solo attraverso lui possiamo ottenere  tutto questi benefici.  ECCO COSA RAPPRESENTA DAVVERO GESU'.

    • Perdonami, quindi mi stai dicendo che Gesù potrebbe essere stato concepito in vitro? Magari ho interpretato male l'ultima parte... 

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 3 mesi fa

    Cristo Gesù è quello che lui stesso disse: il Figlio di Dio. Non ha mai detto di essere Dio o parte di una fantomatica trinità. Venne sulla terra per insegnarci il modello di vita cristiana, per insegnarci la verità, per insegnarci a conoscere il Padre e per sacrificare la sua vita a favore del genere umano ubbidiente. Il futuro dell'umanità ruota intorno a lui perché lui è "la Via, la Verità e la vita". (Giovanni 14:6)

  • 3 mesi fa

    Non c'é un "per me rappresenta", é universale.

    Cristo é il mio salvatore e liberatore. 

    Senza di Lui sarei morto, non credo per sentito dire. Lo sento nel cuore, é la mia Luce e la mia Vita. 

    La certezza ce l' ho avuta quando ho ricominciato ad amare, cosa miracolosa per me che sono stato tanto male psicologicamente. 

  • 3 mesi fa

    Le discussioni ricordano il gioco del POKER: si BLEFFA per vincere il PIATTO del contendere. Cioé in tanti si dichiarano amici personali della dea “razionalità” o del dio “onniscienza”, per dare l’impressione di possedere una specie di scala reale … le carte della sacra VERITÀ di << tutti >>.

    Io invece non ho nessuna difficoltà ad ammettere di possedere le carte della << solo mia >> profana SINCERITÀ: un qualcosa di paragonabile a una misera doppia-coppia, che però ─ a volte ─ è un punto più che sufficiente per vincere il PIATTO.

    Di seguito ti riporto il mio “profano” pensiero sulla questione da te chiesta.

    Buona lettura.

    . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

    Fino all'anno 1000 ─ mi riferisco al nostro mondo cristiano ─ non esisteva ancora il mito della crocefissione! E quello che è successo in seguito (dopo il 1000 DC) non è stata una RISCOPERTA … è stata una RE-INVENZIONE ex-novo del mito di Cristo.

    A tal proposito t’invito a vedere i due seguenti filmati, entrambi preceduti da due mie brevi descrizioni.

    (1) << I secoli bui >> è un filmato trasmesso anche dalla RAI e insinua il dubbio della crocefissione come INNESTO recente applicato all’albero del cristianesimo. Approfitto di questa circostanza per spiegare che le "parole" impresse nella nostra memoria sono INNESTI mnemonici: cioè le INFORMAZIONI acquisite in tenera età … si possono confondere con le ESPERIENZE realmente vissute. E se ci pensiamo con serenità ─ partendo dal fatto che nessuno di noi è vissuto nell’anno 1000 ─ quel nostro SAPERE CON CERTEZZA che i cristiani di allora adorassero lo stesso Cristo che si adora oggi … è … un innesto apportato alla nostra memoria!!!

    È chiaro che nemmeno io ho vissuto quel periodo, tuttavia tra il 300 e il 1000 ─ cioè da quando il cristianesimo si è affermato come religione di stato … all’inizio del basso medioevo ─ i cristiani sepolti sono stati centinaia e centinaia di milioni, eppure le loro tombe sono spoglie (del tutto prive) del simbolo della croce. E che piaccia o che non piaccia … quella gente non aveva motivi per non adornare i propri cari defunti con il simbolo a loro più caro.

    Per cui solo un indottrinato potrebbe arrivare a sostenere: << Nella sola area che un tempo costituiva il più grande impero di tutti tempi (l’impero romano) sono state trovate la bellezza di TRE MEZZE-CROCI (di origine incerta) antecedenti l’anno 1000! E quelle TRE MEZZE CROCI (di origine sconosciuta) sono sufficienti a poter affermare senza ombra di dubbi che: << Il Cristo crocefisso era venerato … già prima dell’anno 1000! >>

    A tal proposito vorrei si prestasse particolare attenzione al MINUTO 18:30 (mi riferisco al filmato) cioè quando il critico d’arte Waldemar Januszczak asserisce a chiari lettere: << Perché il Gesù torturato è una CREAZIONE >> … ripeto … << è una CREAZIONE del medioevo più TARDO: un'espressione del senso di colpa e del terrore medievale! >>

    https://vimeo.com/199685225

    (2) << Il Vangelo di Giuda >> è un filmato prodotto dalla National Geographic e fa sorgere il sospetto che dietro l’antisemitismo della chiesa ci sia un segreto ancor oggi ben custodito … dentro un qualche armadio del Vaticano.

    Se noi pensiamo a Tomás de Torquemada (e a tantissimi altri inquisitori) non andiamo mica troppo indietro nel tempo, voglio dire il reato di consanguineità con chi mille anni prima era stato un traditore … reato che giustificava la persecuzione dei giudei (i discendenti di Giuda, ossia gli ebrei) … è un’accusa tipica del BASSO MEDIOEVO (il medioevo più vicino a noi).

    A parte l’assurdità del principio di ereditarietà di un reato, tuttavia è innegabile che Giuda fu molto meno colpevole dei Romani … per la morte Cristo! E allora perché la chiesa non cercò mai di giustiziare pure i romani … ossia i discendenti diretti di chi oggettivamente aveva assassinato Cristo.

    Cioè, se ci pensiamo un attimino, un presunto marxista che per soldi avrebbe consegnato un suo fratello nelle braccia dei maccartisti, potrebbe essere … per i marxisti … più criminale dei maccartisti?

    Io ─ da marxista – non avrei dubbi: CHI TRADISCE PER SOLDI È SOLO UN MISERO TRADITORE, OSSIA UNA PERSONA ASSAI MENO CRIMINALE DI CHI OGGETTIVAMENTE HA AMMAZZATO UNA MAREA DI COMUNISTI, COLPEVOLI SOLO … PER IL LORO ESSERE COMUNISTI.

    Perché sto dicendo questo? Perché la scusa della discendenza non regge affatto, nasconde qualcos’altro: gli ebrei sapevano quello che non bisognava sapere e dunque era necessario zittirli … DEFINITIVAMENTE!

    Il punto cruciale di quest’altro filmato è l'ora 1:18:00, ossia il momento in cui gli autori dichiarano: << A differenza dei Vangeli del nuovo testamento, in quello di Giuda non si parla della Crocefissione […] Omettendo la crocefissione, il Vangelo di Giuda ESASPERA la tensione tra la chiesa cristiana delle origini e gli gnostici. >>. E con quel “ESASPERA” si allude anche (e in particolare) allo sterminio dei giudei.

    https://www.youtube.com/watch?v=9fue3HMAsE8

    Youtube thumbnail

    • ...Mostra tutti i contatti
    • @Antonio: ho visto il primo documentario e lho trovato interessante, vedrò se riesco a trovarne altri della serie che mi sembra ben fatta. Mentre il secondo lo avevo già visto. 

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 3 mesi fa

    Per me è molto importante, è Dio...

    Non riesco a spiegarlo meglio... 

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.