Marco ha chiesto in SaluteSalute mentale · 5 mesi fa

Sono disperato. C'è qualcuno come me? DOC e ansia e invalidità.?

Ho un Doc devastante, tutti i disturbi d'ansia, attacchi di panico e un Disturbo evitante di personalità. Prendo un sacco di psicofarmaci (ne prendo 6) più un beta-bloccante. Non riesco a studiare e a lavorare e mi sento diversissimo dagli altri, tutto a causa dell'ansia. Ho un sacco di pensieri, tremori, paure, a volte anche rabbia e un'angoscia infinita. Non ho una ragazza, ho paura di stare al centro dell'attenzione e di parlare in pubblico, vado in giro con i portapillole e ho paura di saltare una dose di farmaco e di perdere il controllo in mezzo agli altri. Ho paura di entrare in negozi ecc. e di incontrare qualcuno che conosco che mi chieda come sto, cosa faccio, di prendere i farmaci di fronte ad altri e che mi chiedano cosa siano. Prendo una pensione per una invalidità del 100% causa sempre ansia e depressione. Sono totalmente dipendente dai miei genitori a quasi 28 anni. E quando moriranno? (Ho tutti i giorni la paura che muoiano i miei ed io così sia fottuto). Ho delle ossessioni assurde, stupide o serie, che mi creano oltre che ansia, delle somatizzazioni devastanti. A volte non so neanche se è Doc o un'altra cosa. L'ansia mi ha totalmente rovinato la vita. Non so cosa sia una vita normale e mi pare sempre di sbagliare, come mi muovo mi muovo. Ad esempio non so, o mi pare di non saper gestire il tempo a differenza degli altri, dei "normali". La paura del giudizio mi impedisce un sereno rapporto con gli altri. Vedo molto buio il mio futuro se continua così. 

2 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    5 mesi fa

    Dal tuo modo di spiegarti ti posso dire:

    se hai paura di avere qualcosa di più grave e impegnativo di una nevrosi ossessiva, mi sento di poterti assicurare che sei un nevrotico e non uno psicotico.

    Attenzione quindi agli eventuali psicofarmaci che prendi.  Talvolta, per loro comodità, alcuni medici fanno assumere a pazienti nevrotici farmaci non pertinenti. 

    Probabile che nella panoplia dei farmaci che ti sono stati proposti vi sia anche qualche antidepressivo, fin qui ok, ma spero non vi siano anche dei neurolettici dei quali tu non avresti alcun bisogno. I farmaci per te pertinenti non dovrebbero andare oltre la categoria dei comuni ansiolitici.

    In questo momento di sospensione della vita sociale non potresti fare granché, ma quando sarà possibile tornare a vivere fuori casa, vai a iscriverti a qualche corso per studiare qualcosa che ti interessi.  Ad esempio un corso di lingue, o  qualcosa che ti piaccia e che vorresti imparare. Frequenta un luogo dove potresti svolgere un primo embrione di tua vita sociale, dove finirai per socializzare con alcuni dei partecipanti.

    Senza arrivare a raccontar loro tutto, presentati agli altri di quel circolo ammettendo che hai dei problemi di controllo dell'ansia.  Pian piano il vissuto funzionante lì dentro influenzerà positivamente il tuo mood complessivo, e sia emotivamente che cognitivamente avvertirai una capacità di crescita di autocontrollo e autostima.

    Per l'intanto che finisca l'emergenza non sprecare il tuo tempo a non far nulla ma usa bene Internet documentandoti, accumulando informazioni, e imparando a studiare.

    Inizia a considerare prezioso il tuo tempo, ogni giorno combina qualcosa che ti piaccia, arricchisciti ogni giorno di qualcosa di nuovo.  La rinascita della tua vita è possibile, non badare alle frustrazioni che anche ti arriveranno, sono normali contrarietà che ostacolano la vita di tutti. Muoviti.  Sorprenditi di trovare in te stesso nuove risorse ed energie di cui nemmeno sospettavi il possesso. Muoviti! 

  • Come potremmo aiutarti ? Dovresti cercare qualcuno più o meno nelle tue condizioni che ce l'ha fatta ma è difficile qua su Y!A.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.