Obiettivamente, trovate giusto il MODO con cui fu assassinato Benito Mussolini il 28 aprile 1945?

La settimana scorsa cadeva il 75° anniversario della barbara e sommaria uccisione di Mussolini, per mano di alcuni partigiani del CLNAI in prov.di Como. Io per fortuna sono nata MOLTO dopo la guerra (e sono democratica di idee di centro-sinistra,NON CERTO di destra!), ma TUTTE LE VOLTE che si commemora quella morte così disumana e crudele (lui e Claretta Petacci furono appesi A TESTA IN GIU e SEMISVESTITI in P.zzle Loreto a Milano!), mi viene un disgusto e un orrore inesprimibili. Per

rispetto e dignità di un uomo che ha governato l'Italia per 21 anni AMANDO LA SUA PATRIA,pur commettendo GRAVISSIMI errori contro di essa (cioè un regime autoritario, e poi l'errore imperdonabile di essersi alleato col nazista HITLER,un criminale folle),in quanto italiana NON APPROVO nè APPROVERO MAI il modo in cui Mussolini è stato giustiziato da codardi incoscienti e criminali: avrebbe pur avuto diritto almeno ad un regolare processo sommari e ad essere appeso A TESTA IN SU . Disapprovo anche la folla milanese esacerbata che dileggiò, sputò e urinò su quei cadaveri come se fossero bestie...VERGOGNA! In nessun Paese del mondo NESSUN TIRANNO anche molto più crudele di Mussolini (come HITLER, STALIN, LENIN e TROTZKIJ) è MAI stato trattato così dal suo popolo! Voi cosa ne pensate?

20 risposte

Classificazione
  • Risposta preferita

    La penso e l'ho sempre pensata come te. 

    Si è trattato di una condotta ignobile che in altri contesti avrebbe dato vita ad un'inchiesta.  

    Ma anche nella storia c'è qualcosa che non torna, sembra quasi che sia stato tutto studiato... i tedeschi che portavano Mussolini in germania attraverso la svizzera formavano una colonna che avrebbe potuto fare a pezzi in dieci minuti quei quattro gatti che l'avevano intercettata. Invece il comandante chiese una tregua e consegnò Mussolini ai partigiani in cambio del permesso di proseguire senza scontri, tanto che pare che Mussolini stesso, sbigottito, disse  in tedesco, al comandante "così, senza combattere?" 

    dall'altra parte, i partigiani erano schegge impazzite ma rispondevano agli ordini che gli impartivano gli alleati, figuriamoci se gli inglesi non sapevano che mussolini stesse tentando di scappare all'estero. Insomma, oltre che al lato disumano degli eventi, pure le trame politiche che potevano esserci sotto.Del resto tra i "partigiani", questi *eroi* che al loro attivo a guerra finita avevano più pasticci che brillanti successi militari , c'erano molti gruppi di giovani facinorosi attirati dal fascino della canna del fucile, aizzati dagli angloamericani che avevano intravisto la possibilità di evitare perdite tra le file delle loro truppe facendo fare parte del lavoro sporco a guerriglieri locali. Che ci fossero anche banditi e poco di buono si è visto anche dai numerosi omicidi e vendette personali compiuti anche dopo la fine delle ostilità belliche e le vendette sommarie contro veri o presunti collaborazionisti  (vedi libro inchiesta di Gianpaolo Pansa "il sangue dei vinti"), per non parlare di chi al termine della guerra si è tenuto nascosto le armi.Ma è anche lo specchio di un paese che ha nel dna l'ipocrisia politica e sociale. Se pensiamo che abbiamo festeggiato gli americani sfilare in città con le bandierine dopo tutte le bombe ci hanno sganciato sopra la testa anche dopo l'armistizio e i morti civili che hanno causato.....

    PS ricordiamoci che mussolini NON è stato impiccato, bensì fucilato con una scarica di mitragliatrice dai partigiani che lo avevano appena catturato. I loro corpi in seguito furono trasportati a Milano per subire quanto hai ricordato.

  • 2 mesi fa

    Si; ma la cosa più scabrosa non è stata questa ma è che ad assistere alla morte di Mussolini e ad umiliarlo con sputi e calci; erano gli stessi che qualche anno prima lo acclamavano durante i suoi discorsi e le sue visite nelle aziende e città

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 2 mesi fa

    Fu una cosa feroce e vergognosa! 

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    2 mesi fa

    Che i comunisti sono la feccia dell'umanità.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Paolo
    Lv 7
    2 mesi fa

    E' STATA UNA VERGOGNA........ANCHE PERCHE' C'E' ANDATA DI MEZZO LA PETACCI CHE POLITICAMENTE NON C'ENTRAVA NIENTE. DOVEVA ESSERE PROCESSATO DA UN TRIBUNALE SPECIALE INTERNAZIONALE TIPO NORIMBERGA ED APPESO PER IL COLLO..................!!!!!!!!!!!!!

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    2 mesi fa

    Per la legge della Jungla è giusto, mentre per la Società Civile è assolutamente sbagliato. Quindi, la giustizia è relativa. Se fosse dipeso da me, lo avrei processato.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    2 mesi fa

    Più che altro trovo ingiuste le violenze sessuali su donne ragazzine a fine guerra da parte dei partigiani della Brigata Garibaldi.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    2 mesi fa

    Sono nipote di un partigiano e grata per ciò che hanno fatto per l'Italia in senso lato. Nella zona da cui provengo, al confine con l'Austria, molti furono i problemi causati dalle truppe fasciste-naziste e le opere dei partigiani aiutarono a salvare molti, parlo di alcuni fatti conclamati avvenuti qui da me.

    Alcuni miei parenti sono morti ad Auschwitz traditi dai loro stessi connazionali fascisti.

    Detto questo non ho MAI santificato i partigiani nella loro totalità né men che meno osteggiato i fascisti in quanto tali. Era un periodo storico complicato e lo è tutt'ora da interpretare poiché è relativamente vicino. Chiaro che la dittatura è sbagliata, ma tutto il contesto richiederebbe analisi approfondite e oggi è difficile compierle senza scadere in ideologie, anche inconsapevolmente.Dico sempre: è facile saltare sul carro dei vincitori e dichiararsi anti-fascisti quando il fascismo è sconfitto, sputando addosso a colui che si è osannato fino a poco prima.

    Gli orrori arrivarono da ambo i lati, le persone sono persone e, da "partigiana" nell'animo, ammetto serenamente lo SCHIFO che tanti partigiani hanno compiuto, arrivando ad uccidersi brutalmente fra di loro (l'eccidio di Porzus ne è un esempio) e compiendo delle barbarie che vanno ben oltre ciò che si può, anche solo lontanamente ""giustificare"" con le logiche di attacco e difesa proprie della guerra.

    Finché non accetteremo che il male può arrivare da CHIUNQUE e da qualsiasi idea, se mal sviluppata dal singolo, non potremo avere un dialogo sano.

    In quest'ottica, sono d'accordo con quanto scrivi tu: è schifoso che abbiano distrutto così il corpo di una persona, chiunque essa sia. Non è giustificabile ed è la dimostrazione che vendetta e mancanza di rispetto - sentimenti pericolosi - possono essere covati da chiunque.

    Io festeggio il 25 aprile per il significato intrinseco che ha il termine "Liberazione" in ciò che è significato per noi la Guerra. Ma prendo le distanze da qualsiasi movimento voglia celebrare la morte violenta di qualcuno, chiunque egli sia.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    2 mesi fa

    È stata una cosa abbastanza vergognosa. Non

    tanto per la crudezza dell'azione in se , ma per il fatto che molti di quelli presenti in quella piazza fino a poco tempo prima osannavano Mussolini e gli avrebbero regalato casa, moglie e figli , se solo lui glielo avesse chiesto 😏

  • Joseph
    Lv 5
    2 mesi fa

    No, in effetti, un accanimento del genere non lo trovo giusto,  ma era inevitabile.

    Penso alla rabbia della povera gente che ha sofferto le atrocità inaudite di quella guerra infame,  penso alle città devastate dai bombardamenti, penso a chi ha perso ogni cosa,  penso all'Italia violentata dai tedeschi,  penso a quell'uomo responsabile in prima persona della distruzione e della carneficina, quell'uomo che quando è stato arrestato,  stava cercando di scappare, travestito da tedesco, con l'amante e un bottino considerevole, tradendo così clamorosamente il suo "amato" Paese e la sua stessa famiglia!  Ebbene,  è brutto dirlo,  lo so,  ma secondo me l'errore, più che altro, è stato quello di fucilarlo subito,  perché questa persona doveva pagare molto di più per le sue colpe, e non morire così presto!  La fucilazione, in fondo, ha fatto si che egli non scontasse la giusta pena, quella che meritava.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.