Differenza tra Generatore di corrente e Condensatore?

Sto studiando per il test di ingresso ad Ingegneria e non ho ben capito quale sia la differenza tra un Generatore e un Condensatore... 

in un circuito non solo sono molto simili come disegno ma da quanto ho capito entrambi "trattengono" delle cariche solo che il Generatore le fa scorrere tutte per il circuito mentre il condensatore le tiene ferme(?) 

riguardo all'utilizzo del condensatore in un circuito sono ancora in dubbio: so come funziona e tutto ma non so a cosa serva...

Chi riesce a spiegarlo basandosi sulle conoscenze delle superiori? senza integrali e derivate per favore

2 risposte

Classificazione
  • ?
    Lv 5
    5 mesi fa
    Risposta preferita

    Il generatore di corrente fa scorrere una corrente costante attraverso il ramo di circuito in cui si trova. Ad esempio se ho un generatore di corrente da 2A e lo chiudo in corto circuito, nel piccolo circuito ottenuto passerà una corrente da 2A e la tensione ai suoi capi sarà 0V, visto che è in corto circuito. Se invece lo connetto ad una resistenza da 3 Ohm, la corrente che scorre sarà sempre 2A , ma la tensione 2A * 3 Ohm = 6V in base alla legge di Ohm. Il generatore di corrente non può essere lasciato aperto (è la situazione duale del generatore di tensione che non può essere messo in corto circuito).

    Il generatore di corrente è un elemento circuitale non molto comune, diversamente dal generatore di tensione.

    Il condensatore è invece un elemento circuitale molto utilizzato; come hai detto anche tu, esso immagazzina delle cariche ed è costituito da due "armature" vicine , ma non in contatto. Supponiamo che tu abbia un condensatore da 0,01 F e che lo colleghi ad una pila da 9V; dalla equazione fondamentale del condensatore Q = CV, abbiamo che la carica immagazzinata sarà Q = 0,01 * 9 = 0,09 C. Se a questo punto colleghi il condensatore in corto circuito rischierai di danneggiarlo perché tutta la carica immagazzinata su una armatura sarà attratta bruscamente da quella opposta presente sull'altra. Nella pratica se fai questo ottieni una bella scintilla. Se invece connetti i 2 terminali del condensatore attraverso una resistenza R, le cariche fluiranno ordinatamente; all'inizio la corrente sarà pari alla tensione sul condensatore diviso R, però poi tenderà a ridursi a zero asintoticamente.

    Il condensatore ha molti utilizzi: quello principale è il filtraggio, ossia la eliminazione di disturbi presenti nei circuiti. Anche è utilizzato per ottenere in modo semplice dei ritardi. Oppure nei circuiti di alimentazione , assieme a diodi,  per "raddrizzare" la tensione sinusoidale entrante e renderla continua.

  • 5 mesi fa

    @Massimiliano è un multiaccount del solito disturbatore del web che si autochiede e si autopremia nel giro di qualche minuto senza che gli altri utenti possano fornire la loro risposta.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.