Anonimo
Anonimo ha chiesto in Politica e governoEsercito · 2 mesi fa

Accademia militare?

Ciao a tutti, volevo porvi questa domanda perché vorrei prendere in considerazione l'idea di entrare all'accademia militare, più precisamente aeronautica, ma praticamente non ne so niente. Quanti anni si devono avere per essere ammessi? In cosa consiste 'lammissione? Quali sbocchi si possono avere successivamente? (naturalmente in questo ambito). Mi piacerebbe che mi rispondesse qualcuno di abbastanza informato e mi spiegasse un po' in generale tutte le informazioni da sapere. Grazie!!! 

Aggiornamento:

Risposte serie? 😅

4 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    2 mesi fa
    Risposta preferita

    L'Accademia Aeronautica è un istituto militare per la formazione degli ufficiali dell'Aeronautica Militare. La sede è posta nel comune di Pozzuoli al confine con il comune di Napoli. Ha il compito di preparare "giovani ufficiali dai saldi principi morali, motivati ed in possesso delle qualità personali, militari e professionali necessarie per ben operare al servizio del Paese". È tra le più antiche accademie aeronautiche nel mondo, avendo iniziato le attività nel 1923.

    Ruoli normali

    Al completamento di studi della durata di cinque anni, i frequentatori conseguono una laurea magistrale. L'Accademia lavora a stretto contatto con l'Università degli Studi di Napoli Federico II, che rilascia quattro tipologie di lauree:    per il Ruolo Naviganti (A.A.r.n.n.) è previsto un corso di laurea in Gestione dei Sistemi Aerospaziali per la Difesa, presso il dipartimento di Ingegneria Industriale dell'Università Federico II, comprendente discipline giuridico-economiche, scientifiche e di specifico interesse aeronautico. Il corso di studi rientra nella Classe delle Lauree nelle Scienze della Difesa e della Sicurezza (istituita con decreto interministeriale il 12 aprile 2001). La frequenza di successivi moduli presso l'Accademia Aeronautica e l'Istituto Scienze Militari Aeronautiche di Firenze consentirà poi agli Ufficiali, anche se già assegnati ai reparti d'impiego, di conseguire la successiva laurea magistrale in Scienze Aeronautiche.    per il Ruolo normale delle Armi (A.A.r.a.n.) prevede anch'esso una laurea in gestione dei sistemi aerospaziali per la difesa, dove è previsto un corso di studi che ricalca in gran parte quello del Ruolo Naviganti, a eccezione delle attività di volo, sostituite da moduli formativi per le specifiche attività del ruolo.    il Corpo del genio aeronautico (G.A.r.n.) prevede una laurea magistrale in ingegneria, nelle specialità civile, strutturale e geotecnica (STReGA), aerospaziale e astronautica, dei sistemi idraulici e di trasporto, delle telecomunicazioni, informatica ed elettronica. I corsi si svolgono per i primi due anni in Accademia, mentre i successivi tre anni (terzo anno della laurea triennale e il biennio della laurea specialistica) sono svolti presso la facoltà di Ingegneria dell'Università degli Studi di Napoli “Federico II”. Specifici insegnamenti giuridico-economici e di cultura militare integrano l'iter formativo.    gli allievi ufficiali del Corpo di Commissariato (C.C.r.n.) conseguono al termine degli studi la laurea magistrale in giurisprudenza, frequentando i corsi in Accademia per i primi due anni e alla facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Napoli "Federico II" per i successivi tre. Specifici insegnamenti tecnico-professionali e di cultura militare integrano l'iter formativo.    gli allievi ufficiali del Corpo Sanitario Aeronautico (C.S.A.r.n.) conseguono la laurea magistrale in medicina e chirurgia, frequentando i corsi in Accademia per i primi due anni e alla facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università degli Studi "Federico II" per i successivi quattro. Sono previsti corsi specificamente indirizzati all'acquisizione di nozioni di medicina aeronautica e spaziale, fondamentali per un impiego futuro.Per il passaggio alla classe successiva dell'Accademia Aeronautica, tutti gli allievi devono superare, in prima o seconda sessione, tutti gli esami sulle discipline d'insegnamento previste dal piano degli studi.La formazione degli allievi di ogni Corpo e Ruolo comprende anche altre attività, tra cui attività sportiva ed esercitazioni militari, studio intensivo della lingua inglese, visite istruttive a Reparti Operativi dell'Aeronautica Militare e ad industrie aeronautiche, corsi di sopravvivenza in mare e in montagna, corsi di volo a vela, corsi di vela.Gli allievi, dopo il superamento degli esami militari, conseguono durante la frequenza dell'istituto il grado di sottotenente al quarto anno di corso.I sottotenenti del Ruolo Naviganti, una volta conseguita la laurea magistrale al quinto anno di frequenza, interrompono provvisoriamente gli studi accademici per essere sottoposti a un'ulteriore selezione al volo che consente di fregiarsi del titolo di pilota militare o navigatore militare. Una volta conseguito il brevetto presso le scuole di volo in Italia, in Grecia, negli USA o in Canada, il frequentatore rientra in Accademia per terminare gli studi con l'esposizione della tesi.In circa sei anni dall'entrata in Accademia, i naviganti sono trasferiti ai reparti operativi, dove prestano servizio.

    Allievi Ufficiali in ferma prefissata

    Il corso per Allievi Ufficiali in ferma prefissata (AUFP) ha lo scopo di fornire la preparazione di base, nonché una iniziale preparazione tecnico-professionale, differenziata in funzione del Corpo e ruolo di appartenenza e degli Ufficiali frequentatori stessi, indispensabile e sufficiente a fornire le competenze specifiche della categoria per svolgere i compiti previsti per gli Ufficiali in ferma prefissata presso gli Enti dell'Aeronautica Militare.I frequentatori, che restano in accademia 15 settimane, entrano a far parte dell'Aeronautica come tenenti Ausiliari del ruolo normale del Corpo Sanitario Aeronautico (C.S.A.r.n.) arruolati per nomina diretta, o come sottotenenti dei ruoli speciali dei Corpi e dell'Arma dell'Aeronautica Militare (A.A.r.a.s., G.A.r.s., C.C.r.s.). Essi devono contrarre una ferma volontaria di 30 mesi e assoggettarsi alle leggi e ai regolamenti militari.L'obiettivo del corso è di far sviluppare negli allievi i principi della cultura militare e aeronautica, riferita allo status di Ufficiale, per mezzo di corsi specifici:    funzione e ruolo del militare e dell'Ufficiale in particolare all'interno delle Istituzioni della Repubblica;    regolamento di Disciplina Militare, leggi connesse e responsabilità da esse derivanti;    responsabilità derivanti dallo status giuridico dell'Ufficiale e doveri nei confronti dell'organizzazione gerarchica;    etica militare e azione di comando;    obiettivi dell'Aeronautica Militare, principali attività e mezzi in dotazione;    compiti operativi del sistema di alleanze in cui le Forze Armate sono inserite;    principali pubblicazioni e direttive dell'Aeronautica;    organigramma dell'Aeronautica a livello centrale, intermedio e periferico;    concetti di strategia e dottrina dell'impiego delle Forze Aeree;    principi generali del diritto umanitario e diritto internazionale con riferimento alle più significative Convenzioni;    servizi aeroportuali e relative responsabilità;    principali strumenti di comunicazione scritta e orale (nota, lettera, messaggio, relazione, briefing);    sistema di avanzamento del personale dell'Aeronautica Militare;    organi e funzioni della rappresentanza militare;    principi della sicurezza del volo, dell'antinfortunistica e della sicurezza del lavoro;    principi della logistica militare relativamente al proprio livello di competenza.

    Corso Applicativo per gli Ufficiali dei ruoli speciali

    L'Accademia Aeronautica riveste il ruolo di formatrice per gli ufficiali dei ruoli speciali che intendono, previo superamento del corso, essere ammessi al servizio permanente effettivo. Il corso ha lo scopo di fornire la preparazione di base comune a tutti i frequentatori, nonché la preparazione tecnico-professionale, differenziata in funzione del Corpo e ruolo di appartenenza degli Ufficiali frequentatori stessi, diretta a fornire le competenze specifiche della categoria secondo programmi didattici ad hoc.All'atto della presentazione al corso gli Ufficiali frequentatori contrarranno una ferma obbligatoria di 5 anni, a decorrere dalla data di inizio del corso.

    Allievi Ufficiali Piloti di ComplementoIl ruolo Naviganti Speciale (A.A.r.n.s.) nasce per dare integrare operativamente le attività svolte nei Reparti Operativi. Gli Allievi Ufficiali Piloti di Complemento (AUPC) contraggono una ferma volontaria di 12 anni.L'iter formativo, finalizzato al conseguimento delle capacità operative è, di massima, articolato in una formazione di base, che si svolge presso l'Accademia Aeronautica col conseguimento del Brevetto di Pilota d'Aeroplano (BPA), e in un periodo addestrativo differenziato in funzione della linea di volo di prevista assegnazione, che si svolge presso i Centri Addestrativi delle Scuole di Volo.Per la sua particolare natura, un pilota di complemento avrà uno sviluppo di carriera più lento concentrandosi esclusivamente sull'attività di volo.Il ciclo formativo successivo prevede invece corsi di perfezionamento nel grado di Capitano, orientato ai compiti da espletare nei successivi gradi, e il Corso Pre-Comando nel grado di Maggiore e Tenente Colonnello, la cui frequenza è subordinata all'eventuale assunzione d'incarichi di comando richiedenti il possesso di conoscenze a carattere disciplinare, amministrativo e ordinativo, indispensabili all'esercizio del comando.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 2 mesi fa

    Letà minima per partecipare al concorso è 18 anni. È richiesto un qualsiasi diploma di scuola cui,a superiore, perché i corsi sono a livello universitario. L’esame di ammissione è molto difficile, perché le accademie preparano i futuri ufficiali delle nostre forze armate. Anche i corsi sono molto impegnativi, la maggior parte delle persone abbandona nelle prime settimane. Dopo cinque anni di Accademia, entri in servizio come tenente, e segui il normale percorso di carriera (capitano, maggiore ecc.). Devi restare in servizio obbligatoriamente per almeno 8 anni prima di poterti congedare.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    2 mesi fa

    Lo so che ci stai pensando ma non ti manderanno a bombardare Kabul !!! rimarrai in un ufficio a sbrigare scartoffie tutto il giorno

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Paolo
    Lv 5
    2 mesi fa

    Anzichè chiedere qui , scrivi all'URP del Ministero Aeronautica di Roma e chiedi che ti mandino la brochure per l'arruolamento ecc. , allega il francobollo per la risposta

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.