Anonimo
Anonimo ha chiesto in Animali da compagniaCani · 2 mesi fa

vorrei un cane ma i miei no e non riesco a convincerli, raga vi prego aiutatemi, consigli?

Allora raga, sono anni che desidero avere un cane, so benissimo tutto ciò che ne comporta, tempo, soldi, portarlo a fare i bisogni 3 o più volte al giorno, veterinario, pulire casa quando sta male, toelettatore e tutto il resto. Nonostante per tipo 15 anni non sono riuscito a convincerli, non ho ancora mollato, ora ne ho 20, quasi 21 e sono più che sicuro di volermi prendere questa responsabilità, infatti, a differenza di molti che vogliono cani di razza, io preferirei adottarne uno in qualcuno dei centri chiamati "adottami", così da poter accogliere uno di quei poveri cani in una famiglia. So che forse molti diranno "eh ma dicono tutti che se ne occupano loro e poi tocca ai genitori", lo capisco, ma in tutti questi anni ho dimostrato ai miei genitori di essere responsabile, attento e anche capace di avere un animale domestico (anche se so che il criceto non è niente a confronto con i doveri di un padrone di un cane). Il problema soldi non c'è perché lavoro dalle 9 alle 13.30 e dalle 15 alle 19, quindi posso anche tranquillamente farlo scendere la mattina, dopo pranzo, e la sera; ho una macchina e la patente, quindi per andare dal veterinario quando serve andrei io. Ora chiedo a voi, qualche consiglio per convincerli.. Datemi una mano raga

1 risposta

Classificazione
  • nur
    Lv 6
    2 mesi fa

    Una cosa le famiglie devono capire: il cane non è responsabilità di una sola persona all'interno del nucleo famigliare, il cane diventa un membro del gruppo sociale quindi TUTTI devono occuparsene, in base all'età e agli impegni. Ma tutti devono prendersene cura, ci si alterna con le passeggiate a seconda degli impegni, quindi ci si alza prima la mattina , il primo che rientra a casa il pomeriggio fa la seconda uscita e infine la sera l'ultima; questo se parliamo di attività media, poi dipende dal tipo di cane e dall'individuo aumentare e diversificare l'attività fisica e eventualmente anche mentale. Se ti prendi una razza da lavoro/caccia/utilità le 3 uscite "standard"saranno solo il riscaldamento, ma il cane dovrà fare ben altro per sentirsi appagato e vivere bene. Se vuoi ad es. un pastore tedesco o un border, metti in conto che il tempo da dedicargli si triplica, perchè appunto, devono LAVORARE, e l'ideale sarebbe fargli frequentare un centro cinofilo 2-3 volte a settimana.

    Quindi figli smettetela di giurare col sangue che vi occuperete in toto del cane perchè non dev'essere così. E se i tuoi che ti conoscono meglio di quanto tu conosca te stesso, non vogliono un impegno del genere, sicuramente ne hanno tutte le motivazioni.

    I canili in italia sono pieni di animali abbandonati per la maggior parte proprio da genitori cre.tini che si sono lasciati convincere dai figli a prendere il cane e poi si sono accorti che era un impegno troppo grande.

    Il cane non è un criceto che metti nella gabbia e sta lì, il cane è un animale domestico la cui vita e presenza coinvolge al 100% tutta la famiglia, e se questa famiglia non vuole essere coinvolta in una decisione che cambia radicalmente le abitudini di tutti (dall'organizzazione delle giornate a quella delle vacanze) aspetta di andare a vivere da solo e prenderti tutti i cani che vuoi.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.