promotion image of download ymail app
Promoted
Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scienze socialiSociologia · 1 sett fa

Sono rimasto senza amici?

Mi sento solo e abbandonato praticamente sono stato abbandonato da tutti

Aggiornamento:

Non vengo più invitato manco ad uscire

Aggiornamento 2:

Purtroppo vivo in un paese e i gruppi sociali sono limitati...solo che non sto da nessuna parte 

Aggiornamento 3:

Eh purtroppo è la realtà di paese nasci sfigato,vivi da sfigato e dovrai morire da sfigato.

(Solo chi vive in una città piccola dove tutti ti conoscono  può capire)

Aggiornamento 4:

Vi ringrazio per tutte le risposte spero che ne arrivi ancora qualcuna

Aggiornamento 5:

Ovviamente 5 stelle alla migliore 

Aggiornamento 6:

Non potete capire...sono tutti andati a fare festa in una casa in campagna senza di me.....che pugnalata....

11 risposte

Classificazione
  • 1 sett fa

    Io parlo per io.

    Un giorno, che sembra ieri, ma è passato del tempo, mi sono ritrovato compleamente solo in un posto che non era per niente bello e che, solo un mese prima, non sapevo nemmeno esistesse.

    Non potevo chiedere aiuto a nessuno e nemmeno un condannato a morte di san Quintino avrebbe voluto essere al mio posto.

    Sapevo che nessuno sarebbe venuto a predermi, perchè molto probabilmente non sapevano nemmeno dove fossi finito e comunque erano certi che fossi già ,morto oche sarei morto in poche ore.

    Ero sconvolto, disperato, chiudevo forte gli occhi tante volte, dicendo che non poteva essere vero.

    Ripensavo alle lezioni all' università, mai avrei immaginato un cambiamento simile  della mia vita.

    Avevo anche una buona dose di paura, non è che fosse tanto divertente.

    Ho trovato un posto, mi sono addormentato, mi sono riscvegliato erano le 11 del mattino.

    Quando ti svegli con un magone che preme sullo stomaco, il nodo in golae la mente che non riesce a credere che sia proprio quella la tua situazione.

    Ho pensato: adesso sono totalmente solo; non ho nessuno su cui contare, nessuno per cui io conti qualcosa.

    L' unica cosa che ho è quello che mi hanno insegnato, c'è tutto nella mia testa, devo eseguirlo con ordine, senza sbagliare, come un equilibrista su una corda tesa su un baratro.

    Sono uscito da quel pasticcio.

    E' una delle tante cose a cui non voglio più pensare, perchè la sensazione che provavo era tremenda, bruttissima.

    Sotto un certo aspetto però, quel giorno io non pensavo a niente, non ero legato a niente... è stato uno dei giorni più belli della mia vita, ero totalmente libero, svincolato da ogni remora, da timore....

    Ora, tu sei in una situazione tristissima, ma è anche una occasione unica.Hai perso tutti gli amici, sei solo con ciò che hai imparato dalla vita e questo ti basta per ricominciare e salire più in alto di prima.In questo periodo, tu sei veramente libero, puoi usare tutta la tua forza senza più vincoli.

    Pensaci, organizzati, poi agisci e troverai tanti amici migliori di quelli di prima.

    Fra molti anni, penserai a questi gorni e dirai: "Cavoli ero davvero in gamba!".

    Fonte/i: www.facebook.com/marco.merani
    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Sono nella tua stessa condizione. Io penso che in fondo non fossero veri amici

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 sett fa

    non esistono amici veri nella vita occorre farsene una ragione.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 sett fa

    Anche io. Ma non mollare mai. Quelle poche persone che avevo in passato non mi hanno più scritto senza nemmeno dirmi il motivo. Avrei preferito che mi dicessero almeno come mai volevano andarsene.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 sett fa

    Conosco la tua situazione e ci sono anche io dentro.

    Anche io vivo in una realtà di paese, in un paese destinato ad affondare come il Titanic politicamente per tutti i casini in cui si trova.

    I gruppi sociali qui prima del coronavirus erano solo i teppistelli di strada che sembrano usciti da Gomorra, e le ragazze quelle che si vestono quasi da prostitute. Nessuno rimane in città e vanno tutti nel paese vicino per la movida.

    Pochi sono come me senza amici da queste parti, e ho fraternizzato con queste persone, per lo più.

    Tra i miei compagni un quarto della classe è gentaglia, ma gentaglia che non ti lascia indietro se gli chiedi aiuto (ed è competente), quindi posso dire che la mia classe (più una ragazza della mia scuola con cui ho fatto amicizia e di cui ho una cotta) è il mio unico gruppo di amici al momento (se non si prende in considerazione gli amici a distanza di Discord)

    Il consiglo che ti do è di non mollare, che gli amici sinceri prima o poi si trovano là fuori.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 sett fa

    Riparti da te e scegli bene gli amici...

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 sett fa

     io vivevo in un paesino, praticamente sconosciuto solo chi stava nelle vicinanze lo conosceva, e indovina? IO in tutta la scuola (era un edificio che conteneva medie, elementari, asilo e il comune) non avevo un amico vero anche da me i gruppi sociali erano limitati, si comportavano tutti da bulli e spacconi, ma sai cosa ha cambiato la mia vita sociale?... Cambiando scuola e città, sono andata in un paese molto più grande e sviluppato e li ho trovato tanti amici e ho anche scoperto cose nuove di me ... alla fine ho capito che non ero io il problema ma loro che non sapevano comportarsi avendo una mente chiusa.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Bruno
    Lv 7
    1 sett fa

    io mi dico...faccio un lavoretto.....perciò sono solo per metà

    il lavoro e gli studi fanno la differenze con il passare degli anni

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Geo
    Lv 7
    1 sett fa

    A me non mi chiamavano, mi dicevano "fatti vedere", che non è la stessa cosa.

    E io mi facevo vedere. E ci si divertiva.

    E anche oggi, non è che sia tanto frequente che mi chiamino. Lo fanno, ma non tanto spesso. Se sono interessato chiamo io.

    A te come vanno le cose? Se non chiamano loro, tu chiami?

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 sett fa

    Come mai? Perché sei stato abbandonato?

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.