promotion image of download ymail app
Promoted
Serena
Lv 7
Serena ha chiesto in Scienze socialiSociologia · 1 sett fa

"È più facile trarre in inganno una moltitudine che un uomo solo". Quando ci uniformiamo agli altri è più facile essere ingannati 🤯?

L'aforisma è di Erodoto 🌹

16 risposte

Classificazione
  • 1 sett fa
    Risposta preferita

    Mi viene da pensare alle varie " egregore" che fanno parte delle religioni dei partiti politici dei movimenti etc etc, quindi della nostra vita . " Una “egregora”, è un’entità collettiva creata dal pensiero di tutti gli individui appartenenti ad un certo raggruppamento, ad un popolo, ad una religione, etc. I pensieri e i desideri di tutte queste persone (che si indirizzano tutti nelle medesime direzioni), formano una egregora impregnata, nutrita e modellata da quella collettività. Tutte le religioni, i movimenti spirituali, i partiti politici etc. ne hanno una o più di una. A volte, nei piani sottili, le egregore si scontrano addirittura fra di loro. Ogni egregora “aiuta” la comunità che l’ha formata: essa costituisce infatti uno straordinario serbatoio di energie. " (Cito da un sito di Fisica Quantistica).

    Quindi sta a noi " uniformarci" eventualmente ( e noi spesso o quasi sempre siamo uniformati) ad un pensiero/progetto positivo ed universale, il cui fine non sia egoistico ma collettivamente luminoso. L' uniformità, che spesso è irrinunciabile anche se particellata, è ingannatrice se fa parte di un piano ingannevole...tipo il serpente e la mela...per esempio.

  • 1 sett fa

    Sono d'accordo. 

    Il problema è che si è uniformati a nostra insaputa. Cosa bisognerebbe fare per non esserlo?

    Io penso che per ottenere l'indipendenza di pensiero sia impossibile non passare attraverso il  "gregge" (che brutta però questa parola, proprio non mi piace), cioè bypassare la società .

     Ognuno si forma e si modella profondamente avendo condiviso gli stessi usi e costumi contemporanei, le stesse aule scolastiche, e persino gli stessi ambienti di lavoro e di vita... marchi quasi indelebili sulla pelle.

    Noi siamo il prodotto della società e dell'ambiente in cui viviamo. 

    Il miglioramento  del pensiero medio dei membri della società credo sia inscindibile dalla qualità di tutto  l'insieme... 

    Nazioni diverse gruppi diversi.. è molto difficile opporsi ai grandi sistemi, per il loro stesso esistere ed esserne perennemente dentro. 

    Forse l'unico modo per migliorare la libertà di pensiero collettiva è far crescere le nuove generazioni in un clima nuovo. E a quel punto tutti saranno più liberi e indipendenti di quanto non lo fossero stati i nonni ... e sarà più difficile trarli in inganno...

    Ovviamente questo è il mio parere personale... Ciao :)

    • Serena
      Lv 7
      1 sett faSegnala

      Ciao 😊😊😊

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • jonny
    Lv 4
    1 sett fa

    Si, basta vedere la reazione della gente su tutta questa storia del coronavirus. Tutti pecoroni che si affidano ai media e alla tv e che non riescono a pensare con la propria testa.

    • Serena
      Lv 7
      1 sett faSegnala

      😊😊😊

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 sett fa

    Citazione molto vera e che fa riflettere.

    È omologazione.

    E di solito chi va contro l'omologazione è mal visto dalla massa omologata.

    • Serena
      Lv 7
      1 sett faSegnala

      😊😊😊

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 sett fa

    Ingannare una moltitudine è facile, ma poi arriva il confronto con la realtà e la moltitudine ti presenta il conto.

    Ad esempio: la donna italiana, dopo essere stata calunniata dalla Mediaset,voterà ancora per Forza Italia ?

    • Serena
      Lv 7
      1 sett faSegnala

      😊😊😊

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 sett fa

    Dipende, se l'uomo solo si sente anche "solo", è più facile resti irretito, anelando magari inconsciamente ad uniformarsi all'ingannatore (che si presuppone preparato nel suo losco mestiere), per sentirsi meno "solo". Se invece si sente "individuo", non prova senso di solitudine, è uniforme in se stesso e non necessita compagnia obbligata, è più riflessivo nel decidere a chi o cosa credere. Stessa cosa nella moltitudine, dipende da quanti uomini "soli" e quanti "individui" la compongono. Il rapporto è lo stesso, magari ci sono diverse e maggiori variabili dovute all'influenza (positiva/negativa) che alcuni possono avere su altri nella moltitudine. Se invece ti irretiscono in separata sede non hai nemmeno qualcuno a fianco che possa liberarti, ma in compenso nemmeno nessuno che possa trascinarti nell'inganno.

    • Serena
      Lv 7
      1 sett faSegnala

      😊😊😊

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Geo
    Lv 7
    1 sett fa

    No, mi sembra un'esagerazione. Non siamo tutti uguali, ma di pesciolini che abboccano anche da soli ne son piene le fosse.

    Ma il senso lo condivido: la gente si condiziona reciprocamente, alla gente fa piacere condividere un "credo", e quando qualcuno lancia un messaggio alla massa la massa desidera credere, in solidarietà reciproca.

    Insomma, non è che effettivamente sia più facile ingannare una moltitudine, ma quando la si inganna la cosa è eclatante.

    • Serena
      Lv 7
      1 sett faSegnala

      😊😊😊

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Condivido perché quando ci uniformiamo con gli altri non pensiamo con la nostra testa ma come capre seguiamo il gregge. 

    Dobbiamo sempre riflettere su ogni cosa, anche su ciò che ci sembra tanto scontato :-)

    • Serena
      Lv 7
      1 sett faSegnala

      😊😊😊

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 sett fa

    Psicologia dei gruppi, dinamiche intergruppi e intragruppi

    • Serena
      Lv 7
      1 sett faSegnala

      😊😊😊

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 sett fa

    Il Cristo, nel vangelo di Matteo citava due strade : una larga e comoda  e l'altra stretta e impervia. Ma la strada larga, percorsa da una moltitudine di persone, avrebbe condotto alla distruzione, mentre la strada impervia avrebbe condotto alla vita.

    Una metafora per far capire come la stragrande maggioranza di quelle persone, attratte dalla comodità, non si accorge dell' inganno al contrario delle poche persone che invece, preferiscono percorrere una strada impervia perché riescono a percepire l' inganno e lo evitano. 

    • Serena
      Lv 7
      1 sett faSegnala

      Bella risposta 🐯🐯🐯

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Blu.
    Lv 7
    1 sett fa

    Concordo :)                       

    • Serena
      Lv 7
      1 sett faSegnala

      😊😊😊

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.