λorenzo ha chiesto in Scienze socialiStudi di genere · 2 mesi fa

Qual è il ricordo più lontano che hai?

Il primo che riesci a richiamare, non per sentito dire. Sono curioso di saper fin dove arrivate.

50 risposte

Classificazione
  • Mi hai aperto una bella finestra di ricordi lo sai? Ahahah il più vecchio che mi viene in mente comunque ero io all'asilo seduto a disegnare coi miei compagni anch'essi a disegnare nel bancone a ferro di cavallo seduti su delle sedie microscopiche! Ricordo pure la scatola di pennarelli, tutti con su l'etichetta con nome e cognome della Giotto lol!

    L'età non la ricordo ahimè, ma andava dai 3 ai 5 anni.

    Un altro che ricordo era un bruco di plastica posto all'esterno del cortiletto per giocare con la testa tutta piegata perché ci salivano su e a furia di ruzzarla si è piegata ahahahah.

    Oppure anche le partitelle a calcio con una palla verde di plastica leggera, ma giocavo molto a nascondino con le femmine ai tempi, mi piaceva di più che il pallone

  • 2 mesi fa

    era il 2006 avevo 2 anni.. ricordo che grosso si stava preparando per tirare il rigore, mio padre si trovava sul divano ed io ero in braccio a mia madre.. mio padre stava bevendo un succo di frutta tipo -> 🧃.

    Grosso tira il rigore mio padre esultando mi tira il succo in faccia e così inizio a piangere mentre tutta l’italia conpreso mio padre esultava😂😂

    • beato  te che c'eri io ero  appena nata

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Quando mi spaccai la testa. Giocavo in mezzo alla sabbia, con i sassi (cosa da non fare ma avevo 5 anni ed ero un bimbo stupido) ad un certo punto, ho tirato un sasso enorme (non so manco come abbia fatto ad afferrarlo in quanto era il doppio di me) e provai a lanciarlo. La sfiga più totale: Mi ricadde in testa.

    Finii in ospedale, non mi ricordo il viaggio, mi ricordo solo che mi risvegliai in ospedale, con i punti in testa. Ancora oggi, ho quei punti. Mai toccati. Sono ancora lì.

    Mi ricordo anche di un giorno dell'asilo: Il solito giorno in cui tutti facevano casino e la maestra si mordeva la mano per dirci di stare zitti.

    Fonte/i: IL MIO BIG BRAIN
    • λorenzo
      Lv 6
      2 mesi faSegnala

      come fai ad avere ancora i punti scusa

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 2 mesi fa

    La nascita di mio cugino nel 1976 ( avevo 4 anni compiuti ).

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Joseph
    Lv 5
    2 mesi fa

    Ero piccolissimo (3 o 4 anni al massimo)  ricordo solo un grande prato verde, c'erano anche dei fiori,  forse papaveri . . . 

    all'improvviso un grosso cane mi saltò addosso e mi fece cadere sull'erba.

    Poi non ricordo altro.

    • ...Mostra tutti i contatti
    • Joseph
      Lv 5
      2 mesi faSegnala

      Non saprei dirlo di preciso,  credo che quel cane mi abbia spaventato un po',  però non voleva farmi del male,  infatti non mi morse, credo che volesse solo giocare. 

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    2 mesi fa

    Uno dei miei ricordi più vividi risale alla mia primissima infanzia, quando mia madre mi portò a Parigi per assistere alla decapitazione della regina Antonietta, uno spettacolo impressionante!

  • Anonimo
    2 mesi fa

    Avevo circa due anni, mi ricordo che stavo sul seggiolone rosso nella cucina del vecchio appartamento in cui vivevamo prima che io andassi alle elementari. C'era la televisione accesa con un cartone animato, lo squalo Jabber di Hanna e Barbera. Penso che nella stanza ci fosse anche mia madre.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 2 mesi fa

    Ricordi dell'asilo. Le tuniche delle suore che viste dal basso sembravano infinite.. i banchetti colorati (non perché lo fossero davvero, ma perché li coloravi tu appena le vecchie si distraevano), il tappetto fatto a puzzle, le matite in formato gigante, la mensa e le orecchie da asino se non mangiavi.. i lavoretti che portavi a casa (mestoli con il papillon, e alberi di natale con le penne rigate).. i lettini di plastica su cui ti mettevano a dormire (e dormivi!), e il palco dove facevamo le recite a cui nessuno della mia famiglia veniva ad assistere. Il finto brucomela in giardino, la fontana che usavi per fare gli scherzetti.. i sassetti su cui cadevi e ti sfracellavi le ginocchia (ho ancora tutte le cicatrici che confermano).

    Non vado più in là dell'asilo

    • λorenzo
      Lv 6
      2 mesi faSegnala

      Sei andata al collegio? Non so perché ma questo mi ha fatto pensare ai Peanuts ahah.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 2 mesi fa

    I miei nonni, le scuole medie e tante cose

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    2 mesi fa

    Ero piccolissimo, prima che iniziassi la scuola materna, ricordo che una mattina uscii con mia madre e andammo in un negozietto a comprare la carta igienica che era finita, mi portò con lei perché a casa non c'era nessuno e non poteva lasciarmi da solo, infatti sono il più piccolo di tre fratelli e gli altri due già andavano a scuola, mio padre invece era a lavoro. È un ricordo così vecchio che sembra che lo abbia sognato, ma credo sia successo davvero.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.