voi credenti in che modo interpretate la figura biblica di Melchisedec?

Aggiornamento:

Meglio che te lo scrivo qui, xjonioblu1: stando alla versione del testo biblico più antica che sia disponibile, ovvero quella dei rotoli di qumran risalenti a duemila anni fa, melchisedec è presentato non come un sacerdote bensì come un elohim.

Aggiornamento 2:

Tradizionalmente viene presentato come re di salem, ovvero di gerusalemme.

Ma nei rotoli di qumran è scritto non salem bensì shalim che è località cananea samaritana tradizionalmente in contrasto con gerusalemme.

12 risposte

Classificazione
  • Risposta preferita

    Allora. Se non erro, Melchisedec è un re-sacerdote Cananeo (secondo l'antica usanza mediorientale) di Elyon (Divinità suprema Cananea, poi sincretizzata con Yhwh dagli Ebrei).

    Per quanto riguarda essere un Eloah (Elohim è plurale) la risposta è semplice: Eloah indica non solo un Dio, ma anche chi era considerato investito di potere dalla Divinità (ad esempio uomini con incarichi Divini o Angeli). E nella stessa Bibbia trovi diversi esempi di ciò.

    @sei sicuro su Shalim come città? Ho fatto qualche ricerca, anche se superficiale per ora, e ho trovato solo un Dio Semitico del tramonto con questo nome, il cui eco sarebbe rimasto nel nome della città di Salem (Gerusalemme). Posso chiederti le fonti per verificare? (Non per qualcosa, è mia abitudine verificare sempre).

  • 5 mesi fa

    Melchisedec è il "Sacerdote per sempre" di Elyon Elohim.

    Solo per dovizia di particolari, nell'imponente trattato gnostico della Pistis Sophia Melchisedec è "il grande ricevitore della luce" che abita la <regione di mezzo>.

  • giokko
    Lv 6
    5 mesi fa

    Io ho capito che è il primo re-sacerdate, nel duplice ruolo. Il Dio di Abramo era lo stesso Dio di Mlichisedec

  • 5 mesi fa

    Era Re dell’antica Salem e “sacerdote dell’Iddio Altissimo”.

    È il primo sacerdote menzionato nelle Scritture e svolgeva questo incarico qualche tempo prima del 1933 a.E.V. Essendo re di Salem, che significa “pace”, Melchisedec viene definito dall’apostolo Paolo “Re di pace” e, a motivo del suo nome, “Re di giustizia”. 

     Si pensa che l’antica Salem sia stata il nucleo della successiva città di Gerusalemme, e il suo nome fu incorporato in quello di Gerusalemme, che a volte è chiamata anche “Salem”. Dopo aver sconfitto Chedorlaomer e i re suoi alleati, il patriarca Abramo  giunse nel Bassopiano di Save o “Bassopiano del Re”. Là Melchisedec “portò pane e vino” e benedisse Abraamo dicendo: “Benedetto sia Abramo dall’Iddio Altissimo, che ha fatto il cielo e la terra; e benedetto sia l’Iddio Altissimo, che ha consegnato i tuoi oppressori nella tua mano!” Allora Abramo diede al re-sacerdote “un decimo di ogni cosa”, cioè delle “spoglie principali” prese nel vittorioso combattimento contro i re alleati. 

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 5 mesi fa

    Non so se ti rendi conto che i rotioli di Qumran, se risalgono a 2000 anni fa, non sono più antichi del pentateuco mosaico (La Tōrāh Ebraica) ed in particolare della Genesi dove Melchisedec viene per la prima volta nominato quando benedì Abramo che gli consegnò la sua decima.

    Non è il Primo Sacerdote poichè lo furono tutti i patriarchi precedenti chiamati ad essere Profeti, per fare un esempio detenevano il Sommo Sacerdozio nell'ufficio di Profeta anche Enoc e Noè o non avrebbero potuto svolgere la loro chiamata. 

    Genesi 14:18-20

    "E Melchisedec, re di Salem, fece portar del pane e del vino. Egli era sacerdote dell'Iddio altissimo. Ed egli benedisse Abramo, dicendo: 'Benedetto sia Abramo dall'Iddio altissimo, padrone de' cieli e della terra! E benedetto sia l'Iddio altissimo, che t'ha dato in mano i tuoi nemici!' E Abramo gli diede la decima d'ogni cosa." Melchisedech era Re e come in molti altri casi anche Sommo Sacerdote, egli ha maglificato così tanto la chiamata ricevuta da Dio che il Sacerdozio dell'Iddio Altissimo, perchè si evitasse la continua ripetizione del nome Dio ha preso il suo nome: "Sacerdozio di Melchisedec"

    Questo era il sacerdozio superiore a quello Levitico o di Aaronne, fratello di Mosè, che in quanto Profeta di Israele deteneva il Sacerdozio di Melchisedec ed era un Sommo Sacerdote come tutti i Profeti, con tutte le chiavi dell'autorità divina collegate a quell'ufficio del Sacerdozio.

    Quelle sono le chiavi che consegnò sul monte della trasfigurazione quando con Elia incontrò Gesù Cristo, Pietro, Giacomo e Giovanni. (Matteo 17:3) e le chiavi che Gesù diede a Pietro prima di ascendere al Padre chiamandolo alla guida della Chiesa da Lui fondata.

    Possiamo vedere nel N.T. che Gesù aveva quel Sacerdozio, come Sommo Sacerdote:

    Ebrei 5 

    1 Poiché ogni sommo sacerdote, preso di fra gli uomini, è costituito a pro degli uomini, nelle cose concernenti Dio, affinché offra doni e sacrificî per i peccati; 2 e può aver convenevole compassione verso gl'ignoranti e gli erranti, perché anch'egli è circondato da infermità; 3 ed è a cagion di questa ch'egli è obbligato ad offrir dei sacrificî per i peccati, tanto per se stesso quanto per il popolo. 4 E nessuno si prende da sé quell'onore; ma lo prende quando sia chiamato da Dio, come nel caso d'Aronne. 5 Così anche Cristo non si prese da sé la gloria d'esser fatto Sommo Sacerdote; ma l'ebbe da Colui che gli disse: Tu sei il mio Figliuolo; oggi t'ho generato; 6 come anche in altro luogo Egli dice: Tu sei sacerdote in eterno secondo l'ordine di Melchisedec. 7 Il quale, ne' giorni della sua carne, avendo con gran grida e con lagrime offerto preghiere e supplicazioni a Colui che lo potea salvar dalla morte, ed avendo ottenuto d'esser liberato dal timore, 8 benché fosse figliuolo, imparò l'ubbidienza dalle cose che soffrì; 9 ed essendo stato reso perfetto, divenne per tutti quelli che gli ubbidiscono, 10 autore d'una salvezza eterna, essendo da Dio proclamato Sommo Sacerdote secondo l'ordine di Melchisedec. 11 Del quale abbiamo a dir cose assai, e malagevoli a spiegare, perché siete diventati duri d'orecchi. 12 Poiché, mentre per ragion di tempo dovreste esser maestri, avete di nuovo bisogno che vi s'insegnino i primi elementi degli oracoli di Dio; e siete giunti a tale che avete bisogno di latte e non di cibo sodo. 13 Perché chiunque usa il latte non ha esperienza della parola della giustizia, poiché è bambino; 14 ma il cibo sodo è per uomini fatti; per quelli, cioè, che per via dell'uso hanno i sensi esercitati a discernere il bene e il male. 

    Ti ho messo tutto il capitolo perchè non mi piace estrapolare un versetto, sei sufficientemente in grado di capire ciò che contiene riguardo ai due Sacerdozi che ho sopra descritto e perchè dal vv.11 in avanti c'è molto su cui i lettori delle Sacre Scritture dovrebbero riflettere. 

    Soprattutto Blignino nella cui influenza si insinuano nella mente di alcuni errate teorie.

  • 5 mesi fa

    Mai sentito questo nome l'unica cosa che ho letto e la creazione e la tentazione del serpente ma non ricordo neanche in quale vangelo sta

  • 5 mesi fa

    Il primo sacerdote. 

  • Anonimo
    5 mesi fa

    Non Gerusalemme ma Salemi! Melkizedek era il re di una tribù siciliana. 

  • 5 mesi fa

    xjonioblu1: stando alla versione del testo biblico più antica che sia disponibile, ovvero quella dei rotoli di qumran risalenti a duemila anni fa, melchisedec è presentato non come un sacerdote bensì come un elohim.

  • 5 mesi fa

     È il primo sacerdote menzionato nelle Scritture e svolgeva questo incarico qualche tempo prima del 1933 a.E.V. Melchisedec era stato evidentemente nominato sacerdote da  Dio, è eterno come termine di sacerdote ma non in senso umano perchè è nato ed anche morto non si sa chi sono suo padre e sua madre l'unica cosa che si è stato eletto da Dio e fu una prefigurazione profetica di Gesù Cristo, che sarà sacerdote e re di Dio in perpetuo.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.