Anonimo
Anonimo ha chiesto in Politica e governoPolitica e governo - Altro · 1 mese fa

Perché i conservatori si oppongono al progresso? Secondo loro saremmo dovuti rimanere nelle caverne?

2 risposte

Classificazione
  • 1 mese fa
    Risposta preferita

    Ci sono conservatori e conservatori. C'è chi si oppone a qualsiasi cambiamento, e c'è chi si oppone solo a quelli che ritengono sbagliati. Del resto, "cambiare" non significa necessariamente "cambiare in meglio". L'importante è che le opinioni dei conservatori e dei progressisti siano motivate e che ci sia dialettica, e che non si decida di appartenere all'una o all'altra categoria solo per partito preso.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 mese fa

    Credo che la domanda sia mal posta.

    I conservatori non si oppongono al progresso, ma pensano che il progresso non debba essere una scusa per spazzare via la tradizione.

    I conservatori cercano il giusto equilibrio fra tradizione e rivoluzione, tra superamento e conservazione.

    In tedesco esiste una parola molto bella per descrivere questo processo che si chiama aufhebung.

    Se hai studiato filosofia potrebbe suonarti familiare perche Hegel ci costruì il suo intero sistema di pensiero.

    I progressisti al contrario vogliono rivoluzionare tutto, distruggere e ricreare in continuazione, senza punti di riferimento.

    In questo sono molto simili al filosofo Nietzsche.

    Io sono dell'idea che il progresso tecnico e culturale non debba verificarsi insieme al regresso morale, ma spesso è quello che succede coi "progressisti".

    Per questo motivo, benché sia proiettato verso la modernità in modo quasi folle e visionario, mi piace definirmi un conservatore, se proprio devo definirmi.

    Non so se ho reso l'idea.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.