Geo
Lv 7
Geo ha chiesto in Scienze socialiSociologia · 1 mese fa

Sei capace di farti piacere le cose che non ti piacciono?

O non hai la minima intenzione di provarci?

24 risposte

Classificazione
  • 1 mese fa
    Risposta preferita

    È solo una questione di punti di vista, Geo.

    Le cose che non piacciono spesso si rivelano più interessanti di cose che ci piacciono. La mente umana ha davvero tanti limiti, e uno di questi limiti è proprio il pensiero di andare 'oltre'. 

    Ingannati dal nostro senso di 'piacere', perdiamo di vista eventuali potenzialità che possono celare dietro al nostro eventuale pregiudizio. Certo, se non mi piacciono i broccoli, non mi piacciono, per carità. Ma non tutto dev'essere per forza questione di 'gusto' , ma anche di rispetto. 

    A me broccoli non piacciono, però se uno li cucina li butto via? No, li mangio! Mica sto lì a fare bambino, ti pare? :)

    Era solo esempio espresso, in realtà io amo i broccoli. E sì, sono capace a trovare giusto equilibrio tra il piacere spontaneo, e il piacere adeguato.

    • Geo
      Lv 7
      1 mese faSegnala

      Mi piace.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 mese fa

    Sono capace ma generalmente non lo faccio. 

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Fil
    Lv 7
    1 mese fa

    Ho passato la vita ad accettare cose che non mi va di fare ....  sono una dipendente di un'azienda privata  ed ho imparato presto : O mangi 'sta minestra o salti dalla finestra

    • Geo
      Lv 7
      1 mese faSegnala

      :-(

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 mese fa

    Se non mi piacciono è perché siamo già oltre la fase della "possibilità", è perché le ho conosciute (in maniera approfondita o sommaria, non importa: l'incontro è avvenuto), e quel che ho visto e provato non mi è piaciuto.

    In queste condizioni, se "devo", riesco  a fare cose che non mi piacciono, e pure bene; ma il piacere è altro, e non ha a che vedere con la volontà, lo sforzo e l'impegno e il risultato.

    Mi ha colpita l'aggettivo che usi, "capace". Io non la vedo come una capacità, ma come una diminutio, una perdita di sé.

    (Ah! In passato ho provato anche a costringermi a farmi piacere cose che non mi piacevano per condividere, assecondare, per quel miserabile compromesso che si ritiene salvezza di ogni rapporto: niente da fare, ciò che non mi piaceva continuava a non piacermi).

    • ...Mostra tutti i contatti
    • Geo
      Lv 7
      1 mese faSegnala

      materia diversa. Anche io ora ne avverto il fascino. Pe la storia non so. A scuola lo stesso prof mi dava anche meno di 4, mentre in filosofia avevo 10. Era disperato :-) Eppure studiavo molto di più la storia che la filosofia. Inclinazioni, capacità. Non siamo tutti uguali.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 mese fa

    Diciamo che nel limite del sopportabile ci provo: un assaggino non uccide...ed io stessa mi sono ricreduta sul mai dire mai...piu' di una volta ed in vari ambiti...pero' se l'assaggio non piace inutile insistere. Poi ci sono situazioni che sconfinano nell'obbligo...e li', non potendo esimermi, cerco di "aggiustare" al meglio la questione a mio favore ed appena posso di svicolare.

  • Anonimo
    1 mese fa

    non riesco         

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 mese fa

    Quel 'dipende' fa la differenza.

    Ad esempio, MAI potrei avvicinare anche solo il pensiero a tutto ciò che mi disgusta, che è repellente e che detesto, per quanto 'tu' possa condirla in tutte le salse. 

    Mai potrei assaggiare del cibo che non mi piace. Neanche lo assaggio. Dico no, da subito. 

    Ho provato anche a leggere dei libri che mi annoiavano, ma alla fine ho dovuto lasciarli a metà, non ce l'ho fatta a terminali, mi sembrava di 'rubare del tempo' a me stessa. 

    Poi, ci sono alcune cose che 'non mi entusiasmano così tanto' ma trovo un compromesso, se il gioco vale la candela. 

  • 1 mese fa

    Se non è necessario, perché dovrei farlo?

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 mese fa

    Sono capace ma generalmente non lo faccio.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Yep
    Lv 7
    1 mese fa

    Proprio no, o c'è uno scopo/motivo per ingoiare il rospo, altrimenti non si fa nulla. 

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.