amministratore di condominio...assente?

lo chiamo da novembre per una perdita d'acqua nel tetto che mi ha rovinato tutta la terrazza,,,prima era in vacanza 4 mesi poi covid adesso da 2 mesi che ha i agenda la mia riparazione ma nulla ancora...siamo in 12 e io vorrei tanto mandarlo a quel paese come funziona?

11 risposte

Classificazione
  • emey
    Lv 7
    5 mesi fa

    basta la decisione dell'assemblea.

    Qualunque condòmino può richiedere

    un’assemblea straordinaria .

    vedi link

  • 5 mesi fa

    La normativa italiana grazie all'articolo 1129 del Codice civile prevede che la revoca del mandato dell'amministratore condominiale possa essere deliberata in ogni momento dell'assemblea.20 dic 2017

    La prima cosa che bisogna fare è scrivere all'amministratore e chiedergli di convocare l'assemblea, definendo come ordine del giorno la votazione sulla sostituzione dell'amministratore medesimo e l'incarico ad uno nuovo. Per la nomina e la revoca dell'amministratore sarebbe necessaria la maggioranza degli intervenuti in assemblea che rappresentino almeno 500 millesimi.15 mag 2014

    L’amministratore di condominio deve assolvere svariati compiti ai fini della gestione del condominio. Le sue attribuzioni sono complesse e delicate non esaurendosi nell’elenco di cui agli artt. 1130 e 1131 del codice civile, bensì ad esse devono aggiungersi i compiti ulteriori eventualmente  imposti dal regolamento di condominio, dall’assemblea e da leggi speciali.

    I presupposti necessari per una buona gestione del condominio sono il possesso della qualifica professionale e l’assolvimento degli obblighi di aggiornamento professionale da parte dell’amministratore (eccezion fatta per l’ipotesi di amministratore/condomino), la trasparenza e la possibilità di controllo della gestione da parte dei condomini.

    Per tali motivi, il rapporto che lega i condomini all’amministratore di condominio è un rapporto intuitu personae, basato cioè sulla fiducia e, dunque, destinato a venir meno in caso di comportamento negligente, in mala fede o in presenza di un conflitto d’interesse dell’amministratore.

    In caso di inosservanza dei doveri normativamente imposti all’amministratore di condominio, la legge prevede delle conseguenze giuridiche che possono consistere nel risarcimento dei danni  nei confronti del condominio o addirittura la revoca del suo mandato.

    In realtà, la richiesta di revoca può nascere anche da semplici ragioni di opportunismo (si pensi alla revoca dell’amministratore che percepisce un compenso troppo oneroso rispetto ad altri), anche in assenza dunque, di una giusta causa.

    I condomini devono chiedere all’amministratore di condominio di convocare l’assemblea, stabilendo come ordine del giorno la revoca e contestuale nomina del nuovo amministratore.

    Nonostante il potere d’impulso concesso ai condomini, l’amministratore non è obbligato a convocare l’assemblea di condominio straordinaria. Tuttavia, decorsi 10 giorni dalla richiesta di convocazione all’amministratore, la legge stabilisce che i condomini potranno autoconvocarsi, ai sensi dell’art. 66 disp. att. c.c.

    Pertanto, nell’ipotesi in cui l’amministratore di condominio non dovesse convocare l’assemblea straordinaria, quest’ultima potrà legittimamente essere convocata a richiesta da almeno due condomini che rappresentino (come minimo) 1/6 del valore millesimale dell’edificio.

    Qualora non venga deliberata la revoca dell’amministratore in carica a causa del mancato raggiungimento del numero per la votazione, il singolo condomino solo se sussiste una giusta causa potrà chiedere la revoca giudiziale. Buona serata.

  • Luigi
    Lv 7
    4 mesi fa

    Basta un verbale d'assemblea messo in votazione  con la maggioranza 7 su 5 l'amministratore ritorna a casa sua!

  • Da novembre?!? Ma come si fa a resistere così tanto con un disagio simile ? Devi tamponarlo e dire che come amministratore non sta facendo il suo lavoro al meglio , ma scherziamo? Può essere estremamente pericoloso , ma che razza di amministratore è?!  Chiedi con le giuste precauzioni un assemblea come qualcuno ti ha giustamente suggerito qui sotto, e insisti affinché il tuo problema venga risolto , questa persona si sta addormentando a tue spese , non puoi mandarlo a quel paese , ma qualora ti capiti nn hai tutti i torti

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 5 mesi fa

    Credo convenga organizzare un'assemblea straordinaria, nominando un referente o reggente dell'amministrazione condominiale, perché si palesa la totale assenza dell'amministratore precedentemente nominato. E adire alle vie legali, nel caso la sua assenza non sia giustificata da giusta causa. L'importante è avere a disposizione tutto il necessario: foto, video, documenti cartacei, firme e quant'altro. E far fare dei sopralluoghi alle autorità competenti ed altri simili (avvocati, periti ecc...).

    Fonte/i: esperienza simile
  • Anonimo
    5 mesi fa

    Considerati fortunato: non sai che cosa significa quando è troppo presente.

  • Anonimo
    4 mesi fa

    Io lascerei perdere, sarebbe solo uno spreco di tempo

  • 5 mesi fa

    per mandarlo a casa cosa serve?

  • 5 mesi fa

    Potresti discuterne alla prossima riunione di condominio.

  • 4 mesi fa

    mandagli una diffida mediante il tuo avvocato civilista

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.