Perché la notte di S. Giovanni è chiamata notte delle streghe?

3 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 mese fa
    Risposta preferita

    Si racconta che le streghe, recandosi a Benevento per il tradizionale sabba sotto il famoso noce, fossero solite fermarsi a Roma per raccogliere proprio tra i prati del Laterano alcune particolari erbe sbocciate in quella notte e necessarie ai loro incantesimi. Tra queste erbe legate alla Notte di San Giovanni una particolare importanza rivestivano l’iperico, detto anche erba di San Giovanni, l’artemisia, o assenzio volgare, dedicata alla dea Diana-Artemide, la verbena e il ribes rosso.

    Durante la Notte di San Giovanni le Streghe, andando in giro, erano solite catturare le anime che incontravano sul loro percorso, e per poterle osservare senza correre pericoli erano quindi necessari alcuni accorgimenti: tenere in mano una testa d’aglio e una scopetta erano sicuramente scaramanzie indispensabili, insieme alla celebre “spighetta” (cioè una spiga di lavanda) e al tradizionale “garofoletto” (garofano).

    Nella Notte delle Streghe, da tutti i Rioni le persone si riversavano intorno alla Basilica di San Giovanni e a quella di Santa Croce in Gerusalemme. Le osterie che si trovavano in zona (la piú famosa era Faccia Fresca), insieme alle baracche e ai tendoni che spuntavano per l’occasione, facevano affari d’oro servendo le tradizionali lumache, servite con un sugo di aglio, olio, alici, pomodoro e peperoncino. L’uso di consumare le lumache aveva un significato particolare: le corna infatti, per il loro essere divergenti, rappresentavano le discordie e le contrarietà (solo in un periodo successivo presero a simboleggiare il tradimento), e mangiarle con gli altri equivaleva a seppellire nello stomaco tutti i contrasti, i dissapori e le preoccupazioni accumulati durante l’anno, per giungere quindi alla riconciliazione, distruggendo le avversità.

    Durante la festa si provvedeva a illuminare ogni cosa con tutti i mezzi possibili, dalle candele di sego alle torcie a vento, fino ai grandi falò accesi tra Santa Croce e San Giovanni (i famosi falò di San Giovanni), mentre d’obbligo era anche fare rumore con trombe, trombette, campanacci, tamburelli e petardi: il fine, ovviamente, era sempre quello di spaventare e allontanare le Streghe (con la luce e i rumori) impedendo loro di raccogliere le pericolose erbe.

  • 1 mese fa

    Questo non lo sapevo....

  • 1 mese fa

    Jpfgkxjofkkfjjfkcjkfpjgogk

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.