Italia vs Francia?

Secondo me l'Italia è uno dei paesi più belli del mondo

7 risposte

Classificazione
  • 1 mese fa

    In realtà è difficile fare un paragone tra i due paesi perché sono entrambi molto belli. Diciamo che in genere i francesi si sanno vendere molto bene e sanno valorizzare meglio di noi le cose belle, ma il fatto che l'Italia sia il Paese al mondo che abbia il maggior numero di siti Unesco la dice lunga. 

    Noi italiani abbiamo spesso la tendenza a bistrattare il nostro Paese, a parlarne male a volte senza motivo.

    Ora, senza dire se è più bella e la Francia o l'Italia posso dire cosa dovrebbero sapere molti italiani che disprezzano il Paese dove vivono. 

    L'Italia è l'unica penisola al mondo che si trova racchiusa, da nord a sud, ad una latitudine ideale (a metà strada tra equatore e polo) da un mare "calmo" come il Mediterraneo, nè troppo grande nè troppo piccolo, e fa si che abbia un clima ideale per lo sviluppo di un ecosistema unico al mondo: in Italia ci sono 7.000 specie vegetali edibili, il secondo paese al mondo è il Brasile con 3.300: qualsiasi regione Italiana ha più specie vegetali edibili di qualsiasi stato Europeo. In Italia abbiamo 58.000 specie diverse di animali, il secondo Paese al mondo è la Cina che ne ha 20.000! Peccato che noi abbiamo lo 0,5% di superficie mondiale, la Cina ne ha il 6%!   Questa si chiama biodiversità! 

    Vogliamo fare un confronto con la Francia, sulla cosa che rende entrambi i paesi orgogliosi, ovvero al vite e il vino? La Francia è il secondo Paese al mondo per numero di vitigni autoctoni, ne ha 222. Qual è il primo? l'Italia, ne ha 1200, 6 volte di più! In Italia abbiamo 140 cultivar di grano duro, gli Usa ne hanno 6, l' Italia ha oltre 500 cultivar di ulivi, il secondo Paese al mondo, la Spagna , ne ha 70. 

    E sto parlando solo di biodiversità, vogliamo parlare di storia e cultura?  

    Meglio di no, perchè sappiamo tutti quanti monumenti e testimonianze storiche abbiamo. 

    Clara, la situazione economica non c'entra nulla con la bellezza di un Paese, scusa se te lo dico, ma la tua risposta è completamente fuori tema. Ammesso e non concesso che l'Italia abbia un default (cosa tutta da dimostrare, è da decenni che lo dicono ed è da decenni che i menagrami vengono puntualmente smentiti), questo non c'entra nulla con la bellezza di un Paese. L' Argentina di default ne ha avuti due eppure era e rimane un Paese bellissimo, come lo è la Grecia. 

    certo, con questa storia del default mi sembra di sentire i sostenitori della profezia Maya sulla fine del mondo, si sono già sbagliati due volte, adesso chissà quale sarà la terza ineluttabile data della fine del mondo.....

    Io non ho nulla contro la Francia, Paese bellissimo, ma l' Italia non ha niente da temere in caso di confronto di bellezze, tantomeno con la Francia. E, perdonami, gli autobus puntuali di Parigi e il fatto che si mangi bene sono argomenti un po' debolucci per argomentare la bellezza di un Paese. Anche perché Parigi, devastata dalla rivoluzione francese alla fine del '700, ha conservato intatti ben pochi monumenti antecedenti a quel periodo, a differenza di Roma che è una meravigliosa finestra aperta negli ultimi due millenni di storia. 

    Basta studiarla un po', la storia, per rendersene conto che il confronto non regge proprio....

  • Anonimo
    1 mese fa

    Italia tutta la vita, cibo buono, cultura affascinante, divertimento assicurato 

  • Anonimo
    1 mese fa

    Italia tutta la vita!!! 

  • 1 mese fa

    Non dirò mai Francia..

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 mese fa

    Italia e Francia hanno da sempre molti legami. Tolto questo, sono due Paesi simili sotto molti punti di vista: a livello architettonico, in primo luogo, un milanese che va a Parigi può rimanere in parte deluso, poiché durante il periodo napoleonico il Nord Italia si è dotato di edifici e monumenti di chiaro stampo imperiale. 

    Ma Italia e Francia non sono solo Parigi e Milano. 

    Partiamo dall'Italia. Un viaggio da nord a sud ci permette di fare il confronto con due facce molto diverse. In particolare, partiamo dai castelli e dalle montagne della Valle d'Aosta per giungere a grosse città industriali quali Torino, Milano e Genova. Attraversiamo però boschi, monti e montagne per trovare delle splendide cittadine liguri che si affacciano direttamente sul mare. A est, invece, troviamo paesaggi alpini isolati, in cui predomina l'elemento germanico, tanto a livello architettonico quanto linguistico e culinario. Nel Fruli-Venezia Giulia, poi, esiste anche l'elemento slavo. 

    Venezia è un mondo a sé: una città lagunare fortemente bizantina. 

    Scendiamo ancora: l'Italia è una penisola, quindi andare al mare è estremamente facile. Ma non solo: chi preferisce la montagna è ugualmente felice, grazie agli Appennini. Troviamo quindi la Maremma toscana e quegli incanti di Firenze e Pisa; a est, Bologna. Più giù cambia l'architettura delle città: al nord, infatti, le città sono state costruite sul modello del "castrum" romano, mentre al sud le città sono state fondate dai greci e hanno una struttura meno ordinata, ma al contempo meno prevedibile. Abbiamo Napoli, che altro non è che la "nuova città" in lingua greca. I trulli pugliesi, altre città lagunari o di mare in Emilia Romagna, Potenza con le sue infinite scale mobili, fino ai splendidi porti siciliani. Nel centro del Mediterraneo, la Sardegna. 

    Insomma in Italia sono tutti felici, almeno dal punto di vista ambientale e storico-artistico. 

    Francia: i castelli della Valle d'Aosta si ritrovano nel sud-est della Francia. Unitamente si ritrova il francese, che nella regione a statuto speciale della Valle è lingua ufficiale con l'italiano, come altrove lo sono il tedesco e lo sloveno. 

    La Costa azzurra non è granché distinguibile dal paesaggio ligure (del resto la Costa prosegue la Riviera ligure). Marsiglia è famosa per il suo sapone, ma non solo: è una moderna città che combina paesaggio montano e marino. Poi c'è la Corsica, l'isola di Napoleone.

    La Provenza non presenta poi un paesaggio diverso dalle valli piemontesi: forse si distingue per la vivacità dei colori dei suoi fiori.

    A nord hai Parigi, ma anche la Bretagna, con i suoi paesaggi selvaggi quanto romantici, i suoi menhir e i borghi medievali; ma tutto l'ovest è segnato da un importante elemento estraneo all'Italia: l'Atlantico. La meraviglia delle onde che si infrangono sulle rocce durante un temporale sotto la luce di un faro. Un esempio su tutti: l'abbazia di Mont-Saint-Michel. 

    Italia e Francia hanno tanto in comune, ma anche tante diversità: è impossibile dire quale sia il Paese più bello con la lingua più bella e il cibo più buono. 

  • A_Rm
    Lv 7
    1 mese fa

    Certi paragoni sono sempre un po' rischiosi, e nelle altre risposte si è già detto molto.

    Direi che, mentre l'Italia è il "paese dei mille campanili", la Francia è "Parigi e la provincia". Il regionalismo, più sentito in Italia rispetto alla Francia sia per ragioni storiche (noi abbiamo solo poco più di 150 anni di storia unitaria, mentre loro ne hanno più del triplo), sia per la morfologia del territorio, ha avuto l'effetto di offrire più "punti di attrazione" all'Italia.

    Inoltre l'Italia ha il vantaggio rispetto alla Francia di offrire attrazioni come i vulcani attivi e le isole minori.

    Quello che però certamente favorisce la Francia è la sua posizione di centralità in Europa ed i collegamenti (immagino che Pintupi mi contesterà, ma non tutta l'Italia è il Nord Italia ed il Meridione e le isole sono veramente penalizzate da questo punto di vista).

    Dato che vivi in Francia, ove tu non lo sia già ti invito ad iscriverti al sito per espatriati Internations, che ha molte communities attive anche lì https://www.internations.org/france-expats

  • clara
    Lv 7
    1 mese fa

    Ma ci sei mai stato in Francia almeno, invece di sparare frasi fatte?

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.