Anonimo
Anonimo ha chiesto in Gravidanza e genitoriNeonati e bambini · 1 mese fa

Aspetto un bambino ?

Io 25 anni e lui 28. All'inizio mi ha detto che non potevamo andare a casa sua per problemi e liti in famiglia... Quindi la mia famiglia ci ha proposto di trasferirci da me, siccome ho una grande stanza in cui posso tranquillamente mettere tutti i confort per il bambino, lui inizialmente ha detto che forse era una soluzione e poi ieri se ne è andato dopo esser stato 2 gg insieme senza parlare mi ha detto x messaggi quando se ne è andato che devo andare io da lui, io gli ho detto che non voglio perché nel suo paese non c'è un pediatra e gli ospedali sono lontani, in più non ho nessuno che mi aiuta, non conosco nessuno e lui se va a lavorare tutta la giornata rimango solo in una campagna. Oltre alle liti che ha con la sua famiglia, tutto ciò non mi sembra adatto per un bambino in più a casa mia avremo tutto l'aiuto del mondo ed anche i miei genitori hanno sempre trattato lui come un figlio facendolo sentire a casa, poi gli ospedali sono vicini, conosco tutti, ci sono pediatri ed ogni comodità... Ma lui non vuole sentir ragioni e ieri ho pianto tantissimo al punto che ho avuto le fitte alla pancia, poi gli ho proposto di fare un po' a casa mia è un po' a casa sua ma anche questo non gli va bene... Che fare? Che ne pensate? 

3 risposte

Classificazione
  • 1 mese fa

    Innanzitutto, i miei migliori auguri e le mie felicitazioni per la gravidanza.

    Poi, da quello che leggo, vostro marito/compagno non si comporta bene. Che ne penso? Che lei non si merita di essere trattata così male in un momento così bello ma altresì molto delicato della sua vita.

    Entrambi dovete pensare al bene di vostro figlio e, per quanto difficile possa apparire oggi, bisogna anche accantonare le incomprensioni e le liti, perché non giovano a nessuno.

    Fate la scelta vostra, signora, e concentratevi solo sulla gravidanza, che a mio parere, è una cosa bellissima. Un dono.

    Auguri.

  • 1 mese fa

    Prendete in affitto un appartamento. Casa sua è tossica ma non puoi pretendere che lui sia ospite a casa dei tuoi. Siete una famiglia e dove andare a vivere da soli.

  • Fil
    Lv 7
    1 mese fa

    Non piangere sino a far soffrire il tuo corpo, ora c'è una pagnottina nel forno  :-)

    Che dire ?  L'ideale è l'autonomia (con un aiutino esterno) . Un piccolo appartamentino tutto per voi .

    auguri

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.