Secondo voi è giusto preferire il comunismo al fascismo?

Il comunismo ha fatto anche cose buone. Stalin ha messo fine alla 2a guerra mondiale, o comunque ha contribuito. Poi esistono anche personaggi comunisti positivi nella storia come Che Guevara. Il fascismo ha fatto solo male al mondo e non dite cose come bonifiche, scuole, Motoria nelle scuole perché sono tutte cose smentite

6 risposte

Classificazione
  • 1 mese fa

    No, sono due facce della stessa medaglia.

    Se vogliamo trovare cose buone le possiamo trovare dappertutto. Anche in un serial killer... figuriamoci nei fascisti e nei comunisti. Senza cose buone non avrebbero avuto manco un minimo di consenso non trovi?

    Stalin ha fatto fine a 2 guerra mondiale? Scherziamo?

    Stalin ha fatto massacrare milioni di russi, milioni di ucraini... ha fatto attaccare la Finlandia, occupato i paesi Baltici, si è spartito con Hitler la Polonia facendo massacrare centinaia di migliaia di Polacchi... ha guidato una politica per fare in modo di instaurare in tutta l'est Europa la dittatura.

    Che Guevara? Uno che ha seguito la sua vita per fare colpi di stato armati? Uno che voleva instaurare dittature nel continente americano? Uno che perseguitava gli gay, fatto bruciare biblioteche, massacrato intellettuali, imprenditori, contadini, medici...  fatto poi baruffa con Fidel Castro per avere il potere assoluto, scappato poi altrove per fare altri colpi di stato... rimasto poi ucciso in queste azioni.

    Il fascismo non è stato nient'altro che il comunismo di destra. 

    Prima e dopo la rivoluzione d'ottobre in Russia in molti paesi sono nati movimenti politici che volevano imitare questo colpo di stato e instaurare la dittatura del partito comunista. Nei decenni dopo la rivoluzione d'ottobre abbiamo avuto una evoluzione dei movimenti socialisti. Ed è proprio lì che è nato il fascismo e il nazismo. "Comunismi di destra" se vogliamo chiamarli così. E infatti il fascismo in Italia e il nazismo in Germania hanno avuto tantissimo punti in comune con il comunismo in Russia: dittature monopartitiche, propaganda pro lavoratori, collettivizzazione delle aziende, economia non più di mercato ma centralmente pianificata, campi di concentramento/lavoro, prigionieri politici, persecuzioni di oppositori politici...

    Stessa cosa l'abbiamo vista dopo la seconda guerra mondiale nella Spagna fascista di Franco fino al 1975 e nei paesi comunisti dell'est Europa fino al 1990.

    Stessa cosa la possiamo vedere ora nei paesi comunisti come la Corea del Nord, Cuba, Vietnam...

  • Anonimo
    1 mese fa

    la verità è che la sx la deve piantare di cantare Bella Ciao perché i partigiani non erano gay né tossici e non lottavano per fare invadere l'Italia dai negri, altro che falce e martello!!!! ai partigiani piacevano le mammelle, le belle chiappe bianche delle donne e la fritella, non quelle cose innaturali dell'arcobaleno e se io sono un partigiano che si risveglia per tutto quel casino e mi trovo in mezzo a un gay pride con tutta quella gente drogata che urla bella ciao e sembra evasa da un circo marziano, come minimo vi tiro una granata e la boldrini fa veramente la fine del sorcio!!!!

  • 1 mese fa

    Il comunismo è un'ideologia totalitaria al pari del nazismo. Ha provocato un numero di vittime molto maggiore del nazionalsocialismo e del fascismo messi insieme (oltre cento milioni di morti, ma è una stima approssimata per difetto) in Unione Sovietica, Polonia, Germania orientale, Cecoslovacchia, Ungheria, Romania, Bulgaria, Jugoslavia, Albania, Mongolia, Repubblica Popolare Cinese, Corea del Nord, Vietnam, Cambogia, Cuba e altrove. Non esistono personaggi positivi nel comunismo: lo stesso Che Guevara, che era andato in Bolivia a far il guerrigliero nella speranza di provocare un'insurrezione popolare fra i contadini, fu abbandonato dai suoi potenziali seguaci, catturato e ucciso dalle truppe speciali boliviane con l'aiuto degli agenti della CIA. Guevara fu anche un accanito persecutore degli omosessuali, che inviò in campi correzionale e sottopose a particolari sevizie. Quanto a Stalin, si schierò dalla parte degli Alleati soltanto perché Hitler e la Wehrmacht avevano invaso il territorio dell'Unione Sovietica arrivando sino alle porte di Mosca, Leningrado e Stalingrado, non per motivi umanitari e di liberazione dei popoli oppressi dal nazifascismo: tant'è vero che de facto la Germania nazista e l'Unione Sovietica furono alleate dal 23 agosto 1939 al 22 giugno 1941. Non diciamo stronzàte, per favore, e studiamo la Storia prima di parlare. Stalin combatté Hitler perché non aveva altra scelta se voleva liberare la madrepatria dalle armate naziste ed evitare il crollo dell'Unione Sovietica e poi, col prosieguo della guerra, prevalse la volontà di vendetta e di conquista dell'Europa: senza lo sbarco in Normandia degli Alleati angloamericani, nel 1944, i Sovietici sarebbero giunti in Italia e in Francia, sul Canale della Manica. 

    In Unione Sovietica c'erano i GuLag, campi di lavoro e di rieducazione in cui i dissidenti politici e i criminali comuni morivano come le mosche; in Cina vi sono tuttora i Laogai; anche in Corea del Nord abbondano i campi di concentramento e le carceri per gli oppositori (inclusi i cristiani). In Cambogia Pol Pot uccise circa un terzo della popolazione del suo Paese nel tentativo di instaurare un'utopia socialista basata sull'agricoltura e sul rifiuto della civiltà moderna "borghese".   

    All'esimia testa di càxxo che ha posto la domanda ricordo che i regimi comunisti si sono imposti in Europa a partire dal 1917-1922 (dopo la Rivoluzione d'Ottobre) e ancor più dopo il 1944-1948 (occupazione dell'Europa centro-orientale da parte dell'Armata Rossa sovietica), non dal 1848 (e per fortuna, aggiungo io). Il fascismo invece nacque nel 1919 (non nel 1914) e salì al potere nel 1922, mentre il nazismo fu pressappoco coevo del fascismo ma salì al potere nel 1933. Sia il fascismo sia il nazismo furono sconfitti militarmente e debellati politicamente nel 1945, mentre il comunismo sovietico cadde soltanto nel 1991, ed è ancora vivo e vegeto nella Repubblica Popolare Cinese e in Corea del Nord. Ecco perché il comunismo ha mietuto un numero molto più elevato di vittime rispetto al nazismo: per la maggiore estensione geografica e per la maggiore durata cronologica.       

  • jonny
    Lv 5
    1 mese fa

    Sono tutte e due ideologie sbagliate.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    4 sett fa

    Basta con le cazzate hanno fatto anche cose buone.

    Hanno fatto solo danni leggetevi La fattoria degli animali e cose simili.

  • Gli intenti originali del comunismo possono essere intesi come positivi, ma si è visto poi cosa è successo. Per quanto riguarda la seconda guerra mondiale, Stalin stesso disse che se non fosse stato per gli aiuti americani la guerra l’avrebbero persa, senza contare che inizialmente Russia e Germania si erano alleati nonostante fossero acerrimi nemici (anche con motivi più che validi). Quando Hitler invade la Russia per poco non la conquistava, la fortuna della Russia sono state l’autunno (periodo pessimo per combattere, a causa del terreno), l’inverno, le risorse umane e gli errori commessi dalla Germania, come attaccare Stalingrado. Che Guevara non era un personaggio positivo. Comunismo e 

    nazi-fascismo sono ideologie diverse, nemiche, ma sbagliate entrambe perché estremiste

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.