Anonimo
Anonimo ha chiesto in Relazioni e famigliaFamiglia · 5 mesi fa

Ma secondo voi sbaglio io?

Sto cercando di seguire un'alimentazione corretta e di perdere peso in quanto sono 15 chili in sovrappeso (che non sono pochi).

Allora ieri sera i miei genitori volevano ordinare la pizza ma io avevo già sgarrato con una super-brioches abbastanza grande la mattina e mercoledì avevo anche fatto il mio pasto libero perché sono uscita fuori a cena con amici.

Perciò sinceramente non mi andava di mangiare la pizza ma non ho mai vietato a loro di prenderla. Ho solo chiesto, visto che comunque la tentazione di cedere c'è se qualcuno me la mangia davanti agli occhi, se potevo cenare prima di loro oppure, in alternativa, potevano andare a mangiare fuori. Insomma, come preferivano. Alla fine hanno deciso di andare a mangiare fuori per conto loro ma...

Si sono incavolati tantissimo e sono incavolati ancora oggi. Io capisco che magari per loro la cena è l'unico momento in cui possiamo stare insieme ma ceniamo insieme tutti i giorni, per una volta non cascava il mondo. Non ho nemmeno chiesto loro di preparare le cose per me, mi sono cucinata da sola. Anche loro dovrebbero capire che sto cercando di pensare alla mia salute e dovrebbero sostenermi, venirmi incontro.

Ora hanno detto che d'ora in poi mangerò sempre da sola e mi preparerò sempre da sola perché faccio la difficile (ho sempre mangiato quello che cucinano loro, solo con porzioni ridotte, se loro si tirano giù il bis di pasta, ad esempio, io non lo faccio).

Non mi aiutano per niente :(

Aggiornamento:

Aggiungo che mi dicono che sono difficile perché vorrei mangiare carne max 2 volte a settimana, pesce 1 volta, 3 volte a settimana legumi e 1 volta uova.

Il pane sempre vicino, l'insalata anche. Mi sembra bilanciata come dieta, no? E naturalmente a pranzo mangio sempre o riso o pasta o comunque carboidrati. Non è che faccio la fame, faccio anche lo spuntino la mattina e il pomeriggio con frutta!

Credo che sia un modo di mangiare che potrebbero seguire tutti tranquillamente.

Aggiornamento 2:

@Bekha: sapevo che qualcuno avrebbe frainteso "quello che mangio io lo possono mangiare tutti tranquillamente".

Io non mangio vegano/vegetariano o altro, mangio di tutto: carne, legumi, pesce, uova, pasta, riso ecc... La differenza è che le MIE porzioni sono più piccole. Non c'è alcun cambiamento rispetto a quello che mangiano gli altri.

E se a volte cambio ovviamente non chiedo a loro di fare lo stesso, fatta eccezione per la pizza e le patatine fritte.

Aggiornamento 3:

 In quei casi li mangio una volta a settimana ma se loro vogliono mangiarle 2 volte non glielo vieto di certo. Però chiedo, quella seconda volta, di non mangiare davanti a me (quindi io mangio prima o dopo) o, se preferiscono, possono andare a mangiare fuori.

In una famiglia ci si dovrebbe venire incontro, soprattutto quando si tratta di sostenere la salute di uno dei membri, non credi?

3 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    5 mesi fa

    Nn sai qnto ti capisco , anche io da piccola avevo problemi di peso , e quindi cercavo di mettermi a dieta , logicamente una dieta bilanciata data da 1 dietologo ,,,e quindi capisco qnto sia difficile tenersi in forma qndo devi stare a dieta e vedere gli altri che possono mangiare di tt , e' 1 attimo che ti viene la voglia anche a te di mangiare quello che mangiano loro e di conseguenza sgarrare a tt spiano , e quindi e' difficile mettere a tavola 2 tipi di modi di mangiare , perché ti viene l'acquolina in bocca vedendo te che mangi un po di verdura e petto di pollo e gli altri si mangiano una carbonara , quindi fai bne a fare una dieta lontano dagli altri tuoi famigliari , se nn capiscono i sacrifici che fai , la tua voglia di dimagrire , e tt l'impegno che ci metti e la difficoltà che riscontri se vedi qlcno che ti mangia davanti alla faccia qndo tu nn puoi mangiare le stesse cose , beh!! hanno loro dei grossi problemi , secondo me , o sn dei mega egoisti o nn gli funziona il cervello , cmq sia se loro nn capiscono pazienza , basta che tu arrivi al tuo obbiettivo , quindi se per arrivarci serve fare quello che fai ,mangiando da sola o altro , che ben venga , tanto penso che nn puoi far uscire il sangue da 1rapa come si suol dire , che rimanessero con le loro convinzioni , basta che tu salvaguardi la tua salute , e che porti a termine quello che ti sei prefissata ...questo devi vedere , che poi alla fine nn e' finita qui , c'e la parte della dieta della perdita di peso , ma poi dovrai fare una dieta di mantenimento ...e anche li devi stare sempre attenta ….nn come qndo devi buttare giu peso ma quasi ...e' una lunga battaglia a vita quella con il peso , cmq sia perché nn ti iscrivi in palestra?? forse cosi accelleri i tempi e poi puoi nn so qlche volta mangiare fuori casa , in modo che tu ritorni a casa gia mangiata come si suol dire ahah ...esci un po da casa , forse andando in palestra potrai perdere peso più velocemente e poi mangiare quello che vuoi , si dico sempre cose che rientrano nella dieta , e magari nn stai sempre a litigare con i tuoi per i pasti , perché c'e gente che ci vive dentro le palestre , sempre compatibilmente con la tua vita ...nn so se studi o lavori ...prova , cosi esci fuori un po' da qsta faida del mangiare ...e sei più libera :)

  • penso che in questo tu abbia ragione, prova a spiegare loro con un discorso serio come la pensi e fai loro capire quanto sia importante per te la dieta per sentirti bene con te stessa. allo stesso tempo cerca anche di metterti nei loro panni.

  • 5 mesi fa

    Inizio col dirti che l’alimentazione , ognuno se la gestisce come vuole . Quindi non dire “quello che mangio io lo possono mangiare tutti tranquillamente” . No è sbagliato... tu fai come vuoi e loro fanno come vogliono loro ! Io in casa o un fratello vegetariano/vegano ( scusami non ne capisco tanto la differenza perché non è nel mio interesse , però hai capito no ? ? ) . Ti dicevo... lui mangia quello che vuole lui e noi facciamo tutt’altra alimentazione . Anche da noi c’e lo stress accumulato in certi giorni , perché chi fa un’alimentazione a modo suo , è difficile un po’ gestirla da parte dei genitori ( sopportano , sopportano , sopportano... ) . Quindi tutti i torti i tuoi genitori non ne anno perché appunto anche da me succedono discussioni , ma è normale/comprensibile , quindi tu se vuoi darci peso , dagliene pure , ma non troppo perché questo genere di cose succede in “tutte le famiglie” , non solo nella tua e nella mia ! Su una cosa sbagliano però i tuoi genitori e cioè , non è carino da parte loro che ti dicono “da ora in avanti ti cucini tu ecc” , c’e a parer mio non va bene . Mia madre per esempio , porta MOLTA pazienza con mio fratello nonostante alcuni giorni di stress , ma comunque gli cucina sempre . Per ieri sera non ne capisco il motivo che al loro rientro si siano arrabbiati , comunque a loro è stato bene così , cioè andare a cena fuori ! Che mi rappresenta che rientrano incavolati ? ? Per me , ma penso proprio anche a te , NULLA . Prova a chiederlo chiaro e tondo di questa loro arrabbiatura ! Un’alternativa che ti do quando loro mangiano di nuovo la pizza o qualcos’altro di buono , vai a cenare/pranzare in camera tua , così nessuno a il dovere di scomodarsi per farsi carino e andare a mangiare fuori ! Ciao e buona fortuna . Spero riuscirai a chiarire ! 

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.