Abracadabra ha chiesto in Scienze socialiSociologia · 3 sett fa

Contaminazioni lessicali: c’è una parola che non appartiene al vostro idioma d’origine, ma che avete assorbito come fosse vostra da sempre?

Mi chiedo cosa facessi prima di “scamazzare” i pomodori. 

Come esprimevo quel preciso gesto di schiacciare, ridurre in poltiglia? 

È un’espressione tipicamente napoletana, diventata per me di uso comune come se l’avessi sempre conosciuta. 

Voi avete parole o espressioni gergali assorbite con naturalezza da altre lingue, entrate nel vostro linguaggio quotidiano perché hanno colmato un “vuoto semantico”, o anche per semplice simpatia? 

6 risposte

Classificazione
  • Mi servo in maniera impropria del verbo "combinare" in italiano, lo uso come sinonimo di "riuscire a". 

    Ad esempio "Ho combinato a fare l'esercizio di matematica". 

    Oppure se ho avuto un semplice disguido poi risolto, dico "tranquilli, ho combinato". 

    Questo perché il verbo "combinâ" in friulano ha un significato diverso dall'italiano, è a dire il vero una "storpiatura" molto comune. 

  • Sì, c'è la parola "sofèr" (autista) che è stata introdotta nel dialetto dopo il periodo delle occupazioni francesi e viene usata al posto di quella originale "chauffeur".

  • Ad esempio, come renderesti in italiano, la parola portoghese " Saudade"? (Dato che parlavamo di Portogallo in un'altra domanda)

  • Anonimo
    3 sett fa

    Io utilizzo la parola smarriai con duplice significato: sposarsi e dimenticare

    Mi smarriai: mi sono dimenticato

    Chi si smarrio': chi si è sposato/ chi si è dimenticato? 

    A volte solo il contesto fa capire il senso della frase

    uso anche Mi ubliai: mi sono dimenticato

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 2 sett fa

    Invece di dire tutti insieme dico spesso alle zusammen, perché mi mette allegria. 

  • Nick
    Lv 7
    3 sett fa

    molte, i linguaggi non stanno mai fermi

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.