MA il pesto alla genovese 🌿?

Segretucci da voi provati e approvati per farlo venire bene in casa? Metterci solo basilico olio aglio sale e parmigiano.. È un'eresia o posso comunque chiamarlo pesto senza vergogna?  Grazie a tutti belli e brutti tutti i frutti 🦄

3 risposte

Classificazione
  • 3 sett fa
    Risposta preferita

    Va benissimo, sono genovese e ti posso garantire che va bene così. il pesto è una questione famigliare , ognuno lo fa con le sue varianti. Mia nonna aggiungeva un pochino di burro per renderlo più cremoso e di inverno , quando non c'era basilico, lo faceva con il prezzemolo.Le fisime dei puristi che vogliono solo aglio di Vessalico,basilico di Pra e pinoli di Pisa sono a mio parere un po' folli

    Ci sono due trucchi importanti. Se non usi un basilico giovane con le foglie piccole ma quello di una pianta grande con le  foglie un po' piegate conviene scottarlo un attimo, Lo butti nell' acqua bollente lo lasci trenta secondi e lo scoli. prima di condire la pasta metti un po' d'acqua di cottura e sciogli il pesto in una tazza. Se ne fai tanto e lo congeli non metterci mai l'olio ma aggiungilo prima di condire la pasta

  • Anonimo
    3 sett fa

    Personalmente mi attengo alla tradizione, quindi, come ingredienti: basilico fresco, aglio, parmigiano e pecorino grattugiato, olio extravergine di oliva, pinoli e un pizzico di sale; e come strumenti di lavoro, solo mortaio e pestello.

    Ovviamente poi ognuno può variare la ricetta in base al proprio gusto... basta chiamarlo "pesto alla genovese" e non "pesto genovese" :)

  • 4 sett fa

    Purtroppo, ingredienti a parte ( che comprendono poi  anche fagiolini e patate, benché molti non lo sappiano) se non lo pesti, non è pesto. Con il mixer( quello a pressione è il migliore)  e alcuni ingredienti comuni al vero pesto si fa una salsa che gli somiglia , ma non lo è. Comunque buonissima lo stesso. Io frullo prima i pinoli , che sono indispensabili, dieci grammi a testa, con un cucchiaio di parmigiano , uno spicchio di aglio e un peperoncino, perché tollero il piccante più di molte persone ( sono un quarto marchigiana, un quarto pugliese e il resto aquilana  ...).Frullo queste cose con poca acqua  per prime così il pesto resta verde, il basilico non annerisce, diventa  un po' scuro solo in superficie, si e no un millimetro : poi mescoli e scompare. Dopo aggiungo tante foglie di basilico,  l'origano fresco e secco, il timo, il prezzemolo, una spruzzata di limone, un po' di sale e frullo ancora. Se il basilico è tanto ( più ce ne metti meglio è), lo inserisco  un po' alla volta e se le lame non girano metto con molta prudenza un po' di acqua, poca per volta e  facendo le prove.Se il prodotto è troppo liquido, puoi unire altro parmigiano, ma sarebbe meglio controllare l'acqua goccia a goccia perché si rischia che sappia più di formaggio che di basilico. Solo alla fine aggiungo l'olio ; do solo tre giri da pochi impulsi perché le lame scaldandolo possono disperderne l'aroma. Deve venire una crema densa, verde chiara, quasi liscia. A me è riuscita sempre bene così, ma NON è pesto!

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.