Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scienze socialiStudi di genere · 3 sett fa

Se dopo 16 anni di amore per vostra figlia, scopriste che non è vostra, come vi comportareste?

16 anni in cui l'avete amata, l'avete sostenuta, gli avete fatto da padre. 

A me è successo questo. Mio padre non vuole più vedere mia madre e da un giorno all'altro ha troncato ogni rapporto anche con me. "

Sei un'estranea" mi ha detto, prima di andarsene per sempre.

Ora non voglio giustificare mia madre, lei di colpe ne ha, ma io? 

Io che colpa ne ho? 

Non sono sua figlia, ma tutto l'affetto che provava per me è svanito?

Da quel giorno sono passati 2 anni, sono maggiorenne e lui non si è mai più fatto sentire.

Aggiornamento:

Ho provato a contattarlo mi ha bloccata ovunque

30 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    3 sett fa

    anonimo si tuffa nello sbirro e ci fa le capriole tutto felice      

  • Joseph
    Lv 5
    3 sett fa

    Certo che ci vuole un bel coraggio per definirti un'estranea, io al suo posto sono sicuro che non avrei smesso di volerti bene nonostante tutto. Dici bene: tu non hai nessuna colpa,  e non capisco proprio come si possa smettere di amare da un giorno all'altro una persona che non ci ha fatto niente di male. 

  • 3 sett fa

    Mi hanno sempre insegnato che i genitori sono quelli che ti crescono... e non me l'hanno davvero insegnato, perché anche io l'ho sempre creduto. Purtroppo però ognuno è un mondo a sé, e a te è capitato uno strònzo (scusami) che a queste cose ci fa caso. Trovo surreale quello che leggo, proprio perché non capisco come fa tanto amore a evaporare di colpo... eppure boh... per qualcuno andrà così (magari ci sono sotto meccanismi mentali che non capiamo). Mi spiace molto comunque... tu per lui non sei un'estranea, obiettivamente... e non capisco come fa a dirlo...

    Secondo me finirà che un giorno ti cerca lui... ma se io fossi al tuo posto, gli sbatterei la porta in faccia... scusami ma la penso così...

  • Luigi
    Lv 7
    2 sett fa

    Non è certo piacevole apprendere una notizia così spiacevole. Credo però che con il tempo ed il "maturare delle nespole" tuo padre si rifarà vivo almeno con te avendoti accudito e cresciuto per sedici anni. Non lo chiamare più! Sarà lui a farsi vivo. Ti voglio bene! 

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 3 sett fa

    Mi dispiace molto per entrambi i tuoi genitori, tuo padre sta dando prova di piccineria e ristrettezza di vedute, meschinità e grettezza. I mariti, compagni e fidanzati delle madri dei miei figli naturali hanno sempre riconosciuto senza problemi i “loro” pargoli e li stanno allevando benissimo. Ci vogliono sportività e stile per saper portare le corna.

  • Non l’abbandonerei di certo. È comunque mia figlia, l’ho cresciuta e le vorrei molto  bene. 

  • Anonimo
    3 sett fa

    Non me la prenderei di certo con il figlio. Mi dispiace tanto credi,non ho parole,un dramma.

  • Naly
    Lv 5
    3 sett fa

    Mi dispiace tantissimo.. probabilmente l'odio che provava per tua mamma l'ha iniziato a vivere anche per te anche se non centri veramente niente... sono sicura però che l'amore che ha provato in passato fosse reale 

  • STiL
    Lv 6
    3 sett fa

    Sia tu che lui siete vittime e come tali vi dovreste supportare. Purtroppo è difficilissimo essere razionali, certamente continuerà a pensarti e probabilmente se ne pentira' in futuro. Hai mai provato a contattarlo?

    Starà soffrendo moltissimo, non è per niente semplice. Sono d'accordo sullo stato "devastante" descritto in un'altra risposta, probabilmente ancora non riesce a cercarti. Tu sei molto giovane e senti come un macigno passare 2 anni, ma lasciagli i suoi tempi. L'amore non si dimentica mai.

  • Anonimo
    3 sett fa

    Non saprei dovrei chiedere....

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.