AIUTOOO! Da tanto tempo per mio padre sto ricercando due storie cantate dai cantastorie che non se la ricorda interamente cantata.?

Una parla di "Valentino che facette cose leste/Prima di incontrar l'immascherata Valentino incontrò i carabinieri/gli dissero: «dove vai o testa ingrata». La storia di, credo, un commerciante di animali di nome Valentino che il suo cognato invece di dargli la pistola per difendersi la diede scarica, ma dopo incontrò i carabinieri e Valentino si era messo a parlare e disse che aveva la rivoltella e i carabinieri volevano vedere com'era e videro che era scarica e glielo dissero, così facendo gli diedero una rivoltella carica così si difendeva da "pietre e reste", ma appena giunto là in quelle foreste, si gli presenta 3 e ognuno mascherato, gli dissero: «fermo là, non far proteste/dacci i denari che tu hai intascato». «Valentino facette cose leste/ quando la veste si fu sbottonato/sparò un colpo e quindi non fa sgherra/uno di quelli cadeva per terra/gli altri due fuggirono senza far guerra/andiedero via di lì senza tardare/il colpo fece rintronar la terra/terremoto parea venisse a dare» «Corse il maresciallo a prender nota/la mia era carica, ma la tua era vuota/e quando la maschera gli fu levato/Valentino rimase tutto impaurito/ disse: "guardi maresciallo è il mio cognato/non piangere gli disse/o premunito/io ti difenderò come un tuo avvocato/il processo fu lungo con molte persone/ma Valentino non andò in prigione". Manca qualche pezzo. E l'altra è: "C'era a Trieste un ricco negoziante di nome vien chiamato Visolini" , dei banditi dovevano uccidere la figlia. Grazie in anticipo.

Ancora nessuna risposta.
Rispondi prima di tutti a questa domanda.