Anonimo
Anonimo ha chiesto in Società e cultureReligione e spiritualità · 4 mesi fa

Paura della morte??? AIUTO!?

È da un bel po che ogni tanto mi vengono gli attacchi di panico quando penso alla morte. Che prima o poi arriverà. Mi immagino me stessa quel giorno e ad un tratto mi sento mancare il respiro. Penso a come sarà, al fatto che non esisterò più, al fatto che non ci sarà niente, che sarà tutto buio e non potrò più vivere. Mi spaventa veramente tanto. Non so come fare per cercare di viverla bene. Tornerò a vivere, mi reincarnerò, è vero che c’è il Paradiso? È vero il contrario? Come faccio ad avere una coscienza se io sono morta? So che esistono persone sensitive che comunicano con i morti, che ti sanno dire cose che sai solo tu. So che esistono gli “spiriti” (non mi è capitato direttamente, ma ho conoscenti che purtroppo hanno sperimentato episodi del genere). Dopo la morte continueremo ad “essere”? Diventeremo spiriti? O semplicemente verremo cancellati? Mi mette un’ansia questa cosa... ho 19 anni. Sono giovane, eppure ho questi pensieri che mi tormentano. Più che altro perché quando ci penso proprio mi immedesimo e sento quello che sentirei quel giorno. E poi penso al vuoto, al nulla. E al fatto che non sarò più io, e per millenni e millenni non ci sarà niente. Ecco, mi sta venendo il panico. Ditemi qualsiasi cosa che mi possa aiutare ad accettarlo o magari qualcosa che possa provare il fatto che non sarà finita una volta morti. Grazie e scusate per il messaggio lungo.... ma è una cosa che mi preme molto. 

11 risposte

Classificazione
  • 4 mesi fa

    Ciao... io avrei potuto scrivere le stesse esatte parole. Una per una. Quando provo le tue stesse sensazioni una delle cose terribili è vedere che nessuno mi capisce. Nessuno, sembrano tutti ciechi dinnanzi all’ineluttabilità della morte. Allora, io non so aiutarti più di tanto sulla paura. Penso ci sia un motivo se noi stiamo così. Però voglio dirti che non sei sola. Ci sono altre persone che vivono esattamente quello che vivi tu!

  • 4 mesi fa

    La tua è una paura più che legittima e non sei il solo ad averla. Ti consiglio una lettura che ho trovato molto interessante che fa chiarezza su quello che la Bibbia dice in merito alla morte. Ti lascio il link:

    https://www.jw.org/it/cosa-dice-la-Bibbia/domande/...

    Anche questo breve video fa una panoramica sull'argomento:

    https://www.jw.org/it/biblioteca-digitale/video/#i...

    Fonte/i: jw.org
  • 4 mesi fa

    Ciao leggi i libri di Paramahansa Yogananda che ha fondato la self realization fellowship SRF di los Angeles ha scritto l Autobiografia di uno yogi, il Divino Romanzo, verso la realizzazione del Se l eterna ricerca dell uomo, dove splende la luce i Sussurri dell eternità, to be victorius in life, living fearlessly why God permits evil and how to rise above it 

    Paramahansa Yogananda era un santo illuminato lui riusciva a concentrarsi nell occhio spirituale e non sentire dolore e ha parlato di Dio come beatitudine, parla del mondo astrale della verità rivelata, della fede e della meditazione 

    C'è un libro la meditazione di Yogananda manuale per trovare te stesso e la gioia che stai cercando di jayadev jaerschky ed Ananda 

    da un discorso di Swami Kriyananda 

    Quando sento parlare delle cose che ho fatto penso che la cosa che voglio fare nella mia vita è non fare niente cioè lasciare Dio che fà tutto e noi tutti dobbiamo essere strumenti di una realtà molto piu grande di noi.

    C ' e tanto da dire e poco tempo per dirlo e cercherò di toccare le vostre anime e non soltanto le vostre menti

    nell'anima si puo capire tutto ma non nella mente che puo capire solo le idee la comprensione vera viene dall'anima allora se posso toccarvi a quel livello sarò felice.Per me non c'è niente di paranormale è una cosa molto normale che siamo anime che ci sono queste cose al di là della materia e infatti viviamo in un secolo dove è stato scoperto che la materia non esiste se non come vibrazione di energia Viviamo sempre piu in un epoca di energia e troveremo sempre piu che questi poteri diciamo questa conoscenza non è una cosa strana non è magica è una cosa che dobbiamo tutti avere perché lo abbiamo è soltanto riscoprire quello che siamo. Noi siamo da Dio siamo anime prima poi abbiamo un corpo e una mente una personalità la parte vera che rimane sempre in noi è l'anima e quando noi morriamo non è la morte coloro che lasciamo indietro soffrono ma colui che muore non soffre perché c'è una gioia sull'altro lato Mi ricordo un anno e mezzo fa che sono passato per una crisi del fisico e la pressione del sangue è scesa così in basso che potevo davvero morire, mi hanno portato all'ospedale e ho perso coscienza e li stavo pensando ma io posso morire questa notte e mi sento benissimo mi sento così in gioia e nessun ricrescimento nessun rimpianto e tutte le persone che mi hanno fatto male nella vita ho sentito un amore per loro grande e valeva la pea di passare per questa esperienza

    Mi ricordo anche quando era morto mio padre in quella mattina ho sentito la sua presenza come quando era giovane non piu un uomo di 85 anni Ho sentito mio padre come un bambino piccolo

    Mi ricordo ancora tre anni fa era il compleanno di mia madre e io volevo pregare per lei e mi sono trovato a pregare a lei e ho avuto una crisi e a l'improviso tutto è passato la crisi era passata anche se lei era una donna abbastanza buona ma non santa mi ha aiutato e guarito

    Ma questo mondo non è il mondo vero è una illusione l'altro mondo è meno illusione perché fatto di luce divina, dietro questo mondo c'è un altro che è fatto di coscienza il mondo causale dietro tutto c'è Dio

    Noi dobbiamo cercare non soltanto un risveglio ma un risveglio in Dio ed è questo che ho trovato quando sono andato da Yogananda che è nato cento anni fa questo è il suo centenario e io ho letto un suo libro durante un momento di crisi spirituale perché c ercavo ovunque la verità e non l ho trovata nelle università nella scienza nella politica e nell'arte. Mi ricordo che una sera sono andato a fare una passeggiata e pensavo Ma cosa è Dio? Non puo essere un poliziotto che guarda dall'alto e dice “ tu hai peccato vai nel carcere” non puo essere così noi che amiamo i nostri parenti anche quando sbagliano Dio deve essere la sorgente di amore non puo essere una persona, non adesso che capiamo che l universo è così grande che ci sono milioni di galassie e l uomo come è rappresentato nella cappella sistina è un assurdità Dio è però coscienza e che piu siamo vicini a quella coscienza piu ci sentiamo realizzati e piu che siamo lontani da quella coscienza piu soffriamo.

    La gente dice ma se Dio è pero una coscienza perché permette questa sofferenza la verità è molto semplice e posso dare una spiegazione, c'è una stufa calda e tu metti la mano sulla stufa e il dolore che hai è per proteggerti altrimenti se tu lasciassi la mano sulla stufa avresti un dolore piu grande distruggeresti la mano. Però la pena è pero per avvertirci che noi dobbiamo cambiare la nostra vita vivere in un modo meno egoistico in modo piu caritatevole piu rilassato un modo che include la realtà degli altri nella nostra realtà e la sofferenza del mondo è per insegnarci per farci capire ma Dio è amore. Come possiamo sapere questo in due modi guardando la vita di tutti quelli che hanno realizzato Dio perché questi sono di tutte le religioni e di tutte le epoche e di tutti i paesi in tutte le parti del mondo ci sono stati santi che erano raggi del sole e dello stesso sole dello Spirito e che hanno realizzato Dio e nessuno di loro dopo l'esperienza di Dio ha detto “ che delusione!” sarebbe assurdo invece tutti dicono “adesso ho scoperto lo scopo della vita e non c'è altro scopo” Noi siamo infatti fatti per Dio fatti per Lui fatti per realizzare Coloro che non parlano di Dio come i Buddhisti parlano di una coscienza e lo chiamiamo Dio loro non hanno nome. Ma la realizazzione che hanno i saggi è uguale parlano la stessa lingua la lingua dello Spirito I missionari che sono andati in India hanno trovato la Baghavad Gita la scrittura piu famosa che è uguale in molti modi alla Bibbia e così hanno pensato che certamente è stata scritta dopo la morte di Gesù Non è vero la veri

  • Anonimo
    4 mesi fa

    A me non fa nessun effetto. Però, in questo periodo mi sono capitati dei fatti che mi hanno messo in ansia per mia madre, per i miei parenti vicini e non credenti. Prego sempre per gli altri, ma sono molto distratta da cose materiali e problemi che non finiscono mai, no, credi pure fermamente che la morte fisica è solo l'inizio di un'altra vita. il Signore è venuto a dircelo, è venuto per salvarci dalla morte eterna. Puoi leggere la vita di un santo qualsiasi, e troverai che il Signore parlava con lui. Santa Brigida ha scritto libri su libri, santa Faustina un diario, Padre Pio le sue riflessioni ai suoi fedelissimi. Santa Caterina da Siena da analfabeta diventò scrittrice. Maria Valtorta ha scritto 10 volumi più 3 libri grossi come una casa. Moltissimo le è stato dettato. E ti spiega cose che nessuno può sapere. Perfino gli orientali sanno che la vita non finisce con la morte, lo sanno per esperienza, perché l'uomo ha più corpi e certi riescono a uscire da questo e a rientrare. Si chiamano viaggi astrali. Ciò che ti raccomando è di leggere il vangelo, più volte. Lo so, dice cose anche difficili da accettare, ma la vera vita sta lì. Su youtube puoi leggere le esperienze di molte persone : da Manuel di 6 anni, fino a Carlo Acutis di 15.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    3 mesi fa

    Ciao, mi chiamo Aurora ed ho la tua stessa età... io non ho paura della morte, perché sento fortemente la presenza di Gesù Cristo nella mia vita e so quello che mi aspetta. Sono salva nel suo nome. Ho la vita eterna. Per avere la vita eterna devi semplicemente credere in Lui, poiché Gesù è morto appositamente per noi, per pagare lui il prezzo dei nostri peccati, affinché noi possiamo essere salvati nel suo nome. Non avere paura.. cerca ora Gesù nel tuo cuore, proprio in questo momento.. digli qualcosa, affidati a Lui.. accetta il suo amore, il suo aiuto, confida in Lui. Vedrai come queste paure passeranno e ci vedrai così chiaro.. 

    sai qual è la mia unica paura adesso? Non ciò che ci sarà dopo la morte, poiché questo lo so benissimo e so che sono salvata e che sarà stupendo, ma che io muoia senza aver fatto abbastanza per Gesù, poiché Egli ha fatto così tanto per la mia vita e continua a farlo che voglio assolutamente portargli frutto come meglio posso, non voglio prendermi la salvezza e poi lavarmene le mani! Solo questa è la mia paura, ma davvero, nient’altro. La morte non mi condurrà alla morte, ma alla VERA vita. Dico sul serio, cerca Gesù anche IN QUESTO MOMENTO nel tuo cuore, ricevilo nel tuo cuore, e sentirai una pace mai sentita prima, e improvvisamente ogni dubbio e paura scomparirà, e sarà l’inizio di un stupendo cammino di luce. Ciao 🥰

  • Anonimo
    4 mesi fa

    Nessuno può scappare dalla morta   

  • 4 mesi fa

    devi razionalizzare: sei preoccupate perchè sei viva, una volta morta non sentirai più nulla, sarai simile a una pietra, niente ricordi, rimpianti, dolori, gioie, NULLA. Per quanto TE ne verrà, da morta, non sarai MAI ESISTITA. Non c'è un'altra vita, un'altra "dimensione" (altro argomento di cui tutti parlano ma nessuno sa cosa sia); guardati intorno con occhi disincantati: gli animali muoiono e non vanno da nessuna parte, nè ritornano, SIAMO NULLA e nulla continueremo ad essere, scusa l'ossimoro.

  • 4 mesi fa

    E' per questo che sono stati inventati Paradiso ed Inferno, per sopperire alla paura della morta insita dell'essere umano, chi più chi meno. Quindi invece di accettare che con la morte cerebrale è finita per sempre, si sono creati realtà ultraterrene, così da dare in senso alla loro vita. In realtà non c'è niente, nessuno sano di mente vorrebbe vivere per sempre, specialmente come lo descrivono loro.

  • Priest
    Lv 5
    4 mesi fa

    Certo che è tutto vero 

  • Anonimo
    4 mesi fa

    la morte non è altro che la tua separazione dal corpo materiale

    la coscienza non viene creata dalla materia ma piuttosto è lei che la crea

    è come quando vai  a dormire solo che prima soffri un po', ovviamente dipende dal tipo di morte pero' la tua coscienza non svanisce, esce solamente dal corpo perchè risiede nello spirito che è eterno...

    tante volte ci reincarniamo e siamo morti milioni di volte eppure abbiamo ancora paura della morte, l'unico modo è ascoltare la scintilla divina al centro del nostro petto, il nostro sè divino,

    li troverai le risposte che cerchi sulla vita e sulla morte

    non puoi conoscere la vita se non conosci la morte

    la chiamerei solamente distacco definitivo dal corpo materiale che non siamo noi,

    siamo spirito e anima che sono eterni.

    la fine è solo l'inizio di qualcos'altro

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.