cecilia ha chiesto in Matematica e scienzeMedicina · 2 mesi fa

Cellula batterica e Dna marcato?

seguito all'infezione di una cellula batterica da parte di un unico batteriofago in cui DNA è marcato con 32p vengono prodotte 109 particelle fagiche se si esclude che avvengono processi di ricombinazione quanti dei nuovi faci prodotti avranno il DNA marcato risposta?

 50 

100

 2 

25. 

Aggiornamento:

Perche cosa significa dna marcato?

1 risposta

Classificazione
  • 2 mesi fa

    Per DNA marcato si intende una molecola di acido desossiribonucleico con isotopi radioattivi 32P. Ricorda che il DNA è formato da unità fondamentali chiamati nucleotidi, formati da uno zucchero (pentosio) a cui si legano una base azotata e un GRUPPO FOSFATO (contenente, appunto, l'isotopo 32P in questo caso) rispettivamente in direzione 1' e 5'.

    Sappi che in seguito all'esperimento di Meselson e Stahl è stato dimostrato che il processo di replicazione del DNA è SEMICONSERVATIVO: immagina una molecola di DNA nella sua interezza, questa è formata da due emieliche avvolte tra loro.

    Quando una molecola di DNA deve replicarsi, la prima cosa che avviene è la denaturazione (separazione) dei due filamenti. In seguito, grazie al coinvolgimento di diverse proteine, tra cui la DNA-polimerasi, a ogni filamento viene aggiunto un filamento completamente nuovo. Così facendo hai ottenuto due molecole di DNA, ciascuna contenente due emieliche di cui una vecchia o parentale, e una nuova o neosintetizzata. Per questo motivo si definisce la replicazione come un processo semiconservativo. 

    Questo processo è estremamente importante per poter capire come rispondere correttamente alla domanda. 

    Ti do un consiglio, d'ora in poi elencherò dei processi che vorrei seguissi con un foglio di carta. Per raffigurare una molecola di DNA puoi semplicemente tracciare due linee verticali e parallele su un foglio che saranno i due filamenti. Inoltre usa due colori diversi a seconda se il filamento è marcato (rosso) oppure non marcato (blu). I colori sono arbitrari.Dunque: hai una molecola di DNA marcata con 32P, che è esattamente il DNA del batteriofago e, in quanto marcato con questo particolare isotopo, sappi che è diverso dal DNA della cellula batterica che sta per essere infettata.Adesso, il batterio viene infettato dal genoma virale che sfrutterà l'attività biosintetica della cellula batterica per REPLICARSI.Ricordi cosa ho detto prima? La replicazione è un processo semiconservativo, dunque questa molecola di DNA (due emieliche contenenti 32P) prima verrà denaturata, e in seguito si aggiungerà il filamento neosintetizzato a ogni filamento precedentemente separato.Attenzione però, i nuovi filamenti appena sintetizzati non hanno l'isotopo 32P! Dunque dopo un primo ciclo di replicazione avrai ottenuto, a partire dalla molecola di DNA virale, ben DUE molecole di DNA ognuna contenente due emieliche, ovvero una emielica con 32P e l'altra con fosforo normale. Quindi in tutto avrai ben 4 filamenti, di cui 2 marcati e 2 non marcati o normali.Continuiamo con un altro ciclo di replicazione: abbiamo ottenuto le nostre due molecole di DNA, queste verranno ancora una volta denaturate per poi avere la sintesi dei nuovi filamenti (con fosforo normale) per ciascun filamento precedentemente separatosi. Dunque dopo questo secondo ciclo di replicazione avrai ottenuto 4 molecole di DNA ognuna contenente due emieliche per un totale di 8 filamenti. Solo che due di queste molecole avranno UN SOLO filamento marcato, mentre le altre due molecole avranno entrambi i filamenti normali. Questo significa che possiamo procedere all'infinito: 3, 4, 5...109 non importa, avremo sempre come risultato una serie di molecole di DNA con due filamenti normali, e sempre DUE molecole di DNA con un filamento marcato e un filamento normale, quindi in totale avrai sempre 2 molecole di DNA marcato.Spero di esserti stato di aiuto:) 

    Attachment image
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.