Daniele ha chiesto in Casa e giardinoGiardinaggio · 6 mesi fa

Verderame?

Buongiorno a tutti! Ho da poco tempo un mio orto e ho piantato diverse piante, tra cui cetrioli, melanzane, pomodori, etc.

Sono andato a trovare il mio vicino di orto e mi ha dato un prodotto da spruzzare nelle mie piante, ovvero il verderame.

Lui ha da oltre 20 anni l'orto. E mi ha detto di mettere il verderame su tutte le mie piante. Io da ignorante ho detto va bene ma poi mi successivamente dopo un paio di giorni mi sono chiesto: "è tossico il verderame?". Ho spruzzato il verderame su tutte le mie piante, incluse le insalate e una verdura asiatica simile alla cicoria. Quindi sono andato da lui e gli ho detto che avevo spruzzato il verderame anche sull'insalata e l'altra e mi ha detto che lì non andava spruzzata perché è tossico. E mi ha consigliato di lavarle per bene con bicarbonato. Sarà sufficiente lavarle con bicarbonato? Ho paura che mi facciano male. Mi sono fidato di lui che mi ha detto di spruzzarlo ovunque... Era la prima volta che sentivo il verderame perché sono proprio alle prime armi.

Saresti così gentile da togliermi questo dubbio? Grazie mille.

3 risposte

Classificazione
  • 6 mesi fa

    Un parere dell’Efsa, Agenzia europea per la sicurezza alimentare, conferma in modo franco la tossicità del Verderame. L’Efsa aveva già indicato i composti del rame utilizzati in agricoltura biologica come tossici, e con il nuovo rapporto presentato nei mesi scorsi riconferma la tossicità sia per il personale che lavora in agricoltura che per chi dovesse consumare cibo contenente residui di composti di rame.

  • Paolo
    Lv 6
    6 mesi fa

    Il verderame lo devi utilizzare almeno una settimana prima del raccolto devi coprire il fogliame e il tronco delle piantine Ad ogni modo dopo un buon lavaggio con amuchina puoi mangiare la tua insalata

  • 6 mesi fa

    Verderame o poltiglia bordolese, solfato di rame il primo di tutti. Su usa d 200 anni e non è mai morto nessuno

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.