Anonimo
Anonimo ha chiesto in SaluteSalute mentale · 5 mesi fa

Esiste ancora sta gente barbara che nega il danno degli psicofarmaci?

Un mio amico é diventato sterile con un antipsicotico,ha 30 anni gli hanno detto che non può più avere figli e forse col tempo perderà anche la possibilità di avere erezioni.

Un altro e morto per colpa di queste sostanze. 

Un altro ancora sta avendo allucinazioni, va di continuo dal suo psichiatra (che io chiamo spacciatore), ma qualsiasi "cura" gli da pare che la sua situazione sia passata dal grave all'essere un inferno totale.La condizione esistenziale è sempre la stessa. 

Vergognatevi voi che le chiamate cure,si sono rovinate centinaia di vite così,gli psichiatri esistono per distruggere chi nella società viene definito difettato e incapace di produrre! 

Aggiornamento:

Peccato che non curano una beata *******, si sta peggio altro che farmaco

3 risposte

Classificazione
  • 5 mesi fa

    Pienamente d'accordo.

    Gli psicofarmaci, gli antidepressivi e specialmente gli antipsicotici (quelli più potenti) non fanno nient'altro che rovinare il cervello creando sbalzi d'umori ancora peggiori una volta in astinenza (anzi vi sono anche chi in grosse quantità ha problemi fisiologici, o allo stomaco o di metabolismo e tende ad ingrassare).

    Non risolveranno mai e poi mai i tuoi problemi interiori, per quello se sei uno che si sa autodominare ancora abbastanza bene e può contare sull'appoggio di un familiare è molto meglio un auto-analisi, ma devi essere tu che devi avere la forza di dirottare il cambiamento della tua mente o addirittura della tua personalità (cioè non solo il comportamento in maniera sommaria, ma addirittura avere una profondità tale d'introspezione da modificare addirittura alcuni atteggiamenti istintivi). Occorre dire però che ci vuole molta pazienza e forza di volontà, senza, non vai da nessuna parte, chi dice il contrario e ti dà il rimedio bello pronto è un mascalzone o un povero illuso.

    L'unico obiettivo degli psicofarmaci è quello di "alleviare", di castrare, di rendere mansueto, non di togliere certi pensieri mettendone altri, quindi non vuole risolvere i problemi ma funziona da "narcotico", "addormenta" i problemi, rende quei pensieri e quegli impulsi meno potenti ma non li toglie affatto... se essere castrati come lo sono anche molte persone estremamente superficiali che si ritengono sane e razionali, solo perchè scappano dal proprio inconscio significa essere sani, beh, allora, dovremmo ritenerci contenti di essere un pò folli, di provare emozioni, talvolta eccessive solo perchè negative e non pienamente controllate, almeno noi viviamo, loro per niente (i castrati, e molti dottori lo sono, non solo per la necessità della professione, sono proprio cosi' come persone nel quotidiano....)

    Sei poi ci mettiamo pure il business del mercato farmaceutico e dell'associazione a delinquere, chiamata psichiatria legalizzata, allora il disprezzo non può che essere assoluto.

    Se proprio ti serve un consiglio vai da uno psicologo esperto, e sfruttalo per migliorarti (ti fai dare una strategia di manipolazione mentale ad esempio), devi sfruttarlo tu, non devi farti sfruttare tu da lui (a lui interesserà solo il compenso economico, come sempre in questa società capitalista e massificata...., a volte sparano anche balle assolute ricche di pregiudizi senza nessuna connessione con la tua storia individuale e personale). 

    In bocca al lupo (per chiunque tu abbia fatto questa domanda, ma credo proprio tu l'abbia fatto per te stesso).

  • Anonimo
    5 mesi fa

    Ogni farmaco ha i suoi effetti collaterali

  • Anonimo
    5 mesi fa

    Se uno ha la gamba in cancrena non gliela tagli perchè se no si rovina la vita?

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.